Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 12/06/2018

I paesaggi di Andrea Chinese, meticolose metafore dall’alto

"Through The Black Mirror" è stata una delle mostre più ammirate alla prima edizione di Paratissima a Milano. L'artista napoletano che guarda la terra dal cielo.

Una metafora tutta da scoprire l’opera di Andrea Chinese, giovane artista di origine napoletana che vive e opera a Milano.

Da sempre interessato alle dinamiche ed evoluzioni del mondo digitale, Chiense per Paratissima, la costola di Artissima, la grande fiera d’arte autunnale torinese, ha portato al BASE Milano un’opera che è diventata simbolo della manifestazione, per la prima volta approdata in Lombardia.

Nella sezione Through The Black Mirror un gruppo di 100 artisti è stato chiamato a cimentarsi con il tema degli specchi neri. E Chinese ha scelto questo gruppo di 4 disegni site specific (“Non ora, non qui”) che riprende il luogo dell’esibizione visto dall’alto.

Se avete dimistichezza con l’area di via Tortona a Milano, riconoscerete i vecchi complessi architettonici che un tempo erano sede di industrie e oggi sono involucri che svelano cultura. Dal satellite immaginario di Chinese, il paesaggio è come uno specchio, tra quello che immaginiamo sia la nostra vita e quello che è in realtà il mondo che abbiamo costruito per noi.

La sua arte ha qualcosa di scientifico perché i paesaggi che usa come campi di ricerca sono risultati di grande ricerca. Le mappe che vi mostriamo in questo articolo sono realizzate a penna su carta e secondo l’artista “sono disegni che mostrano i cammini che abbiamo tracciato e che pongono le premesse per nostre scelte future”.

C’è il concetto di mappatura in senso lato nell’arte di Andrea Chinese, dunque. I delicati dettagli sono impressi sulla carta a testimonianza di una vita che si evolve ma che lascia un segno indelebile. Il gioco dello sguardo dall’alto non fa altro che aumentare e dilatare la percezione che ogni vita può generare: si guarda noi stessi, noi stessi siamo guardati.

 



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 06/04/2018

Krijn De Koning a Palazzo Reale: “La mia sedia blu per Alcantara”

Le installazioni di Krijn de Koning sono create in una varietà di luoghi - da musei e gallerie, a l [...]

Travel - 28/07/2017

Terme in Slovenia e Croazia, oasi di relax per corpo e mente

In tempo di vacanze gli stabilimenti termali possono essere un ottimo modo per poter passare del tem [...]

Leisure - 13/11/2017

Jazz Mi, l’esercito dei 40mila innamorati del jazz

Altro che genere di nicchia: Jazz Mi, alla seconda edizione (dal 2 al 12 novembre 2017) ha portato a [...]

Top