Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 04/03/2021

Coma Cose: “A Sanremo per non snaturarci”

Nella serata delle cover al festival vedremo il duo con Il mio canto libero, omaggio a Lucio Battisti e la partecipazione del chitarrista Alberto Radius.

Fausto Lama e California sono i Coma Cose e sono l’esempio di come sia fondamentale credere sempre nei propri sogni, nelle proprie passioni, perché anche quando tutto ormai sembra finito, quando sembra ormai non esserci più spazio per i propri sogni, tutto può cambiare.

Infatti in cinque anni dall’essere licenziati dal negozio nel quale lavorano come commessi si ritrovano oggi sul palco più importante della musica italiana a raccontarsi attraverso “Fuoco negli occhi” una canzone che parla di loro, che ci racconta chi  sono.

“Fiamme Negli Occhi” è la canzone dei Coma Cose: scritta a quattro mani da Fausto Lama e California e prodotta con i Mamakass. Il brano è la fotografia della storia dei Coma_Cose, coppia nella vita e nella musica: la tappa più recente di un bellissimo viaggio iniziato nel 2016.

Scritto a quattro mani da Fausto Lama e California e prodotto con i Mamakass, il brano è la fotografia della storia dei Coma_Cose, coppia nella vita e nella musica: la tappa più recente di un bellissimo viaggio iniziato nel 2016 e che li ha portati nel tempo a imporsi come riferimento cardine del panorama cantautorale italiano e punta di diamante del roster dell’etichetta Asian Fake.

Fiamme negli occhi è una canzone che parla di restare insieme anche di fronte agli ostacoli, che indaga – con venature dream pop e suoni sbiaditi alla Velvet Undreground – il desiderio di prendersi cura della propria fiamma, di una passione e di un progetto di vita comune. La melodia è morbida, le liriche semplici e intrise di quotidiano, il sapore è quello di una canzone da spiaggia del futuro, vestita di sonorità inesplorate e coraggiose, dall’elettronica al vintage.

Sulla canzone Fausto ci ha detto che:

«Ci piacerebbe arrivasse la nostra storia in toto che si veda il compimento di un viaggio compiuto con tanta fatica e che è durato circa cinque anni. In tutti questi anni ci abbiamo sempre creduto e sarebbe bello si rivedessero in noi tutte quelle persone che hanno dei sogni legati al mondo dell’arte o comunque qualcosa che si pensa possa rimanere incompiuto nella vita perché non ci sono le condizioni per esprimersi. Mi sono trovato a trentacinque anni a dire: “È finita e va bene così!” Infatti ho iniziato a fare il commesso in un negozio di borse ed accessori, Coma Cose era quella cosa da fare a tempo perso la sera.

Per me trovare Francesca (California) ha rappresentato una svolta a livello umano, ho sistemato la componente affettiva e poi è venuta fuori la voglia di riprovarci con il sogno della musica e mi sono rimesso in gioco non dando più niente per scontato. Sembra una banalità ma è così.»

Nella foto di Mattia Guolo, Fausto Lama e California che formano i Coma Cose.

Sempre  sulla canzone, ma questa volta California ci ha detto:

«La cosa in cui credo è che bisogna avere il coraggio di rendersi conto delle proprie debolezze e cercare di cambiare e rendersi conto che se qualcosa non va c’è un motivo, quindi si può sempre risolvere cambiando un pò il tiro. Quando abbiamo scritto questa canzone ci è sembrata perfetta per Sanremo perchè parla di noi e quindi, visto che il grande pubblico non ci conosce, volevamo presentarci per quello che siamo, far conoscere quello che c’è alla base della nostra storia. Noi crediamo molto in noi due e nel nostro progetto perché sono due cose totalmente collegate. In questa canzone ci siamo noi, i nostri alti e bassi, la nostra passione e il nostro fuoco che è la musica che ci fa andare avanti al di là di tutto.»

Coraggiosa è la scelta del brano che i Coma Cose proporranno nella serata delle cover: Il mio canto libero, omaggio a Lucio Battisti – con cui i Coma Cose hanno un legame ormai storico, a partire da Anima lattina –accompagnati dallo storico chitarrista della Formula 3 Alberto Radius – che suonò nell’omonimo album – e dai produttori/arrangiatori Mamakass, che per l’occasione hanno ideato una versione dal sound morriconiano.

