Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 24/05/2019

Al Franco Parenti un’estate di teatro dal mondo

E nella prossima stagione torna "Skianto" di Filippo Timi e "I promessi sposi alla prova". Una selezione del cartellone appena presentato.

È GIA’ DOMANI

Guardare il futuro con fiducia

 

 

3 – 6 giugno | Sala Grande

LA COMETA (Polonia)

ispirato alla vita e all’opera di Bruno Schulz
di Teresa e Andrzej Wełmiński
con: Nick Halliwell, Andzik Kowalczyk, Teresa Máiquez, Laura Pasetti, Laura Pau, Lawrence Stanley, Teresa Wełmińska, Andrzej Wełmiński
direzione tecnica: Mariusz Gąsior

 

4 luglio | Bagni Misteriosi

KAZUFUSA HŌSHŌ (Giappone)

SHUNKAN

uno spettacolo di Tagiki Noh

receduto dalla cerimonia del Tè

presentato dalla Città di Kanazawa con il supporto di Japan Foundation

 

6 – 27 giugno | Sala Tre

VISITE

ideazione e regia Riccardo Pippa
di e con: Cecilia Campani, Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Maria Vittoria Scarlattei, Matteo Vitanza
dramaturg: Giulia Tollis
maschere e costumi: Ilaria Ariemme
scenografia: Anna Maddalena Cingi
disegno luci: Paolo Casati
cura del suono: Luca De Marinis
assistente alla regia: Daniele Cavone Felicioni
produzione Teatro Franco Parenti / Teatro dei Gordi
con il sostegno di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura
 

20 – 21 giugno | Sala Grande

Bämsemble Company
SALT. THE MARVELLOUS PUPPET SHOW
con: Sara Bellodi, Andrea Cavarra, Arturo Gaskins, Marco Giacomini, Michele Guidi, Mauro Groppo, Magda Pohl-Tontini, Anna Rasero, Stefania Santececca, Sebastiano Sicurezza
musiche: Roberto Romagnoli, Matteo Cassi
regia e training di superdrama Jon Kellam
co-regia: Madeleine Dahm
drammaturgia: Francesco Botti, Jon Kellam, La Compagnia
coreografia e movimento: Madeleine Dahm, Jon Kellam
maschere e scenografie: Zorba Officine Creative
costumi: Chiara Barlassina
assistenti: Livia Morelli, Andrea Deliberato, Benedetta Galli, Roberta Micheletti, Stefania Coloru
light designer: Marcello Falco, Anna Merli
executive producer Andrea Cavarra
produzione Bämsemble Company
in collaborazione con Zorba officine creative, Accademia dell’arte, Spazioseme e Accademia di Belle Arti di Brera

 

24 settembre – 13 ottobre | Sala Tre

OPERA PANICA

Cabaret tragico

di Alejandro Jodorowsky

traduzione di Antonio Bertoli

con: Valentina Picello, Loris Fabiani, Francesco Sferrazza Papa

e con i DUPERDU (Marta Marangoni e Fabio Wolf) e altri in via di definizione

regia e spazio scenico di Fabio Cherstich

produzione Teatro Franco Parenti

 

7 – 20 ottobre | Foyer

COLTELLI NELLE GALLINE

di David Harrower

traduzione Monica Capuani e Andrée Ruth Shammah

regia Andrée Ruth Shammah

con: Eva Riccobono, Alberto Astorri, Pietro Micci

scene: Margherita Palli con la collaborazione di Marco Cristini

luci: Camilla Piccioni

costumi: Sasha Nikolaeva

musiche: Michele Tadini

video: Luca Scarzella

produzione Teatro Franco Parenti / Fondazione Campania dei Festival – Napoli Teatro Festival Italia in collaborazione con Spoleto 62 Festival dei 2Mondi

 

