14 Gennaio 2022

Carl Fabergé, padre degli orafi moderni in mostra a Londra

Il lavoro del leggendario orafo imperiale russo in mostra al Victoria And Albert Museum si concentra sull'importanza della sua filiale londinese, l'unica al di fuori della Russia.

14 Gennaio 2022

Carl Fabergé, padre degli orafi moderni in mostra a Londra

Il lavoro del leggendario orafo imperiale russo in mostra al Victoria And Albert Museum si concentra sull'importanza della sua filiale londinese, l'unica al di fuori della Russia.

14 Gennaio 2022

Carl Fabergé, padre degli orafi moderni in mostra a Londra

Il lavoro del leggendario orafo imperiale russo in mostra al Victoria And Albert Museum si concentra sull'importanza della sua filiale londinese, l'unica al di fuori della Russia.

Fabergé in London: Romance to Revolution è la prima grande mostra dedicata all’importanza internazionale del leggendario orafo russo Carl Fabergé e all’importanza della sua poco nota filiale londinese. Con un focus sulla clientela dell’alta società edoardiana di Fabergé, la mostra mette in luce i suoi trionfi in Gran Bretagna e un fascino globale per l’opulenza gioiosa delle sue creazioni. La più grande collezione delle leggendarie uova di Pasqua imperiali in una generazione è esposta insieme come parte del drammatico finale della mostra, molte delle quali vengono mostrate per la prima volta nel Regno Unito.

Il percorso espositivo al Victoria and Albert Museum di Londra conduce il visitatore in un viaggio di sublime maestria e mecenatismo verso la rivoluzione che ha tragicamente chiuso Fabergé, ma manda i visitatori in alto, onorando la più grande eredità di Fabergé, con un’abbagliante esibizione finale delle sue iconiche uova di Pasqua.

The Swan Egg – L’uovo del cigno, artigiano sconosciuto, San Pietroburgo 1906. Oro, argento, smalto, platino, acquamarina. Donato dall’imperatore Nicola II al madre imperatrice Marie Feodorovna per la Pasqua di quell’anno.


Presentando oltre 200 oggetti in tre sezioni principali, la mostra racconta la storia di Carl Fabergé, l’uomo, e della sua azienda riconosciuta a livello internazionale che simboleggiava l’artigianato e l’eleganza russi, un’associazione ulteriormente rafforzata dal suo legame con il romanticismo, il glamour e la tragedia dei russi Famiglia Imperiale.
Sconosciuta a molti, la mostra esplora la natura anglo-russa della sua impresa con la sua unica filiale al di fuori della Russia che apre a Londra nel 1903. Reali, aristocratici, ereditiere americane, granduchi russi in esilio, maharaja, finanzieri con nuove fortune e i socialiti accorrevano lì per comprare regali di lusso senza precedenti l’uno per l’altro. Le opere di Fabergé erano tanto popolari in Gran Bretagna quanto in Russia.
La prima sezione della mostra mette in evidenza l’importante mecenatismo della famiglia Romanov. Una miniatura della Regalia Imperiale, prestata dal Museo dell’Ermitage, realizzata per l’Esposizione Universale di Parigi del 1900 catturerà il ruolo di Carl Fabergé come orafo ufficiale della famiglia Imperiale. I suoi membri si scambiavano spesso regali intimi Fabergé, e questo sarà esplorato attraverso oggetti decorati su misura, inclusi fiori realizzati con cristallo di rocca, oro e diamanti con taglio a rosa e squisiti ritratti di famiglia in miniatura. Questa sezione tocca anche la giovinezza di Carl Fabergé, i suoi viaggi in tutta Europa e l’ingresso nell’azienda di famiglia.
Commissionato dall’imperatore Nicola II, è in mostra un ritratto di figurine tratto dal vero della guardia del corpo privata dell’imperatrice vedova: una scultura a un livello di rarità con le uova di Pasqua imperiali. Un libro di preghiere donato dall’imperatore Nicola II all’imperatrice Alessandra Feodorovna nel giorno dell’incoronazione si trova anche accanto alle prime fotografie della famiglia imperiale con i loro preziosi beni.
Successivamente, questa sezione esplora la padronanza delle tecniche e dei dettagli intricati che sono diventati sinonimo di Carl Fabergé e della sua azienda. Creando una cultura della creatività in tutti i suoi laboratori, l’immaginazione inquieta di Carl Fabergé ha ispirato scelte e design audaci di materiali, mentre l’integrazione di designer, artigiani e rivenditori sotto lo stesso tetto ha galvanizzato la collaborazione creativa. L’abbagliante bellezza dell’opera di Fabergé è mostrata da una scintillante tiara di acquamarina e diamanti, un segno d’amore di Federico Francesco IV, Granduca di Meclemburgo-Schwerin, alla sua sposa, la principessa Alexandra di Hannover e Cumberland, il giorno del loro matrimonio. In mostra anche l’unico esempio noto di servizio da tè in oro massiccio realizzato da Fabergé, uno degli oggetti più magnifici emersi dalla filiale di Mosca dell’azienda.
Lo spirito nutriente di Fabergé è mostrato nel lavoro di una delle sue designer più famose, Alma Pihl. Sono in mostra alcune delle sue opere più innovative e durature, tra cui uno scintillante ciondolo in “cristallo di ghiaccio” realizzato con cristallo di rocca, diamanti e platino.
La seconda sezione della mostra racconta la storia del tempo di Fabergé a Londra, compreso come l’azienda fiorì sotto il patrocinio reale e come le sue creazioni divennero una valuta sociale per fare regali e ostentare ostentazioni di ricchezza, tra l’élite cosmopolita che si riunì in città .
L’enorme successo all’Esposizione di Parigi del 1900 ha chiarito che Fabergé avrebbe avuto un’appassionata base di clienti al di fuori della Russia, se si fosse espanso. La scelta di Londra da parte di Fabergé per la sua nuova sede è stata in parte dovuta al fatto che era la capitale finanziaria mondiale, una destinazione di vendita al dettaglio di lusso in grado di attirare una clientela facoltosa e internazionale. Fu anche la casa di Edoardo VII e della regina Alessandra che erano già accaniti collezionisti di Fabergé, rendendo molto probabile il patrocinio reale a Londra. Una sezione di transizione della mostra trasporta i visitatori dalla Russia in una vivace Londra ed evidenzia i forti legami tra le famiglie reali britannica e russa. Vengono mostrate fotografie reali in cornici Fabergé e regali presentati dall’imperatore Nicola II e dall’imperatrice Alessandra Feodorovna ai loro parenti britannici, incluso un taccuino regalato dallo zar e dalla zarina alla regina Vittoria per il Natale del 1896.
Fabergé ha adattato con cura le sue opere alla sua clientela britannica. Ha creato ritratti in pietra dura degli animali da fattoria che re Edoardo e la regina Alexandra allevavano a Sandringham, la loro tenuta di campagna preferita, e oggetti smaltati con i colori delle corse di cavalli del re.

Fabergé in London: Romance to Revolution è curata da Kieran McCarthy, Joint-Managing Director di Wartski e Hanne Faurby, V&A Exhibition Curator.

Fabergé in London: Romance to Revolution
Gallery 39 and North Court fino all’8 maggio 2022

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?