19 Gennaio 2023

Carlo Maratti, self-marketing dal Seicento

L'autore aveva inventato strategie di promozione avanzate per il suo tempo. Una mostra ad Ancona ce lo fa riscoprire.

19 Gennaio 2023

Carlo Maratti, self-marketing dal Seicento

L'autore aveva inventato strategie di promozione avanzate per il suo tempo. Una mostra ad Ancona ce lo fa riscoprire.

19 Gennaio 2023

Carlo Maratti, self-marketing dal Seicento

L'autore aveva inventato strategie di promozione avanzate per il suo tempo. Una mostra ad Ancona ce lo fa riscoprire.

Carlo Maratti. Strategie comunicative e promozione della propria opera” (20 gennaio – 10 aprile 2023 alla Pinacoteca Civica “F. Podesti” di Ancona) ci restituisce un artista italiano dalle molteplici sfaccettature.

Artista marchigiano in attesa dell’importante anniversario del 2025 che ne celebrerà i quattrocento anni dalla nascita, è protagonista di una mostra che spazia tra dipinti, disegni e stampe e che vuole far conoscere l’attività artistica di Maratti e la promozione che fece della propria opera. Il percorso espositivo viene arricchito dalla presenza di un bellissimo disegno autografo proveniente da Osimo, preparatorio per la grande pala d’altare Madonna con Bambino e Santi conservata proprio alla Pinacoteca Civica di Ancona.

Oggi si riesce ad affrontare per la prima volta un aspetto non marginale della sua attività, ovvero la capacità di rielaborare i medesimi motivi per soddisfare committenti diversi, riuscendo a dare nuova forma ai contenuti della tradizione iconografica, e diventando oggetto di repliche uscite dalla sua stessa bottega – in qualche modo da lui stesso autorizzate – ed incisioni che hanno favorito la diffusione delle sue immagini.

La tappa anconetana alla Pinacoteca Civica “Francesco Podesti” si arricchisce di un disegno autografo conservato a Osimo, preparatorio per la pala d’altare Madonna con Bambino e Santi che si trova proprio in Pinacoteca e attorno a cui ruota tutta la mostra. È la prima volta che il disegno lascia Osimo per essere messo a confronto con l’opera pittorica a cui ha dato vita: un’occasione unica per osservare dal vero l’accuratezza che Maratti poneva nella preparazione delle tele soprattutto quando, come in questo caso, bisognava ottenere dal committente l’approvazione prima di iniziare a dipingere.

Da sinistra: Carlo Maratti, La Vergine con il Bambino appaiono a santa Francesca Romana, Ascoli Piceno, chiesa di Sant’Angelo Magno. Carlo Maratti, Santa Francesca Romana e l’angelo, Ascoli Piceno, Pinacoteca Civica.

La Madonna con Bambino e Santi è un dipinto fondamentale nel percorso artistico di Maratti: fu realizzata nel 1672 quando l’artista tornò brevemente nelle Marche, sua terra d’origine, dopo aver raggiunto il successo romano e internazionale e rappresenta il raggiungimento definitivo del suo stile e della sua arte, una sapiente composizione che reinterpreta in maniera originale e personale quanto Maratti aveva certamente osservato nelle tele di grandi maestri come Tiziano e Lilli, anche loro presenti sul territorio di Ancona e ora anch’essi conservati in Pinacoteca.

Foto di apertura, da sinistra:

Carlo Maratti, Madonna con il Bambino e i santi Nicola di Bari, Francesco di Sales e Ambrogio, Ancona, Pinacoteca Civica “Francesco Podesti”Carlo Maratti,  Madonna con Bambino e Santi, disegno preparatorio per la pala di Ancona, Osimo, Museo Civico

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”