Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 13/01/2018

Alessandro Borghese scova i cuochi d’Italia

Su tv8 la seconda edizione del programma che scopre i talenti culinari nelle regioni del Belpaese. Un nuovo modo per promuovere le diversità preziose che si nascondono nelle eccellenze locali.

L’Italia è una repubblica fondata anche sul cibo. E soprattutto sulle differenze culinarie che arricchiscono il nostro Paese. Ne sa qualcosa sicuramente Alessandro Borghese, celebre chef nato da incontri di culture diverse (Barbara Bouchet, la madre, è ceca, il padre napoletano). Appropriata la scelta di fargli condurre il campionato dei cuochi delle regioni dal 15 gennaio – dal lunedì al venerdì alle 19.30 – in prima tv assoluta su TV8 (tasto 8 del telecomando).

Si tratta della seconda stagione di Cuochi d’Italia, la sfida culinaria condotta dallo chef con, nel ruolo di giudici, gli chef Cristiano Tomei e Gennaro Esposito.

La giovanissima concorrente della Calabria, Agnese Gigliotti, si è aggiudicata il primo torneo appena concluso. E, ad inaugurare il nuovo anno, si sfideranno 20 nuovi cuochi professionisti – provenienti ciascuno da una diversa regione del Belpaese – che a colpi di piatti tipici e ingredienti tradizionali si contenderanno il titolo di nuovo Miglior Cuoco Regionale d’Italia.

Il meccanismo del format non cambia. In ogni puntata due cuochi, rappresentanti di altrettante regioni italiane, si sfidano in una doppia manche. Le prime 10 puntate sono sfide “dirette” di andata e ritorno tra due cuochi, che si danno battaglia prima su un piatto tipico di una regione e poi su quello dell’altra, che incoronano un vincitore di puntata. Nelle successive 5 puntate, ritroviamo i vincitori del primo turno che si sfidano in due manches. Nella prima, il concorrente che “gioca in casa” porta un ingrediente tipico della propria regione, al quale i due giudici Esposito e Tomei aggiungono altri ingredienti a sorpresa che si ritrovano spesso in molte ricette tipiche di quella regione. Nella seconda invece, sarà l’avversario a proporre, con le stesse modalità, un ingrediente simbolo della propria regione di appartenenza.

In cinque accedono al terzo turno, mentre il sesto sfidante viene individuato grazie al ripescaggio. Tre puntate nelle quali i cuochi in sfida – nelle due manche di ogni puntata – si contendono la vittoria affrontandosi sui rispettivi migliori ingredienti regionali a loro scelta.  Solo in 4 accedono alla semifinale, dove si sfidano in due duelli diretti: ognuno cucina un piatto della propria regione scelto da Esposito e Tomei.

Alla fine, solo in 2 accederanno alla finale. Per aggiudicarsi il titolo di “Miglior Cuoco Regionale d’Italia” i due finalisti dovranno presentare alla giuria un menu regionale di due portate, che sappia valorizzare al meglio la tradizione e le materie prime del proprio territorio.

Cuochi d’Italia – prodotto da DRY MEDIA per TV8 – andrà in onda da lunedì 15 gennaio alle 19.30 per 20 puntate e, così come le più accese sfide sportive, scatenerà le tifoserie delle regioni avversarie in gara.  Cuochi d’Italia è scritto da Nicola Lorusso, Monia Palazzo, Luana Picardi e Luca Derienzo. La regia è di Gianni Monfredini, consulenza registica Lele Biscussi.

Cuochi d’Italia vede la collaborazione dei seguenti partner: Beko, Molino Caputo e Lucart.



Leisure - 18/01/2017

Pif Il Testimone delle curiosità: “Esploro l’Italia che non si conosce”

Incontrare Pif è trovarsi davanti l'understatement in persona. Scanzonato e dimesso, il regista e d [...]

Society - 28/11/2018

Black Friday e Cyber Monday, Amazon fa festa

Amazon annuncia un weekend di shopping natalizio da record: ancora una volta il Cyber Monday è sta [...]

Society - 04/10/2018

Su La6 un nuovo programma di calcio condotto da Christian Gaston Illan

I lettori di The Way Magazine lo conoscono come fondatore del network di imprenditori della bella vi [...]

Top