Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 04/10/2021

Con Brian May festa per i 50 anni dei Queen

Un libro fotografico, la riedizione del suo lavoro solista e la promessa di un tour nel 2022: sempre nel ricordo di Freddie.

A 50 anni dalla nascita dei Queen, la leggenda del rock Brian May, il chitarrista, autore e membro fondatore del gruppo, è di nuovo sotto i riflettori. May è protagonista con la nuova edizione del suo libro “Queen in 3D”, un punto di vista fotografico interno e personale di una delle più grandi rockband della storia tramite aneddoti esclusivi e 300 foto stereoscopiche scattate con la sua speciale stereocamera, tra cui molte inedite. Attraverso la sua passione per la fotografia in 3D, Brian May racconta i Queen sia sul palco che dietro le quinte, dagli anni ’70 ai giorni nostri, con foto sul set di “Bohemian Rhapsody”, film vincitore di 4 premi Oscar nel 2019.

In 50 anni di carriera, Brian May e i Queen hanno pubblicato 40 album tra studio, live e raccolte, hanno venduto più di 300 milioni di copie nel mondo e hanno firmato veri e propri inni generazionali entrati nella storia come Bohemian Rhapsody, We Will Rock You, Radio Ga Ga, I Want to Break Free, I Want It All, The Show Must Go On, Another One Bites the Dust, Somebody To Love, Don’t Stop Me Now, Innuendo, Who Wants To Live Forever, Under Pressure, Crazy Little Thing Called Love. Nel maggio 2022 i Queen + Adam Lambert torneranno in tour toccando anche l’Italia, con una doppia data, il 10 e 11 luglio 2022 a Bologna. 

Back to the Light”, album di debutto da solista di Brian May del 1992, uscito quest’anno in una nuova edizione deluxe, contiene bonus track e versioni live. Si tratta di un grande successo che conteneva hits come Too Much Love Will Kill You e Driven by You.

Non vedo l’ora di tornare in Italia, l’ho sempre amata tantissimo – ha detto il rocker ieri ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa su Rai3.Per i 50 anni dei Queen non volevamo fare troppa confusione, ci fa sembrare e sentire molto vecchi, ma sono felicissimo di esserci, di lavorare, di fare un tour l’anno prossimo. Inizieremo a maggio e poi verremo a Bologna, è passato tanto tempo ma dobbiamo continuare a fare quello che facevamo!”. 


Intervenendo nel programma di Fabio Fazio su Rai Tre Brian May ha detto: “Non vedo l’ora di tornare in Italia, l’ho sempre amata tantissimo. In questi anni ho insegnato in una scuola media, i ragazzini erano sospettosi…”.

Sulla sua passione per la fotografia 3D, May dice: “Ho troppe passioni, la mia passione principale è la musica ma anche la stereoscopia, l’astronomia e sono anche diventato dottore [in Fisica]. Poi mi piacciono un sacco gli animali e la protezione degli animali selvatici e dei loro diritti è un’altra grande passione della mia vita. Abbiamo bisogno di fotografie in tre dimensioni oggi, ho convinto un sacco di persone, compresi gli scienziati della NASA e dell’ESA: con le tre dimensioni si è passati dall’epoca vittoriana allo spazio. 

Sulla laurea in Fisica e l’insegnamento: “Ho insegnato matematica in una scuola media, mi è piaciuto molto ma i ragazzini erano molto sospettosi e continuavano a dire: ‘Professore, lei davvero fa la rockstar?’ e io ero diciamo “in preparazione”. 

Sulla chitarra Red Special costruita insieme al padre“Il legno arriva dall’architrave di un caminetto di cent’anni fa, poi abbiamo preso delle molle dalle valvole di una moto: è stata fatta con un sacco di rifiuti però me la sono tenuta per tutta la carriera e me la voglio tenere finché vivo.”

Sul “peso del successo”“Il segreto è non prendere le cose troppo seriamente. Nella mia posizione ci sono una serie di cose positive ma anche negative, il segreto è mantenere la tua visione e concentrazione. Mi ha fatto piacere che mi abbiano detto che sono il migliore al mondo, so suonare, ma la cosa bella dell’essere un musicista e un chitarrista non è la competizione, è far sentire la propria voce. E mi fa felice che la mia voce sia ascoltata, che la gente dica che sono il migliore al mondo ma non ci credo, ci sono milioni di bravi artisti al mondo. Mi fa piacere esser parte di loro, diciamo così.” 

Sulla carriera da solista e la riedizione dell’album Back to the Light: “Per me vuol dire tantissimo, trent’anni fa facevo questi pezzi e nella rivisitazione mi sono ritrovato la stessa persona. Sono orgoglioso di averlo messo a disposizione delle nuove generazioni e dei giovani. Abbiamo passato un periodo davvero buio e c’è bisogno di sapere che c’è una luce alla quale si può ritornare. So cos’è la depressione, conosco i problemi di molte persone: è importante fare questi tentativi per ritrovare l’ottimismo.” 

Sull’affetto del pubblico e il successo del film Bohemian Rhapsody: “È diventato un film da un miliardo di dollari, una cosa come Via col Vento, non ce lo saremmo mai aspettato. Per me è stato meraviglioso e mi ha fatto piacere perché abbiamo fatto quello che volevamo e abbiamo presentato Freddie come essere umano e come artista, come meritava. È stato una fonte di grandissima gioia perché è arrivato alle nuove generazioni, grazie al film adesso ci vedono con occhi diversi. Confesso che eravamo nervosissimi perché dovevamo fare un film in cui praticamente filmavano noi. Certo, il film era su Freddie ma noi siamo la sua famiglia e siamo parte di quel film. Grazie davvero a Rami e a Gwilym Lee che ha interpretato me e ha fatto un lavoro incredibile, straordinario. Ho portato tutta la famiglia al cinema e anche loro erano strabiliati: i miei 3 nipotini più giovani per esempio non si rendono conto di chi eravamo in passato, mi ha fatto piacere portarli in modo tale che rimanga il ricordo quando non ci sarò più.

Su Freddie Mercury: A volte la gente pensa che sia troppo impetuoso, che abbia la mania di dominare, ma non era così era molto diplomatico dentro la band. Riusciva sempre a trovare una soluzione, era uno dei suoi tanti talenti. Freddie aveva tantissimi talenti, era davvero un essere umano straordinario, unico, incredibile. Il suo talento nella scrittura, nell’essere presente sul palcoscenico, nel riuscire ad arrivare al cuore della gente quando cantava. Un uomo straordinario e ci manca ancora oggi. È impossibile credere che non ci sia più, io ho come la sensazione che sia sempre qui con noi e non ci abbia mai lasciati.”

Foto di apertura dell’artista di Paul Harmer.



Trends - 01/03/2017

Ecco come Chiara ha messo in un box le eccellenze food italiane

Le eccellenze food italiane hanno bisogno sempre di idee nuove per arrivare al consumatore. Ci ha pe [...]

Leisure - 08/11/2017

Bricks in Florence, la mania dei Lego per 48 ore

Sarano 48 ore di ammirazione e mania da condividere per i fan dei mattoncini Lego provenienti da tut [...]

Leisure - 29/01/2019

“Ora o mai più” si apre a ospiti di peso

Dopo una settimana Paolo Vallesi non è riuscito a mantenere il vantaggio che aveva sul secondo clas [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!