9 – 20 ottobre | Sala Grande

SE QUESTO È UN UOMO

dall’opera di Primo Levi (pubblicata da Giulio Einaudi editore)
condensazione scenica a cura di Domenico Scarpa e Valter Malosti
uno spettacolo di Valter Malosti
scene: Margherita Palli
luci: Cesare Accetta
costumi: Gianluca Sbicca
progetto sonoro: Gup Alcaro
tre madrigali (dall’opera poetica di Primo Levi) Carlo Boccadoro
video: Luca Brinchi, Daniele Spanò
in scena: Valter Malosti

e Antonio Bertusi, Camilla Sandri

una produzione TPE – Teatro Piemonte Europa – Teatro Stabile di Torino –Teatro Nazionale
Teatro di Roma – Teatro Nazionale
progetto realizzato in collaborazione con Centro Internazionale di Studi Primo Levi in occasione del 100°anniversario dalla nascita di Primo Levi (1919 –1987)

 

16 – 30 ottobre | Sala Tre

CLÔTURE DE L’AMOUR

uno spettacolo di Pascal Rambert

traduzione: Bruna Filippi

con: Anna Della Rosa, Luca Lazzareschi

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione

 

22 ottobre – 17 novembre | Sala AcomeA

MARJORIE PRIME

di Jordan Harrison

regia di Raphael Tobia Vogel

con: Ivana Monti, Francesco Sferrazza Papa, Pietro Micci (e altri da definire)

produzione Teatro Franco Parenti

 

23 ottobre – 3 novembre | Sala Grande

LE SIGNORINE

di Gianni Clementi

con: Isa Danieli e Giuliana De Sio

regia di Pierpaolo Sepe

la voce del mago è di Sergio Rubini

scene: Carmelo Giammello

costumi: Chiara Aversano

luci: Luigi Biondi

produzione Nuovo Teatro

 

5 – 17 novembre | Sala Tre

SCHIANTO

ideazione e regia Stefano Cordella

drammaturgia collettiva

con: Dario Merlini, Francesca Gemma, Umberto Terruso, Fabio Zulli

scene e costumi: Maria Paola Di Francesco

disegno luci: Stefan Capra

sound designer: Gianluca Agostini

produzione Òyes con il sostegno di Armunia Centro di Residenze

 

5 – 24 novembre | Sala Treno Blu

GINO IL POSTINO

nuovo allestimento tratto da Nato postumo di Francesco Brandi

con Francesco Brandi

regia di Benedetta Frigerio

produzione Teatro Franco Parenti

 

7 – 17 novembre | Sala Grande

SI NOTA ALL’IMBRUNIRE

(Solitudine da paese spopolato)

di Lucia Calamaro

con Silvio Orlando

e con (in o.a.): Roberto Nobile, Alice Redini, Maria Laura Rondanini

(altro attore da definire)

scene: Roberto Crea

costumi: Ornella e Marina Campanale

luci: Umile Vainieri

regia: Lucia Calamaro

produzione: Il Cardellino srl in coproduzione con Teatro Stabile dell’Umbria in collaborazione con Napoli Teatro Festival Italia

 

19 novembre – 1 dicembre | Sala AcomeA

IL GATTO

dall’omonimo romanzo di Georges Simenon

traduzione e adattamento Fabio Bussotti

con Alvia Reale, Elia Schilton

e Silvia Maino

regia: Roberto Valerio

produzione Compagnia Orsini

 

19 – 22 novembre | Sala Tre

SOCIALMENTE

di e con Francesco Alberici e Claudia Marsicano

drammaturgia: Francesca Alberici

assistente alla regia: Daniele Turconi

Frigoproduzioni/Compagnia degli Scarti

 

22 – 24 novembre | Sala Grande

PRÓXIMO (Argentina)

scritto e diretto da Claudio Tolcachir

con: Santi Marín, Lautaro Perotti

luci: Ricardo Sica

scene: Sofia Vicini

costumi: Cinthia Guerra

organizzazione: Teatro TIMBRe 4

produzione: Jonathan Zak, Maxime Seuge

un progetto Teatro Franco Parenti e Zona K

 

