1 Ottobre 2020

Anche “Mine Vaganti” nella nuova stagione del Manzoni a Milano

E poi Abba Dream, Quennmania Rhapsody, Luca Argentero, Frank Matano, Moni Ovadia e Dario Vergassola.

1 Ottobre 2020

Anche “Mine Vaganti” nella nuova stagione del Manzoni a Milano

E poi Abba Dream, Quennmania Rhapsody, Luca Argentero, Frank Matano, Moni Ovadia e Dario Vergassola.

1 Ottobre 2020

Anche “Mine Vaganti” nella nuova stagione del Manzoni a Milano

E poi Abba Dream, Quennmania Rhapsody, Luca Argentero, Frank Matano, Moni Ovadia e Dario Vergassola.

La voglia di tornare a teatro ovviamente dilaga. E per quanto norme e sicurezza impongano restrizioni, mai come quest’anno, soprattutto i cartelloni del “leggero” sono ricchi di novità. Al Teatro Manzoni di Milano, tempio degli spettacoli d’evasione, si annuncia una ripresa ricca di novità (Ferzan Ozpetek che porta “Mine Vaganti” in teatro) e si parte con un regalo allo sterminato pubblico degli amanti del rock. E dei Queen.

Il 9 e 10 ottobre 2020 Charlotte Spettacoli presenta QUEENMANIA RHAPSODY La favola dei Queen rivive a teatro con il contributo video straordinario di Katia Ricciarelli. Regia Daniele Sala. Una favola quella di Freddie e dei Queen fatta rivivere dalla voce di Sonny Ensabella frontman dei Queenmania, il tributo più acclamato in Europa alla band inglese. Uno spettacolo nello spettacolo dove video, musica e favola si intrecciano in un crescendo di emozioni, dagli esordi ad A Night at the Opera, dal Live Aid a Wembley. I Queenmania (Sonny Ensabella, Fabrizio Palermo Tiziano Giampieri e Simone Fortuna) diretti da Daniele Sala, fanno rivivere sul palco la leggenda di una band che ha scritto la storia.

Abba Dream è un vero e proprio fenomeno: 15.000 amici su Facebook e
i fans della band svedese che accorrono in teatro per rivivere le emozioni attraverso canzoni indimenticabili. Una serata all’insegna del più sfrenato divertimento che consentirà agli spettatori di tornare indietro nel tempo fino ai magici anni della loro
intramontabile pop music

Il 22 maggio 2021 invece sarà la volta di Abbadream, la serata omaggio al mito del pop svedese, che ha venduto più dischi da gruppo disciolto che nel pieno della propria attività.

Debora Villa: al Manzoni di Milano a febbraio 2021.

Dal 25 al 28 febbraio 2021 In accordo con Bernard Olivier e Alain Dierckx Si Può Fare Productions e Marco Massini in collaborazione con Terry Chegia presentano dal best seller di John Gray Debora Villa GLI UOMINI VENGONO DA MARTE, LE DONNE DA VENERE scritto da Paul Dewandre

“Tanto tempo fa, i Marziani e le Venusiane si incontrarono, si innamorarono e vissero felici insieme perché si rispettavano e accettavano le loro differenze. Poi arrivarono sulla terra efurono colti da amnesia: si dimenticarono di provenire da pianeti diversi”.

Il testo di John Gray è un best seller mondiale che ha venduto cinquanta milioni di copie ed è stato tradotto in quaranta lingue, si basa su un pensiero tanto semplice quanto efficace: gli uomini e le donne vengono da due pianeti diversi. A portare in scena l’adattamento teatrale, una esilarante terapia di gruppo collettiva, del libro più celebre dello psicologo statunitense John Gray sarà per la prima volta in assoluto una donna: l’attrice Debora Villa. Cercando di restare imparziale, Debora condurrà per mano alla scoperta dell’altro sesso senza pregiudizi. Per la prima volta quindi, sarà una rappresentante di Venere a ricordarci, con la sua comicità travolgente e irriverente, raffinata espiazzante, quali sono le clamorose differenze che caratterizzano i Marziani e le Venusiane. Uomini e donne imparerannoa conoscersi di nuovo “perché -come sostiene Gray-quando si imparano a riconoscere e apprezzare le differenze tra i due sessi, tutto diventa più facile, le incomprensioni svaniscono e i rapporti si rafforzano.

“Almeno tu nell’universo”: Matilde Facheris, Virginia Zini, Sandra Zoccolan

Dal 20 al 22 novembre Edoardo Leo dirige Luca Argentero in È questa la vita che sognavo da bambino?, spettacolo prodotto dalla Stefano Francioni Produzioni e distribuito da Savà Produzioni Creative. Il testo racconta le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina. Raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al racconto dei tempi in cui hanno vissuto.

Moni Ovasia e Dario Vergassola assieme a marzo 2021.

