Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 05/03/2020

Com’erano grandi i messicani d’America quando facevano i murales

Il Whitney Museum di New York celebra un'ondata di creativi che si specializzò nelle opere a grandi dimensioni. Narrazioni epiche della vita americana.

Vida Americana: Mexican Muralists Remake American Art, 1925–1945, al Whitney Museum di New York fino al 17 maggio è una mostra celebrativa dei grandi muralisti messicani. C’è l’arte dalla bellezza indiscutibile, in questi murales, ma c’è anche la fondamentale questione di dove veniva creata quest’arte.

 

Con oltre 200 opere di sessanta artisti messicani e americani, Vida Americana riorienta la storia dell’arte, rivelando il profondo impatto che i principali muralisti messicani — José Clemente Orozco, Diego Rivera e David Alfaro Siqueiros, noto come “los tres grandes”, era nel corso dell’arte americana. Da Jackson Pollock a Jacob Lawrence a Marion Greenwood, gli artisti negli Stati Uniti sono stati ispirati dalle loro controparti messicane a trasformare elementi della storia nazionale e della vita quotidiana in racconti epici di forza e resistenza.

Nel video sotto, narrato da Cheech Marin e con interviste alle curatrici Barbara Haskell e Marcela Guerrero e agli artisti Aliza Nisenbaum e Derek Fordjour, un focus su “los tres grandes” in mostra al Whitney Museum di New York fino al 17 maggio. .

Il Messico subì una radicale trasformazione culturale alla fine della sua Rivoluzione nel 1920. Fu instaurata una nuova relazione tra arte e pubblico, dando vita all’arte che parlava direttamente alla gente della giustizia sociale e della vita nazionale. Il modello galvanizzava artisti negli Stati Uniti che cercavano di liberarsi dal dominio estetico europeo per creare arte nativa significativa e accessibile pubblicamente. Numerosi artisti americani si recarono in Messico e i principali muralisti messicani – José Clemente Orozco, Diego Rivera e David Alfaro Siqueiros – trascorsero lunghi periodi di tempo negli Stati Uniti, eseguendo murales, dipinti e stampe; esibendo le loro opere; e interagire con artisti locali.

 

Foto dal Whitney Museum di New York: Guy Hofman/The Way Magazine

 



Leisure - 21/11/2019

Maurizio Galimberti porta il Cenacolo “scomposto” alle Gallerie d’Italia

dal 21 novembre al 12 gennaio le Gallerie d’Italia - Piazza Scala, sede museale di Intesa Sanpaolo [...]

Leisure - 16/09/2020

La Milano Wine Week 2020 parte dall’agricoltura

Un’edizione che aumenta i contenuti dedicati al pubblico e agli addetti ailavori, si trasforma in [...]

Society - 11/12/2018

Giovani Gastel: poesia e racconti di una famiglia speciale

Antonella Boralevi, giornalista delle televisioni nazionali, è arrivata a  Milano per presentare d [...]

Top