26 novembre – 1 dicembre | Sala Grande

VORREI ESSERE FIGLIO DI UN UOMO FELICE

di e con Gioele Dix

Produzione Giovit

 

23 novembre – 1 dicembre | Sala Tre

TROPICANA

con: Francesco Alberici, Salvatore Aronica, Claudia Marsicano, Daniele Turconi

drammaturgia collettiva a cura di Francesco Alberici

scenografia: Alessandro Ratti in collaborazione con Sara Navalesi

disegno luci: Daniele Passeri

un progetto di Frigoproduzioni

coproduzione Associazione Culturale Gli Scarti con il supporto di Pim Off -Teatro Excelsior di Reggello (FI) – Residenza IDra e Settimo Cielo nell’ambito del progetto Cura 2016

 

3 – 15 dicembre | Sala AcomeA

INFINITO TRA PARENTESI

di Marco Malvaldi

con Maddalena Crippa, Giovanni Crippa

regia di Piero Maccarinelli

scene: Maurizio Balò

musiche: Antonio Di Pofi

produzione Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia – Teatro della Toscana-Teatro Nazionale – Mittlefest

 

4 – 22 dicembre | Sala Tre

LUNGS

di Duncan Macmillan

traduzione: Matteo Colombo

con: Sara Putignano, Davide Gagliardini

regia: Massimiliano Farau

produzione Fondazione Teatro Due

 

5 – 8 dicembre | Sala Grande

SULLA MORTE SENZA ESAGERARE
ideazione e regia Riccardo Pippa
di e con: Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Matteo Vitanza
scene, maschere e costumi: Ilaria Ariemme
disegno luci: Giuliano Bottacin

produzione Teatro dei Gordi / Teatro Franco Parenti

con il sostegno di Regione Lombardia e Fondazione Cariplo – Progetto Next – Laboratorio delle idee per la produzione e la distribuzione dello spettacolo dal vivo – TIEFFE Teatro Milano – Armunia – Campo Teatrale di Milano – Centro Artistico Il Grattacielo – Centro Teatrale MaMiMò- Mo-wan teatro – Sementerie Artistiche – Concentrica 2016 – Asti Teatro

 

11 – 22 dicembre | Sala Grande

CITA A CIEGAS

di Mario Diament

traduzione, adattamento e regia Andrée Ruth Shammah

con: Gioele Dix, Laura Marinoni, Elia Schilton, Sara Bertelà, Roberta Lanave

scene: Gianmaurizio Fercioni

luci: Camilla Piccioni

costumi: Nicoletta Ceccolini

musiche: Michele Tadini

produzione Teatro Franco Parenti e Fondazione Teatro della Toscana

 

12 – 22 dicembre | Palazzina Bagni Misteriosi

PEER GYNT Suite

da Henrik Ibsen
musiche Edvard Grieg
regia: Luca Micheletti
un progetto drammaturgico di e con Federica Fracassi e Luca Micheletti
arrangiamenti e pianoforte: Lorenzo Grossi
danzatrice e coreografa Lidia Carew
soprano Anna Roberta Sorbo
e con la partecipazione di Lorenzo Vitalone
costumi: Antonio Marras
assistenti alla regia: Francesco Martucci e Jacopo M. Pagliari

produzione Teatro Franco Parenti
con il sostegno di Compagnia Teatrale I Guitti e Innovation Norway
sotto l’Alto Patrocinio della Reale Ambasciata di Norvegia in Italia
17 – 22 dicembre | Sala AcomeA

PERLASCA. IL CORAGGIO DI DIRE NO

di e con Alessandro Albertin

regia: Michela Ottolini

luci: Emanuele Lepore

produzione Teatro de Gli Incamminati in coproduzione Teatro di Roma

 

 

31 dicembre – 6 gennaio | Sala Grande

GARDEN-PARTY (Francia)

produzione Quartier Libre

 

