Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 08/03/2017

Celebriamo Manet perché ha dipinto la Parigi moderna

Parte oggi a Palazzo Reale a Milano la mostra sul genio francese della pittura. Con lui l'Europa di fine Ottocento diventò culla dell'arte.

Manet è stato il primo pittore moderno a raccontare la Parigi che diventava città contemporea. Quello che oggi si chiamerebbe hub delle culture in realtà è nato a fine Ottocento nella ville lumiere. E oggi a Milano, la mostra “Manet e la Parigi moderna” a Palazzo Reale racconta questo passaggio con i dipinti di Édouard Manet (1832-1883) e il ruolo centrale che ha avuto nella storia dell’arte europea.

Celebriamo Manet perché è stato lui a scoprire la “meravigliosa” modernità in una Parigi in piena trasformazione, sulla scia di Baudelaire, affermandosi come “pittore della vita moderna”: osserva per la strada, al Teatro dell’Opera (a cui è dedicato un’intera sezione di dipinti), nei bar e nei “caffè-concerto”.

Le opere presenti in mostra arrivano dalla prestigiosa collezione del Musée d’Orsay di Parigi: un centinaio di opere, tra cui 54 dipinti – di cui 16 capolavori di Manet e 40 altre splendide opere di grandi maestri coevi, tra cui Boldini, Cézanne, Degas, Fantin-Latour, Gauguin, Monet, Berthe Morisot, Renoir, Signac, Tissot. Alle opere su tela si aggiungono 11 tra disegni e acquarelli di Manet, una ventina di disegni degli altri artisti e sette tra maquettes e sculture.

Curata da Guy Cogeval, storico presidente del Musée d’Orsay e dell’Orangerie di Parigi con le due curatrici del Museo Caroline Mathieu, curatore generale onorario e Isolde Pludermacher, capo-curatrice del dipartimento di pittura, l’esposizione percorre i vari generi del genio francese della pittura: il ritratto, la natura morta, il paesaggio, le donne, Parigi, rivoluzionata a metà Ottocento dal nuovo assetto urbanistico.

Vivendo sempre nei pressi della Gare Saint-Lazare, nella “nuova Parigi” che si andava costruendo giorno dopo giorno sotto i suoi occhi, Manet documenta gli interventi urbanistici attuati da Napoleone III che renderanno la capitale il “faro” culturale d’Europa. Senza dimenticare i primi dipinti sotto l’influenza dell’arte spagnola, quella fase che è conosciuta come l’heure espagnole.

Il catalogo della mostra, edito da Skira contiene, oltre alle immagini delle opere esposte, i saggi dei curatori Guy Covegal, Caroline Mathieu, Isolde Pludermacher, Leïla Jarbouai e di Akiya Takahashi, Direttore del Mitsubishi Ichigokan Museum di Tokyo.



Trends - 13/09/2016

L’arte italiana degli anni 80 alla WeGallery di Berlino

L'arte italiana di Stefano Arienti (1961), Antonio Catelani (1962) e Daniela De Lorenzo (1959) è pr [...]

Luxury - 23/11/2016

I gioielli di Ayala Bar da Tel Aviv, un caleidoscopio di colori

Lo stile Ayala Bar nei gioielli è l'incrocio di mistero e magia. La designer che vive e lavora a Te [...]

Leisure - 12/09/2020

Cosa sta succedendo a MiArt Digital 2020

miart digital è online fino al 13 settembre. Questo formato innovativo, ideato per l’edizione 20 [...]

Top