Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 16/04/2019

Al Festival della Bellezza di Verona c’è Michael Nyman

Uno dei protagonisti della rappresentazione artistica dell’“Anima e le Forme”, tema di questa edizione del Festival, che indaga l’espressione artistica dello spirito nelle sue varie espressioni.

È una delle grandi icone della musica internazionale: Michael Nyman sarà ospite giovedì 30 maggio 2019 (ore 21.30) alla VI edizione del Festival della Bellezza di Verona, la manifestazione ispirata a Dante, Mozart e Shakespeare che si conferma tra le più prestigiose del panorama nazionale, quest’anno dedicata al tema “L’Anima e le Forme”.

Compositore tra i più brillanti, prestigiosi e influenti della scena internazionale, autore di molti bestseller (oltre  3 milioni di copie vendute della colonna sonora di “Lezioni di piano”), Nyman propone al Teatro Romano un concerto speciale al pianoforte accompagnato dalla sua orchestra  – la Michael Nyman Band – e dalla celebre contralto Hilary Summers.

 

Programma:

Memorial dal film di Greenaway Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante 

Come unto these yellow sands dal film di Greenaway L’ultima tempesta 

Prospero’s Magic dal film L’ultima tempesta

War Work: 8 Songs with Film ultimo suo capolavoro, film documentario in cui le proiezioni si fondono con i suoni

 

La variazione è il tema. Visionarie composizioni sonore, ariose e struggenti. Melodie ipnotiche, vibranti progressioni e appassionati ritorni. Sonorità sperimentali dai rimandi antichi. Cadenze shakespeariane. “L’isola è piena di questi sussurri, dolci suoni, rumori, armonie”.

 

BIOGRAFIA – Michael Nyman è uno dei protagonisti della rappresentazione artistica dell’“Anima e le Forme”, tema di questa edizione del Festival, che indaga l’espressione artistica dello spirito nelle sue varie espressioni, la musica, la letteratura, la filosofia, la pittura, il teatro, il cinema. Il titolo fa riferimento all’omonimo testo di György Luckas sulle forme del rapporto tra uomo e assoluto.

Tra i massimi compositori contemporanei, pianista e musicologo, Michael Nyman ha firmato alcune delle colonne sonore più memorabili applicando l’impulso innovatore della musica contemporanea alla potenza visiva della Settima arte. Una musica ariosa, a tratti barocca, che si regge su travolgenti progressioni di archi, sulla proposizione ipnotica di frasi musicali e su melodie antiche da adagio settecentesco; soprattutto, una musica visionaria. I suoi suoni nascono “da un’angoscia musicale molto personale” e riescono a combinare folk, elettronica, musica sacra e classica in una miscela unica di emozionante “potenza, passione, istinto, dolore”.

Diplomato alla Royal Academy of Music e King’s College di Londra, si afferma come critico musicale impiegando per la prima volta nel 1968 il termine “minimalismo” in ambito musicale, corrente estetica di cui diverrà poi maestro indiscusso. Nel 1976 la sua Decay Music disegna nuove traiettorie armoniche tra Steve Reich e Brian Eno, grazie alla piccola formazione orchestrale delineata per le sue composizioni. Nel 1981, con M-Work, rivede il minimalismo in senso comico mentre con il regista inglese Peter Greenaway Nyman si va affermando come compositore neoclassico in un’esperienza che verrà fissata nel 2005 nella raccolta Nyman/Greenaway Soundtracks. Nel 1987 ravviva l’opera da camera britannica con L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello. Nel 1993 Lezioni di piano lo proietta nelle classifiche dei dischi più venduti al mondo, seguito dalla colonna sonora di Gattaca nel 1997 e di Wonderland nel 1999. Facing Goya nel 2000 e Man and Boy: Dada nel 2003 lo confermano maestro nel genere operistico, mentre si cimenta come realizzatore di propri cortometraggi e sonorizzatore di celebri film muti degli anni Venti. Nel 2009 collabora con il cantante David McAlmont al progetto The Glare. Conteso dai migliori registi, tiene concerti in tutto il mondo con la Michael Nyman Band.



Leisure - 01/02/2018

Frida Khalo e la vocazione naturale per l’arte

"Ho subito due gravi incidenti nella mia vita...il primo è stato quando un tram mi ha travolto e il [...]

Leisure - 24/08/2018

A Modena la filosofia in un festival

Si può parlare di filosofia nelle piazze? Succede ogni anno a Modena e dintorni con l'affollato Fes [...]

Leisure - 21/05/2018

VitignoItalia 2018, a Napoli le eccellenze dell’enologia

La Campania, terra ricca di tradizione vitivinicola, ospita una grande kermesse dedicata ai vini in [...]

Top