7 – 19 gennaio | Sala AcomeA

SHAKESPEA RE DI NAPOLI

composto e diretto da Ruggero Cappuccio

con: Claudio Di Palma e Ciro Damiano

musiche: Paolo Vivaldi

costumi: Carlo Poggioli

luci: Giovanna Venzi

aiuto: regia Nadia Baldi

produzione Teatro Segreto

 

8 – 19 gennaio | Sala Grande

WINSTON vs CHURCHILL

da Churchill, il vizio della democrazia di Carlo G. Gabardini

con Giuseppe Battiston

e con Maria Roveran

regia: Paola Rota

produzione Nuovo Teatro in coproduzione con Fondazione Atlantide Teatro Stabile Verona

 

14 – 26 gennaio | Sala Tre

IO, MAI NIENTE CON NESSUNO AVEVO FATTO

drammaturgia e regia Joele Anastasi

con: Joele Anastasi, Enrico Sortino, Federica Carruba Toscano

produzione Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

co-produzione: Vuccirìa Teatro

 

21 gennaio – 2 febbraio | Sala Grande

SKIANTO

uno spettacolo di e con Filippo Timi

luci: Gigi Saccomandi

costumi: Fabio Zambernardi

produzione Teatro Franco Parenti

 

22 gennaio – 2 febbraio | Sala AcomeA

NEL MARE CI SONO I COCCODRILLI
Storia vera di Enaiatollah Akbari

di Fabio Geda

nella riduzione a firma dell’autore

con: Paolo Briguglia, Roberto Salemi

musiche eseguite dal vivo da Fabio Zeppetella

regia: Paolo Briguglia e Edoardo Natoli

produzione BAM Teatro in collaborazione con Palermo Teatro Festival

 

28 gennaio – 2 febbraio | Sala Tre

NE VERYU – NON CI CREDO

K.S. STANISLAVSIJ

di e con Egidia Bruno

 

 

4 – 9 febbraio | Sala AcomeA

LA PUREZZA E IL COMPROMESSO

scrittura scenica e regia Paolo Trotti

con: Stefano Annoni, Diego Paul Galtieri, Margherita Varricchio

produzione Teatro Linguaggicreativi

 

11 – 23 febbraio | Sala Grande

I PROMESSI SPOSI ALLA PROVA

di Giovanni Testori

regia di Andrée Ruth Shammah

con Luca Lazzareschi, Laura Marinoni

e con Filippo Lai, Laura Pasetti, Nina Pons, Sebastiano Spada

e la partecipazione di Carlina Torta

scene e costumi: Gianmaurizio Fercioni

luci: Camilla Piccioni

musiche: Michele Tadini e Paolo Ciarchi

produzione Teatro Franco Parenti e Fondazione Teatro della Toscana

con il sostegno dell’Associazione Testori

 

12 febbraio – 1 marzo | Sala AcomeA

DOLORE SOTTO CHIAVE

SIK-SIK L’artefice Magico

due atti di Eduardo De Filippo

con: Carlo Cecchi, Angelica Ippolito

Vincenzo Ferrera, Dario Iubatti, altri attori in definizione

regia: Carlo Cecchi

produzione Marche Teatro – Teatro di Roma – Elledieffe

 

13 febbraio – 1 marzo| Sala Tre

PER STRADA

di Francesco Brandi

regia: Raphael Tobia Vogel

con: Francesco Brandi e Francesco Sferrazza Papa

produzione Teatro Franco Parenti

 

25 febbraio – 1 marzo | Sala Grande

DRACULA

da Bram Stoker

adattamento teatrale di Sergio Rubini e Carla Cavalluzzi

con: Luigi Lo Cascio, Sergio Rubini

e con: Lorenzo Lavia, Roberto Salemi, Geno Diana

regia: Sergio Rubini

produzione Nuovo Teatro

 

10 – 29 marzo | Sala AcomeA

LOCKE

di Steven Knight

di e con Filippo Dini

produzione Teatro Franco Parenti

 

