Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 21/02/2018

Carlo Cracco apre in Galleria, ecco cosa è successo

Cronaca di una serata elegante attesa da mesi in città: il grande chef ha accolto i primi selezionati clienti nel suo nuovo ristorante. Per noi c'era Allesandra Fenyves.

Dom Perignon 2009 in Magnum, pregiatissimo, prima, durante e dopo cena. Carlo Cracco non si è certo risparmiato per l’opening che Milano attendeva da mesi.
Il celebre chef ha realizzato il suo sogno imprenditoriale: ha aperto ieri alla presenza del sindaco di Milano Beppe Sala e di tanti giornalisti le porte di  Cracco in Galleria. Un traguardo decisamente ammirevole, frutto di un percorso di impegno, passione e tenacia.
carlo cracco enoteca cracco in galleria
La location è incantevole e si trova nella famosa galleria a centro città, lato sinistro dell’entrata dal Duomo. Grazie al lavoro degli architetti Laura Sartori Rimini e Roberto Peregalli Cracco in Galleria rispetta nella sua composizione architettonica e di design il legame tra passato presente e futuro, una sfida non semplice.
carlo cracco restauro
Progettata da Giuseppe Mengoni e inaugurata nel 1877, la Galleria Vittorio Emanuele II, che collega Piazza Duomo con Piazza della Scala, fu sin dall’inizio pensata con un  di ‘Salotto di Milano’, regalando una passeggiata tra cafè e negozi.
Nel ristorante è stato importante il recupero di affreschi originali, che insieme  alle varie decorazioni  rappresentano un’eleganza e una raffinatezza che ben accompagnano la creatività della cucina dello Chef.
Carlo Cracco in Galleria si sviluppa su tre piani. Al piano terra, il Cafè con pareti in stucco, dipinte a mano e  il  pavimento in mosaico , che richiama quello della Galleria. Un grande bancone-bar della fine dell’800, dove si potranno bere caffè e cappuccini accompagnati da brioche fatte dalla pasticceria di casa. Sarà possibile anche consumare pasti più informali e ricette meno elaborate. Al primo piano il ristorante, affacciato sugli stucchi e i decori dell’Ottocento della Galleria, che è diviso in tre sale e due privè.
carlo cracco the way magazine (4)
Nel menù si trovano molti  piatti classici in continuità con il ristorante di Victor Hugo, dall’insalata russa caramellata al tuorlo d’uovo marinato, dal risotto allo zafferano e midollo alla piastra al rombo in crosta di cacao.
Una carta a parte, con proposte come ostriche, spaghetti al caviale, per lo scenografico Fumoir: bancone in mogano e zinco, bottiglieria con specchio ed elementi nichelati di gusto Art Deco messi in risalto da pareti rivestite in filato metallico verde muschio. Al secondo piano si trova l’elegante Sala Mengoni, riservata agli eventi. Nel seminterrato  le cantine riscoperte per caso, che ora vantano una selezione di 2000 etichette. Lo spazio sarà usato anche come enoteca.


Alessandra Fenyves
Laureata in Lingue e Letterature Straniere a Milano, Alessandra ha formazione cosmopolita. Milanese di origini ungheresi, ha vissuto due anni a Londra, per poi passare a Monaco di Baviera e a New York. Oggi vive e lavora in Italia come head hunter nei settori fashion, wellness & retail per i brand internazionali più prestigiosi. Da sempre interessata all’alta ristorazione, nel 2012 inizia a supportare eventi food e associazioni di cuochi stellati e a scrivere articoli sul mondo degli chef ma anche di moda e lifestyle, come potete vedere sul suo blog www.tastefollies.com. Mondana, viaggiatrice e attenta a tutti i trend dei suoi ambiti preferiti è l'inviata sul campo perfetta per The Way Magazine.
Trends - 01/08/2016

Tendenza Anni 90: Pokemon Go, moda e cultura. Torniamo indietro di 20 anni?

Anni '90, prima ci ha pensato la musica, ora la moda e la cultura pop fanno il resto. L'estate del 2 [...]

Design of desire - 20/02/2017

Simone Fattal a New York porta l’arte della memoria

Kaufmann Repetto a New York presenta la produzione di Simone Fattal. Una mostra che è il secondo so [...]

Design of desire - 14/07/2018

Il video-mapping al teatro greco di Siracusa

Al 54° Festival del Teatro Siracusa ancora in corso nella località archeologica siciliana, arriva [...]

Top