Sulla scelta del brano Fausto ci ha detto:

«Battisti è cantante che abbiamo già proposto nel nostro excursus artistico, infatti avevamo fatto un brano “Anima Lattina”, che era una sorta di brano omaggio dedicato a Lucio Battisti. Lui è un cantante che accompagna sempre la nostra ispirazione, era un cantante molto moderno ed era più indie di molti altri perché aveva delle costruzioni di sound davvero moderne. Ne il mio canto libero abbiamo messo delle strumentazioni elettroniche, ci sono dei suoni ricercati ma sono in linea con quella che era la sperimentazione dell’epoca e poi c’è un arrangiamento di archi che mantiene il giusto balance tra il nuovo e la versione originale. Poi per noi è un onore avere sul palco Alberto Radius che legittima questa esibizione perchè lui aveva partecipato come musicista proprio a quel disco Il mio canto libero.»

Questa è la loro prima partecipazione al Festival di Sanremo e proprio sul Festival, sempre Fausto, ci ha raccontato che:

«Sanremo non lo abbiamo mai cercato in realtà, ma questo palcoscenico porta con sé quella sorta di importanza che da ad una carriera e volevamo far arrivare la nostra storia ad un pubblico più ampio possibile. E rivedendoci mi sono reso conto che non ci siamo snaturati, la nostra paura era proprio quella che rivedendoci avremmo detto: Aspetta un attimo, ma siamo noi quelli lì?” E così non è stato.»

Fiamme negli occhi sarà contenuta all’interno di Nostralgia, il nuovo lavoro discografico in uscita negli store e sulle piattaforme digitali il prossimo 16 aprile. Nostralgia è un viaggio alla scoperta di temi ed ambientazioni nuove tradizionalmente assenti dalla musica leggera: un concept album che racchiude e sintetizza tutte le riflessioni sul passato dei Coma Cose, un’occasione per guardarsi indietro, immortalando i cambiamenti di una vita sempre in viaggio, con un linguaggio ed un suono futuristico.

Fausto ci ha dato alcune anticipazioni sull’album in uscita:

«Fiamme negli occhi non è rappresentativo del disco come sound, neanche come forma canzone, lo è sicuramente nell’attitudine cioè nel mischiare sempre qualcosa che è retrò a qualcosa di attuale o comunque di sperimentale. È un disco tutt’altro che commerciale, ci sono sei brani e un brano strumentale però abbiamo messo dentro tutta la poetica possibile con dei testi molto intensi. Ci siamo  messi tanto in gioco e il significato del disco è fermarsi e guardare al passato. Una parola che torna spesso nel disco è “perdono” verso se stessi cioè smettere di  giudicarsi troppo cioè dire si ho dei difetti ma forse questi difetti sono la mia forza.»

E per entrare ancor più nel vivo del viaggio di Fiamme negli occhi è disponibile da ora, sul canale Youtube dei Coma Cose, il videoclip diretto da Enea Colombi e prodotto da Borotalco.tv. Un mini road movie dalle atmosfere sognanti, con un’estetica ben connotata in pieno stile Coma Cose, e Fausto e California a dominare la scena in un avvolgente dialogo d’amore alla luce calda del tramonto. Qui i movimenti di camera sembrano fondersi con la musica e veicolare l’intensità delle rime, il finale a cielo aperto è immaginifico e li vede sospesi su una piattaforma aerea ad accendere una volta in più la fiamma della passione.

Intervista a cura di Nicola Di Dio.



Leisure - 12/11/2018

La fusion che incanta il mondo: Victor Wooten

Un concerto sold-out tra i più attesi della rassegna JAZZ MI 2018: Victor Wooten è un vero fenomen [...]

Fashion - 19/01/2019

Alberto Sartori, innovazione e ricerca eco-sostenibile

Quando fascino, Made in Italy, luxury, innovazione e attenzione verso la sostenibilità si uniscono [...]

Society - 29/09/2018

Matteo Marzotto alla Charity Bike di Sicilia

Matteo Marzotto arriva in Sicilia in bicicletta per raccogliere fondi in favore della fondazione Ric [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!