12 – 15 marzo | Sala Grande

WHEN THE RAIN STOPS FALLING

Quando la pioggia finirà

di Andrew Bovell

da un progetto di lacasadargilla

regia: Lisa Ferlazzo Natoli

traduzione: Margherita Mauro

con: Caterina Carpio, Marco Cavalcoli, Lorenzo Frediani, Tania Garribba, Fortunato Leccese,

Anna Mallamaci, Emiliano Masala, Camilla Semino Favro, Francesco Villano

scene:Carlo Sala

costumi:Gianluca Falaschi

disegno luci:Luigi Biondi

disegno del suono:Alessandro Ferroni

disegno video:Maddalena Parise

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Teatro di Roma-Teatro Nazionale, Fondazione Teatro Due
con il sostegno di Ambasciata di Australia e Qantas

 

20 – 29 marzo | Sala Grande

TARTUFO

di Molière

adattamento e regia: Roberto Valerio

con (o.a.): Giuseppe Cederna, Roberto Valerio

e con Paola De Crescenzo, Massimo Grigò, Elisabetta Piccolomini, Roberta Rosignoli,

Luca Tanganelli

scene: Giorgio Gori

costumi: Lucia Mariani

luci: Emiliano Pona

una produzione Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale
con il sostegno di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, Regione Toscana

 

20 – 22 marzo | Sala Tre

MOTHERS, THREE (Israele)

Regia Lahav Timor

Con: Yehiam Barko, Yoni Grin, Sagi Tai

 

24 marzo – 9 aprile | Sala Tre

VERSO SANKARA

Alla scoperta della mia Africa

drammaturgia e regia di Maurizio Schmidt

con: Alberto Malanchino

luci: Massimo Guarnotta

spazio scenico: Federico Fedostiani

produzione Farneto Teatro in collaborazione con Tamat

 

31 marzo – 9 aprile | Sala AcomeA

L’ANGELO DI KOBANE

di Henry Naylor

traduzione Carlo Sciaccaluga

regia Simone Toni

con Anna Della Rosa

creazione visiva Christian Zurita

produzione Teatro Nazionale Genova

1 – 5 aprile | Sala Grande

IO E PIRANDELLO

in viaggio con i miei autori

di e con Sebastiano Lo Monaco

regia: Salvo Bitonti

musiche: Dario Arcidiacono

produzione Associazione Sicilia Teatro

 

5 – 17 maggio | Sala Grande

COSÌ È (SE VI PARE)

di Luigi Pirandello

con (in o.a.): Francesca Agostini, Giuseppe Battiston, Mauro Bernardi, Andrea Di Casa,

Filippo Dini, Ilaria Falini, Mariangela Granelli, Dario Iubatti, Orietta Notari, Maria Paiato,

Nicola Pannelli, Benedetta Parisi, Giampiero Rappa

regia: Filippo Dini

scene: Laura Benzi

costumi: Andrea Viotti

luci: Pasquale Mari

musiche: Arturo Annecchino

produzione Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

 

5 – 24 maggio | Sala

CABARET DELLE COSE PICCOLE | Sala Tre
di Filippo Timi

Cast in via di definizione

produzione Teatro Franco Parenti

 

24 – 25 maggio | Sala Grande

IL SISTEMA PERIODICO

dall’opera di Primo Levi (pubblicata da Giulio Einaudi editore)

drammaturgia: Domenico Scarpa e Valter Malosti

con Luigi Lo Cascio

progetto sonoro e live elettronico: Gup Alcaro

un progetto di Valter Malosti

produzione TPE – Teatro Piemonte Europa

realizzato con la collaborazione del Centro Internazionale di Studi Primo Levi

 

28 maggio – 14 giugno | Sala Tre

OPERA PANICA #DUE

Cabaret tragico

di Alejandro Jodorowsky

regia di Fabio Cherstich

con: Valentina Picello, Francesco Sferrazza Papa, Loris Fabiani

e con i DUPERDU e altri in via di definizione

produzione Teatro Franco Parenti

 