31 marzo 2021 Corvino Produzioni in collaborazione con Mismaonda presenta Moni Ovadia Dario Vergassola UN EBREO, UN LIGURE E L’EBRAISMO. Moni Ovadia prova a convertire Dario Vergassola. Un incontro tra due filosofie e tra due modi di fare teatro e comicità . Il “saggio” Moni Ovadia, saggio perché più vecchio, terrà una specie di lezione sull’ebraismo e il suo umorismo a Vergassola che da buon ligure, per affinità vicino agli ebrei, cercherà di capirne l’essenza e cercherà di rilanciare dal suo punto di vista alla lezione del saggio Moni. Riusciranno i nostri eroi a trovare un punto di accordo? Riusciranno atrovare il legame tra un modo di fare umorismo nella tragedia storica degli ebrei, popolo dalle straordinarie storie e fantastici scrittori, e il modo di far sorridere con l’amarezza e il cinismo ligure? Boh…. intanto intascheranno il cachet e poi ne riparleranno a cena tra di loro dopo lo spettacolo.

Frank Matano e Francesco Arienzo ad aprile al Teatro Manzoni di Milano.

7 aprile 2021. Ballandi presenta Frank Matano Francesco Arienzo in FRANCI. Uno spettacolo forse molto divertente scritto da Francesco Arienzo, Frank Matano, Marco Terenzi, Giovanni Todescan, Regia Paola Galassi. Direzione artistica Giampiero Solari. Frank Matano e Francesco Arienzo si conoscono per la prima volta sul palco del programma tv Italia’s Got Talent: uno è giudice, l’altro è concorrente, ed è un colpo di fulmine. Frank manda in finale Francesco e quando le telecamere si spengono nasce una grande amicizia basata sulla passione comune per una comicità fuori dagli schemi. Frank si innamora della timidezza e dell’umorismo irresistibile di Arienzo, Francesco viene rapito dall’esplosività e dalla creatività folgorante di Matano. I due artisti decidono di lavorare insieme ad uno spettacolo nel quale convivono sketch inediti, racconti personali, monologhi esilaranti, e dialoghi surreali con il pubblico. Nasce così un folle corto circuito che dà vita ad una miscela esplosiva e imprevedibile. Frank Matano e Francesco Arienzo sono pronti a sorprendere -e farsi sorprendere -con uno show senza regole.

L’immagine di apertura di servizio è riferita allo spettacolo Mine Vaganti foto di Romolo Eucalitto. Da sinistra Arturo Muselli, Mimma Lovoi, Paola Minaccioni, Roberta Astuti, Caterina Vertova, Sarah Falanga, Giorgi.

Dal 9 al 21 marzo 2021 Nuovo Teatro diretta da Marco Balsamo in coproduzione con Fondazione Teatro Della Toscana presenta MINE VAGANTI uno spettacolo di Ferzan Ozpetek con Francesco Pannofino e Paola Minaccioni Ferzan Ozpetek firma la sua prima regia teatrale mettendo in scena l’adattamento di uno dei suoi capolavori cinematografici Mine Vaganti.

Il regista scrive: “Come trasporto i sentimenti, i momenti malinconici, le risate sul palcoscenico? Questa è stata la prima domanda che mi sono posto, e che mi ha portato un po’ di ansia, quando ha cominciato a prendere corpo l’ipotesi di teatralizzare Mine vaganti. La prima volta che raccontai la storia al produttore cinematografico Domenico Procacci, lui rimase molto colpito aggiungendo entusiasta che sarebbe potuta diventare anche un ottimo testo teatrale. Poco dopo avviammo il progetto del film e chiamammo Ivan Cotroneo a collaborare alla sceneggiatura. Oggi, dietro invito di Marco Balsamo, quella prospettiva si realizza con un cast corale e un impianto che lascia intatto lo spirito della pellicola.Certo, ho dovuto lavorare per sottrazioni, lasciando quell’essenziale intrigante, attraente, umoristico.

A teatro non ci si dovrebbe mai annoiare. Sono partito da questo per evitare che lo spettacolo fosse lento. Ho optato per un ritmo continuo, che non si ferma, anche durante il cambio delle scene. Qui c’è il merito di Luigi Ferrigno che si è inventato un gioco di movimenti con i tendaggi; anche le luci di Pasquale Mari fanno la loro parte, lo stesso per i costumi di Alessandro Lai, colorati e sgargianti. Ho realizzato una commedia che mi farebbe piacere andare a vedere a teatro, dove lo spettatore è parte integrante della messa in scena e interagisce con gli attori, che spesso recitano in platea come se fossero nella piazza delpaese e verso cui guardano quando parlano. La piazza/pubblico è il cuore pulsante che scandisce i battiti della pièce”.

Read in:

Picture of admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

BNKR44, tormentoni e forze live

Continua l’enorme successo dei BNKR44: tutto esaurito qualche giorno fa per la tappa milanese del loro tour. I ragazzi si

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”