Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 26/07/2021

Alberto Venzago a Zurigo: la fotografia come documento e bellezza

Il fotografo ha prodotto la maggior parte dei suoi reportage all'estero, ma la Svizzera resta centrale nella sua produzione.

Si può tenere un occhio per l’estetica di innegabile e appagante bellezza e uno per ritrarre la realtà nuda e cruda con gusto? Alberto Venzago in 50 anni di carriera ha dimostrato anche questo. E la mostra Alberto Venzago: Taking Pictures – Making Pictures (fino al 2 gennaio 2022 al Museum für Gestaltung Zürich, Ausstellungsstrasse) lo conferma.

Curatore e scenografia dell’esposizione è Christian Brändle, direttore Museum für Gestaltung e tutto il percorso si divide tra documentazione e presentazione, tra le foto “scattate” e quelle “fatte”. Di conseguenza, il suo lavoro è plasmato dalla classica fotografia di reportage e da pezzi freelance, nonché da immagini volutamente messe in scena per pubblicità e ritratti.

Venzago non rifugge da nessun luogo: il mondo della criminalità organizzata della Yakuza in Giappone, la battaglia di Bruno Manser contro la distruzione della foresta pluviale nel Borneo, o l’Iran e la sua guerra in corso con l’Iraq. Molti dei saggi di fotogiornalismo di Venzago su riviste come Life, The Sunday Times, Stern o Geo hanno attirato grande attenzione. Il suo impegno nel suo lavoro, inclusi quattro anni come candidato con Magnum Photos, gli ha portato numerosi premi, ad esempio l’Infinity Award dell’International Center of Photography.

Concerned Photography – fotografia documentaria a contenuto sociale “Un’immagine vera è più importante di una bella”, afferma il fotografo e filmmaker Venzago, riassumendo la sua filosofia. Prende uno sguardo critico su ciò che sta accadendo nel mondo, concentrandosi generalmente sulle persone. Qui incontra mondi di tutt’altro genere e documenta storie toccanti, dalla prostituzione minorile a Manila o l’affascinante religione vudù del Benin all’atmosfera febbrile edonistica di festa al Kaufleuten Club di Zurigo.

Pubblicità, studio e star: mondi di immagini allestite Venzago sa anche utilizzare la sua pluriennale esperienza come fotografo di reportage in situazioni meno rischiose. In mondi accuratamente messi in scena si muove facilmente avanti e indietro tra film e fotografia, arte e commercio, senza paura di ciò che potrebbe incontrare. Realizza la campagna antirazzista della Svizzera, documenta le principali preoccupazioni svizzere in tutto il mondo o conduce campagne pubblicitarie su larga scala, ad esempio per Swissair. Venzago ha fotografato regolarmente personaggi del mondo dell’arte, del cinema e dello spettacolo. Nella mostra Tina Turner, Sting, Mick Jagger, Andy Warhol, Penelope Cruz, H.R. Giger e molti altri sono rappresentati da ritratti, molti dei quali inaspettati.

Alberto Venzago: Taking Pictures – Making Pictures conduce il pubblico in un viaggio ricco di eventi attraverso 14 capitoli dell’intero lavoro del fotografo. Le singole aree sono appositamente allestite nel museo di Zurigo.

Fotoreport dalla mostra di Zurigo: Gianni Foraboschi/The Way Magazine



Leisure - 04/10/2018

Hu Huiming, l’incontentabile dell’arte cinese crea visioni suggestive

Hu Huiming è un'incontentabile artista a tutto tondo che dalla Cina si sta facendo conoscere in Ita [...]

Trends - 23/02/2021

Copenhagen: un senso generale di comunità intorno alla cucina

C'è il bisogno di esplorare nuovi quartieri, la zona della Carlsberg che diventa un nuovo hub di c [...]

Luxury - 21/01/2020

Passione vintage, gli orologi bene di lusso e rifugio

L’oggetto quotidiano tra i più iconici ed evocativi, l'orologio, ha visto negli ultimi anni un in [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!