15 – 31 maggio | Sala AcomeA

RACCONTO D’ESTATE

di Fabrizio Sinisi

regia di Claudio Autelli

cast in via di definizione

produzione Centro Teatrale Bresciano – Teatro Franco Parenti

collaborazione Associazione Culturale LAB 121

 

maggio | Sala Nuova

R.A.M.

di Edoardo Erba

regia di Michele Mangini

cast in via di definizione

produzione Teatro Franco Parenti

 

9 – 28 giugno | Sala AcomeA

UNA VITA CHE STO QUI

di Roberta Skerl

con Ivana Monti

regia di Giampiero Rappa

produzione Teatro Franco Parenti

 

9 – 12 giugno | Sala Nuova

UN POYO ROJO (Argentina)

Coreografia: Luciano Rosso, Nicolás Poggi

interpreti: Alfonso Barón e Luciano Rosso

regia e disegno luci: Hermes Gaido

produzione T4, Jonathan Zak e Maxime Seuge

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

3 – 6 giugno | Sala Grande

LA COMETA (Polonia)
ispirato alla vita e all’opera di Bruno Schulz
di Teresa e Andrzej Wełmiński
con Nick Halliwell, Andzik Kowalczyk, Teresa Máiquez, Laura Pasetti, Laura Pau, Lawrence Stanley, Teresa Wełmińska, Andrzej Wełmiński
direzione tecnica Mariusz Gąsior

Spettacolo in italiano e in inglese

 

L’acclamata coppia polacca Teresa e Andrzej Welminski ha cercato in questo spettacolo ispirazione nelle opere di Bruno Schulz, uno dei grandi scrittori polacchi del XX secolo, assassinato dai nazisti nel 1942, ma la cui influenza trascende la geografia e i tempi. Tra gli scrittori contemporanei i cui lavori fanno riferimento a Bruno Schulz ci sono Robert Bolaño, China Miéville e Jonathan Safran Foer.

Una cometa fatale sta per colpire la terra: piuttosto che andare in panico, i cittadini di una comunità trattano la catastrofe imminente come occasione per sfrenati festeggiamenti. Solo un uomo, il nuovo arrivato zio Edward, è pronto a dare l’allarme …
In scena, insieme ai nove attori, oggetti e marionette immersi in un assurdo mondo del terrore in cui la materia vivente si mescola con l’inanimato, in una commistione tra materia e corpo.
Disegnatori, registi e insegnanti, artisti dalla natura poliedrica, Teresa e Andrzej Wełmiński da vent’anni partecipano al Cricot 2, il teatro avanguardistico e anticonformista di Tadeusz Kantor. Una creazione teatrale assurda ma terrificante, La cometa è un ritratto impressionista dell’autore, nonché un commento tagliente ai nostri tempi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

6 – 27 giugno | Sala Tre

VISITE
ideazione e regia Riccardo Pippa
di e con: Cecilia Campani, Giovanni Longhin, Andrea Panigatti, Sandro Pivotti, Maria Vittoria Scarlattei, Matteo Vitanza
dramaturg: Giulia Tollis
maschere e costumi: Ilaria Ariemme
scenografia: Anna Maddalena Cingi
disegno luci: Paolo Casati
cura del suono: Luca De Marinis
assistente alla regia: Daniele Cavone Felicioni
produzione Teatro Franco Parenti / Teatro dei Gordi
con il sostegno di SIAE, nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura
Dopo il successo ottenuto lo scorso autunno riproponiamo Visite, secondo spettacolo della compagnia Teatro dei Gordi, definito  dalla critica “un piccolo gioiello”.
Al centro c’è una piccola stanza da letto di un ordinario appartamento di una casa come tante, di una coppia come tante, un luogo intimo che qui diventa pubblico, così com’è, attraversato dalle visite degli amici, dai ricordi che si fanno tutti visibili, e dove ad un certo momento, ancora una volta, la morte viene a visitare le esistenze di chi la abita.
E’ un andare e venire senza sosta, fatto di abbracci, sorrisi, baci, addii e gesti che la vita rende rituali, con un occhio al mito di Filemone e Bauci di Ovidio.
La stanza rimane uguale, sono i corpi a mutare con l’avanzare inesorabile del tempo, che le maschere esemplificano meravigliosamente; così come sono anche i vestiti che cambiano con le età e le mode, in un turbinio di immagini avvolgenti che investono il piccolo spazio che riempie tutta la scena.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20 – 21 giugno | Sala Grande

