2 Febbraio 2023

Andy Warhol, identità multiple al MAGA di Gallarate

Una delle più grandi mostre del 2023. Cinquemila metri quadri dedicati al genio che ha cambiato la storia dell’arte nel Novecento.

2 Febbraio 2023

Andy Warhol, identità multiple al MAGA di Gallarate

Una delle più grandi mostre del 2023. Cinquemila metri quadri dedicati al genio che ha cambiato la storia dell’arte nel Novecento.

2 Febbraio 2023

Andy Warhol, identità multiple al MAGA di Gallarate

Una delle più grandi mostre del 2023. Cinquemila metri quadri dedicati al genio che ha cambiato la storia dell’arte nel Novecento.

Gli spazi generosi del MAGA di Gallarate ben si prestano a ospitare una mostra di Andy Warhol. Che di pubblicità, grandi formati e comunicazione si nutriva. Così le oltre 200 opere-icona a cui si affianca una grande sezione dedicata ai film dell’artista americano, una sezione inedita dedicata alla Andy Warhol TV, e una alla serie completa delle cover dei vinili realizzate da Warhol, sono ben fruibili nella mostra “Andy Warhol. Serial Identity, per sottolineare quanto la sua ricerca sia caratterizzata dall’assoluta poliedricità e dal desiderio di trasformazione, ripercorre attraverso oltre 200 opere (provenienti anche da istituzioni internazionali come The Andy Warhol Museum di Pittsburgh e l’archivio di Ronald Nameth).

Inoltre, per la prima volta in Italia, sarà visibile Exploding Plastic Inevitable, straordinaria performance di Warhol con i Velvet Underground e Nico, riproposta per il pubblico in chiave immersiva.

Andy Warhol. Serial Identity. Museo MAGA, Gallarate, ph Roberto Marossi, 2023.
La stanza dedicata a Interview Magazine, il periodico fondato da Warhol nel 1969 che ancora esce in edicola, dopo lo stop del 2018. Andy Warhol. Serial Identity. Museo MAGA, Gallarate, ph Roberto Marossi, 2023.

Fino al 18 giugno 2023, il MA*GA ospita un’antologica dedicata al padre della Pop Art (1928-1987), uno dei vertici assoluti dell’arte e della cultura del Novecento.

La mostra, curata da Maurizio Vanni ed Emma Zanella racconta la multiforme e ricca produzione del padre della Pop Art americana che, durante la sua lunga carriera, è stato pittore, illustratore, sceneggiatore, produttore cinematografico e televisivo, regista, direttore della fotografia ed egli stesso attore, figura che ha radicalmente mutato il modo di vedere e percepire la società contemporanea.

La rassegna, dal titolo Andy Warhol. Serial Identity, per sottolineare quanto la sua ricerca sia caratterizzata dall’assoluta poliedricità e dal desiderio di trasformazione, ripercorre attraverso oltre 200 opere (provenienti anche da istituzioni internazionali come The Andy Warhol Museum di Pittsburgh e l’archivio di Ronald Nameth) l’intero universo creativo di Warhol, dai primi disegni realizzati per l’editoria e la moda, alle più importanti opere pop dove i protagonisti principali sono i personaggi celebri, come musicisti, registri, designer, politici, attori, ai brand commerciali delle grandi aziende, diventati icone di un nuovo modo di vivere e di consumare, elementi banali della quotidianità elevati a icone contemporanee.

Il percorso espositivo si apre con il confronto tra alcuni disegni privati e i primi raffinatissimi bozzetti pubblicitari degli anni cinquanta del Novecento; proprio i codici pubblicitari, divenuti motore del vivere sociale e della riconoscibilità, negli anni in cui la produzione industriale americana andava a pieno ritmo, portarono l’artista a un completo ribaltamento di esiti estetici, linguistici e personali.

In mostra saranno esposti i famosi cicli dell’artista come i Flowers, le Campbell’s Soup, i Death & Disasters, i ritratti di celebrità quali Marilyn Monroe, Jacqueline Kennedy, Mao Tsê-tung, e la famosa serie Ladies and Gentlemen, oltre a un corpus di opere e materiali relativi a non meno importanti produzioni di Warhol come quelle legate all’editoria e alla grafica delle copertine di dischi. L’artista infatti realizza, oltre ai più noti libri d’artista, libri biografici scritti in prima persona e progetta interamente i cataloghi di alcune sue esposizioni personali; la passione per la carta stampata inoltre lo porta a fondare la famosa e longeva rivista Interview.

La mostra intreccerà diversi livelli narrativi e condurrà lo spettatore a cogliere gli aspetti meno scontati della sua opera: la ricerca di identità sempre diverse che l’artista voleva dare di sé; l’ansia di sperimentazione dei linguaggi artistici che fluiscono continuamente gli uni negli altri; la profonda connessione della sua opera con il mondo della musica, dell’editoria, della cinematografia, temi che avranno grande riscontro in mostra anche grazie alla collaborazione con il The Andy Warhol Museum di Pittsburgh per i Silent Movie e gli Screen Tests e gli straordinari estratti della programmazione dell’Andy Warhol TV.

Il progetto espositivo è reso speciale e unico dall’ampia sezione dedicata alla sperimentazione e all’investigazione di Warhol nei confronti del processo del filmare e del venire filmati; sono esposti in versione integrale Empire (1964) (8 ore e 5 minuti), la famosa ripresa dell’Empire State Building dal tramonto all’alba; Kiss (1963-1964) (58 minuti), messa in sequenza di baci scambiati da coppie etero e omosessuali; quattro Screen TestsSalvador Dalì, Bob Dylan, Lou Reed (Coke) ed Edie Sedgwick – riprese a camera fissa realizzate puntando la macchina da presa su chi andava a visitare la Factory.

Da sinistra:

Andy Warhol, Campbell’s Soup I (Beef), 1968, serigrafia su carta, courtesy collezione privata

Andy Warhol, Ladies and gentlemen, 1975, serigrafia su carta, collezione D.P – L.R.  © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc.

Andy Warhol, Ernesto Esposito, 1987, acrilico e serigrafia su tela,
collezione Ernesto Esposito, Napoli © The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc.

“Andy Warhol Serial Identity” al Museo Maga dal 22 gennaio al 18 giugno 2023
© The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc. by SIAE 2022. 

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Alla Taomoda Week le foto di Max Vadukul

In occasione della Taomoda Week, in svolgimento a Taormina in Sicilia, durante l’evento “Fotografia, libri, innovazione e comunicazione digitale”, il fotografo

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”