30 Aprile 2022

Andrea Casta con il violino illumina l’Auditorium di Roma

violinista Jedi” dall'archetto luminoso, presenta il suo nuovo visual concert Appuntamento il 30 aprile 2022 alle 21.00 all’Auditorium Parco della Musica di Roma

30 Aprile 2022

Andrea Casta con il violino illumina l’Auditorium di Roma

violinista Jedi” dall'archetto luminoso, presenta il suo nuovo visual concert Appuntamento il 30 aprile 2022 alle 21.00 all’Auditorium Parco della Musica di Roma

30 Aprile 2022

Andrea Casta con il violino illumina l’Auditorium di Roma

violinista Jedi” dall'archetto luminoso, presenta il suo nuovo visual concert Appuntamento il 30 aprile 2022 alle 21.00 all’Auditorium Parco della Musica di Roma

La musica si nutre di contaminazioni e innovazioni e c’ qualcuno che in Italia sta portando avanti un linguaggio da cross-over anche con uno strumento che generalmente associamo a contesti classici. Andrea Casta, il “violinista Jedi” dall’archetto luminoso, presenta il suo nuovo visual concert a Roma, il 30 aprile 2022 alle 21.00, per la prima volta all’Auditorium Parco della Musica di Roma. Uno spettacolo annunciato con ospiti speciali a duettare sul palco e il completamento di contenuti visual a far da corredo alla performance che si chiama “The space violin visual concert“.

Dopo aver raggiunto 1 milione di spettatori dal vivo in 28 nazioni e appassionato 250mila followers sui social, il violinista elettrico internazionale si esibisce in Sala Petrassi nel tempio dell’Accademia di Santa Cecilia con il suo show anteprima del tour di concerti in tutta Italia (biglietti disponibili qui).

“Sono un un violinista contemporaneo alla ricerca dell’armonizzazione dei linguaggi – racconta Casta a The Way Magazine tra una prova e l’altra dello spettacolo – mi sono sempre chiesto perché fermarsi all’innovazione vocale. Tutti vediamo come il pop muove in evoluzione, dal melodico alla trap. E questo stesso movimento può essere fatto con lo strumento che ho scelto, il violino. Tutto il racconto che porto in scena deve arrivare fluido, e quindi mi sono impegnato ad allestire un lavoro cinematografico, con la mia visione personale dell’esibizione che prende forma dallla fisicità del musicista fino ad arrivare alle proiezioni in accordo con il suono”.

Muovendosi sulle tracce di quello che avviene anche all’estero, pensiamo alla contaminazione operata della violinista americana Lindsey Stirling, Andrea Casta aggiunge il tocco d’espressione di italianità che nessuno può vantare nel mondo: “Di sicuro con il violino ci sono artisti che innovano in questo momento, c’è molta attenzione allo strumento. Con i miei video, proiettati anche live, ho trovato un mondo espressivo che rappresenta la mia origine italiana. Resto fedele ai nostri contenuti culturali e alla bellezza dei territori, nel mio concerto si vede la natura italiana dalle Alpi al mare, e c’è sempre un legame con i tesori artistici del nostro patrimonio”.

L’archetto illuminato che serve a suonare il violino, Casta non lo usa in maniera decorativa come fanno alcuni colleghi: “Io lo ho affinato dal punto di vista tecnico e la luce che emana disegna nello spazio scenico la musica che suono”.

Casta, conosciuto come “violinista Jedi” proprio per il caratteristico archetto luminoso che ricorda la spada laser dei protagonisti di Star Wars, crea una performance immersiva in simbiosi al percorso musicale crossover che va da alcuni classici rivisitati (dai Queen a Bowie, da Morricone a Battisti) fino alle canzoni pop-dance che rappresentano le sue produzioni originali (Double Sun, The River e tante altre). 

Negli ultimi anni ho girato il mondo e raccolto tantissime energie e spunti diversi. Il lockdown e lo stop ai tour mi ha permesso di rifocalizzarmi sul pubblico italiano, e molti spettatori arriveranno anche da fuori Roma proprio per celebrare questo percorso che abbiamo fatto anche insieme a distanza attraverso i social: sarà per questo anche una grande festa della mia community di fan, e io passerò gran parte del concerto a suonare in platea – spiega il musicista, che aggiunge: “l’Auditorium Parco della Musica compie 20 anni proprio in questi giorni – conclude – quindi il mio concerto ha il valore della ricorrenza: anche per me sono esattamente 20 anni da quando mi trasferii da Brescia, e il mio debutto nella “casa della Musica” sancisce anche il mio legame con la mia seconda città, Roma”. 

Il Visual Concert di stasera a Roma si accenderà nei contenuti visivi articolati su imponenti ledwall, disegni luci ed effetti speciali immersivi per far vivere un’esperienza emozionante con il pubblico al centro, attraverso paesaggi suggestivicapolavori artistici e ricordi del lockdown. La platea potrà partecipare attivamente in alcuni momenti trasformando gli smartphone in un grande schermo grazie all’app BEPIX, una start up che ha scelto Andrea e il suo show per il debutto nei grandi concerti.

Sono attesi ospiti speciali, tra i quali la cantautrice Serena Menarini che duetterà sulle note di Abun – The Lord’s Prayer: una versione del Padre Nostro in aramaico antico, da lei composta e presentata allo scorso Concerto di Natale su Canale 5. Serena e Andrea laeseguiranno insieme nel cuore del concerto come monito di pace in un momento internazionale nel quale gli artisti vogliono aggiungere la loro voce perché si ponga fine a ogni guerra.

Sul prestigioso palco dell’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” Andrea sarà accompagnato sul palco da Meiden, (al secolo Mattia Crescini, già al fianco di artisti come Rancore e tanti altri) come sound designer e da Davide Gobello (produttore deiLegno e con all’attivo tour nelle band di Loredana Bertè, Fabrizio Moro e molte altre star) alla chitarra.

Andrea Casta, negli ultimi anni, si è esibito anche nei panni del Comandante AJ, il protagonista del conceptalbum fantascientifico “The Space Violin Project” che, con canzoni ed episodi video, proietta lo spettatore nel 2235 e vive nelle illustrazioni di Lorenzo Gubinelli.

Il musicista ha finalmente ricominciato a girare il mondo, il suo spettacolo è stato realizzato grazie alla produzione di VentiDieci, società leader nella promozione di concerti e spettacoli, e al partner tecnico 

Andrea Casta, conosciuto come il “violinista Jedi”, per il caratteristico archetto luminoso che evoca la spada laser di Star Wars, il 30 aprile 2022 si esibirà per la prima volta all’Auditorium.

Andrea Casta
andreacasta.com
facebook.com/officialandreacasta
youtube.com/andreacastatv
instagram.com/andreacasta

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?