Bämsemble Company
SALT. THE MARVELLOUS PUPPET SHOW
con: Sara Bellodi, Andrea Cavarra, Arturo Gaskins, Marco Giacomini, Michele Guidi, Mauro Groppo, Magda Pohl-Tontini, Anna Rasero, Stefania Santececca, Sebastiano Sicurezza
musiche: Roberto Romagnoli, Matteo Cassi
regia e training di superdramma: Jon Kellam
co-regia: Madeleine Dahm
drammaturgia: Francesco Botti, Jon Kellam, La Compagnia
coreografia e movimento: Madeleine Dahm, JonKellam
maschere e scenografie: Zorba Officine Creative
costumi: Chiara Barlassina
assistenti: Livia Morelli, Andrea De Liberato, Benedetta Galli, Roberta Micheletti, Stefania Coloru
light designer: Marcello Falco, Anna Merlo
executive producer Andrea Cavarra
produzione Bämsemble Company
in collaborazione con Zorba officine creative, Accademia dell’arte, Spazioseme e Accademia di Belle Arti di Brera

 

Torna al Parenti il primo grande spettacolo di Bämsemble Company, istantanea significativa di una piccola comunità mondiale che comprende attori, cantanti, ballerini, musicisti, mimi, acrobati, mascheratori, scenografi, costumisti di diverse nazionalità (italiana, americana, tedesca, francese, messicana, nepalese, coreana e spagnola).
Una compagnia di teatro fisico popolare nata col desiderio di innovare e rendere contemporanea e originale la Commedia dell’Arte e col bisogno di rappresentare la molteplicità, razziale, culturale e professionale.
Liberamente tratto da El Retablo de las Meravillas di Miguel de Cervantes, Salt affronta con ironia e sensibilità l’attualissimo tema dell’immigrazione, della discriminazione razziale e della paura del diverso.
In un lontano futuro post apocalittico esiste una leggendaria città circondata da altissime mura bianche fatte di sale. L’arrivo di tre incredibili artisti e lo spettacolo che mettono in scena è destinato a sconvolgere per sempre la vita di tutti. Il caos irrompe sulla scena: si scoprono gli oscuri segreti della città e vengono alla luce le atrocità sepolte nel gigantesco muro di sale e nelle coscienze dei cittadini.
Sfruttando differenti linguaggi scenici e intrecciando musica, parola e coreografia di movimenti, il regista dà vita ad uno spettacolo comico e dal ritmo incalzante.
L’ambientazione futuristica e la scrittura multilingue sono capaci di offrire una visione originale e personale del ruolo degli artisti e del teatro, in un mondo privato di umanità e alienato dalla propria politica.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

15 e 16 giugno / 22 e 23 giugno

WORKSHOP BASE SUPERDRAMA + MODERN MASK MAKING
condotti dai membri di Bämsemble Company

 

Superdrama

Il Superdrama è una sintesi pedagogica di formazione, processo, ideazione e interpretazione, derivata dalla Commedia dell’Arte, dall’Espressionismo tedesco, dal Surrealismo e dal principio di Jo-ha-kyū del teatro Nō ed ispirata a forme orientali come l’Opera cinese e il giapponese Kabuki. La tecnica Superdrama è stata derivata e sviluppata da The Style, una tecnica inventata e praticata dalla compagnia teatrale The Actors’ Gang (Los Angeles) a sua volta influenzata direttamente dal Theatre du Soleil (Francia).
L’allenamento nel Superdrama richiede un’alta capacità emotiva e di autenticità e serve ad accendere la passione interna dell’attore, tramite uno sforzo fisico che libera da restrizioni e condizionamenti mentali indesiderati. Questa piattaforma di formazione serve inoltre a stimolare la capacità reattiva, ad ascoltare e agire secondo il proprio slancio creativo, restando però all’interno di un sistema estremamente strutturato e regolamentato. Nel processo e nella performance l’attore si mette in contatto diretto con il pubblico, stabilendo una simbiosi intima, e con il resto della compagnia, grazie ad una respirazione collettiva portata all’esasperazione.

