Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 25/06/2019

Beat Kuert a Forte dei Marmi: “Stills – Still Moving”

Dilemmi esistenziali per scoprire corpi e natura nelle opere del digital artist svizzero.

La prossima mostra di Beat Kuert sostenuta dalla Fondazione Maimeri si chiama “Stills – Still Moving” ed è una raccolta di lavori di immagini molto forti a Forte dei Marmi. Dal 29 giugno al 9 luglio 2019, IL FORTE ARTE presenta, nella propria galleria (via Giosuè Carducci 16), la personale a cura di Angelo Crespi, in collaborazione con Alessio Musella.

“L’accostamento delle immagini – afferma il curatore Angelo Crespi – che segue una forma evocativa o analogica, in cui il nesso causale in alcuni casi si perde in quello casuale, frutto del semplice accostamento, risponde comunque ad un intreccio profondo, a quella “sincronicità” ricordata da Jung nella sua dimensione psicologica e approfondita in modo razionale dalla meccanica quantistica”.

 

L’esposizione del digital artist è organizzata in collaborazione con l’Archivio Beat Kuert (sponsor è Dust&Scratches).

Visionario, passionale, l’artista esplora anche la tematica del corpo, oltre a soggetti naturali come montagne e fiori; argomenti che sono alla base della ricerca espressiva dell’artista multimediale e regista svizzero, attraverso 10 opere recenti. Il lavoro di Beat Kuert si svolge su diversi piani concettuali e performativi che si traducono in immagini di rara potenza, di cui questa installazione rappresenta l’ideale ultimo fotogramma.

Beat Kuert (Zurigo, 1946) si esprime come artista multimediale e filmmaker. Autore anticonformista, è considerato uno degli esploratori più audaci della sua generazione. Il suo lavoro indaga dilemmi esistenziali attraverso esperienze estetiche, lavorando su varie espressioni e integrando diverse forme d’arte. Dopo una carriera di successo come regista, si è dedicato alle arti visive.Le sue immagini sono spesso provocatorie e creano un senso di meraviglia negli occhi dello spettatore. L’impressione che produce è inteso come un modo per cercare il sublime in emozioni umane. Per Beat Kuert, il ruolo dell’arte è quello di essere una porta verso l’inconscio dove è l’artista che, attraverso l’energia che infonde nel suo lavoro, spinge gli altri a cercare ciò che è meraviglioso al di fuori della vita quotidiana.

BEAT KUERT. Stills – Still Moving //www.beatkuert.comForte dei Marmi, IL FORTE ARTE (via Giosuè Carducci 16) 29 giugno – 9 luglio 2019Orari: Tutti i giorni 10:00 – 13:00 / 17.30 – 00:00 Ingresso libero.

 



Society - 30/04/2016

Speciale MIA / Settimio Benedusi: “La fotografia attinge alla memoria”

Settimio Benedusi è uno dei maggiori fotografi del fashion mondiale. E siccome in Italia prendiamo [...]

Society - 04/09/2019

“Premio Michele Cea”, l’eternità degli artisti va ricordata

Cosa vuol dire “scomparso”? Certo chi saluta questo mondo “terreno”, e l’aggettivo è d’ [...]

Leisure - 20/06/2019

Dockers e Jack Daniel’s nel segno del Pride

DOCKERS® definisce i Challengers come coloro che hanno le ambizioni più grandi delle risorse a dis [...]

Top