 

Modern Mask Making

Con questo metodo, i docenti della Bämsemble Company, si propongono l’obiettivo di creare maschere che il pubblico riconosca come moderne ed attuali, vicine al loro quotidiano e rappresentative di tutte le tematiche che caratterizzano il nostro tempo. Quali sono i nuovi tipi fissi? Che taglio dare, tenendo conto dell’evoluzione del teatro moderno, del trucco cinematografico, dell’illuminotecnica, della scenotecnica, delle istallazioni video, delle moderne tecniche pittoriche?
Durante il seminario verranno studiate morfologia del viso, tecniche e strumenti di realizzazione della maschera, lavorazione del cuoio, rifinitura e decorazione maschera. Da una matrice già esistente del catalogo di Zorba Officine Creative, ogni partecipante realizzerà, sotto la guida dell’insegnante, la propria maschera.

Il corso è rivolto agli attori che desiderano realizzare il loro strumento di lavoro personale, vale a dire una vera maschera in cuoio, ma è adatto anche a scenografi e appassionati di arti plastiche.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

4 luglio | Bagni Misteriosi

 

KAZUFUSA HŌSHŌ (Giappone)

SHUNKAN

uno spettacolo di Tagiki Noh

receduto dalla cerimonia del Tè

Presentato dalla Città di Kanazawa con il supporto di Japan Foundation

 

 

 

 

Il Teatro Noh, la più antica espressione del teatro giapponese, torna a Milano per un’unica serata eccezionale sul magico palcoscenico flottante dei Bagni Misteriosi a cura di Change Performing Arts.

Kazufusa Hosho è il 20° Gran Maestro di Teatro Noh della Famiglia Hosho, una delle cinque scuole fondate a Nara nel XIV secolo e si è già esibito in Italia in altre occasioni eccezionali, in Vaticano ed al Teatro Olimpico di Vicenza.

Per la prima volta presenta in Italia – in esclusiva per il Festival di Spoleto e per il magico palcoscenico dei Bagni Misteriosi al Teatro Franco Parenti – il suo spettacolo nella forma del Tagiki Noh: come accade in particolare a Kyoto, con il sopraggiungere del buio nelle sere d’estate è diffusa l’abitudine di rappresentare gli antichi testi all’aperto, spesso alla luce di bracieri alimentati con legno di pino.

Shunkan è uno dei testi più poetici del repertorio del Teatro Noh e narra un fatto storico che risale a 1178. Tre dignitari che hanno cercato di attentare alla sicurezza del principe Taira vivono esiliati senza speranza in un’isola sperduta. Quando giunge un messaggero con la notizia del perdono, Shunkan – uno dei tre condannati – è colto prima da grande euforia, ma cade poi in profonda tristezza e disperazione quando si rende conto che solo i due suoi compagni sono perdonati mentre egli rimane condannato a vivere solo, lontano dalla sua città natale Kyoto.



Society - 17/05/2019

Il Foyer riapre come ristorante esclusivo al Teatro alla Scala

Un sofisticato ristorante con alti soffitti e colonne, che propone raffinate ricette milanesi in un [...]

Leisure - 19/03/2018

Baustelle al nuovo disco. “Ma sono pezzi facili”

In un tempo di 12 mesi i Baustelle ci deliziano con ben due dischi. Per la prima volta nella storia [...]

Society - 14/12/2016

X Factor 2016, emozioni da finale con Eva, Gaia, Roshelle e Soul System

I due milioni in media di italiani che hanno visto X Factor ogni settimana in realtà hanno contato [...]

Top