Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 30/10/2018

Con la tecnologia Art Camera il dipinto racconta storie (online)

Grazie alla piattaforma Google, il Museo di Capodimonte sarà accessibile 365 giorni all'anno, 24 ore al giorno da ogni angolo del pianeta. I 536 capolavori digitalizzati.

Il Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli su Google Arts & Culture: dipinti in altissima definizione con la tecnologia Art Camera, i dettagli delle pitture in gigapixel, le storie, le street view nel Bosco e il tour virtuale nelle sale.

 

Da oggi oltre 536 opere d’arte del Museo e Real Bosco di Capodimonte saranno online su Google Arts & Culture, grazie a una nuova collaborazione tra Google e il Museo. Gli utenti potranno ammirare la Flagellazione di Cristo di Caravaggio, la Danae di Tiziano, La parabola dei ciechi di Brueghel il Vecchio, La Madonna del divino amore di Raffaello e molti altri tesori del Museo in pochi clic all’indirizzo https://artsandculture.google.com/partner/museo-e-real-bosco-di-capodimonte?hl=IT.

Stesso soggetto della foto d’apertura, autore diverso. Luca Giordano “Apollo e Marsia”, Museo di Capodimonte, Napoli (ph.L.Romano).

Visitatori di tutto il mondo avranno accesso virtuale in ogni momento al Museo e Real Bosco di Capodimonte, una delle più importanti pinacoteche al mondo immersa nel grande polmone verde di Napoli. E ben 203 dipinti sono state fotografati con l’altissima tecnologia di Art Camera che permette di ingrandire anche il minimo dettaglio scoprendo particolari invisivibili ad occhio nudo: la crettatura delle tele, la pennellata e si intravedono perfino disegni preparatori poi modificati nella stesura finale dei colori. Nell’opera El Soplón di El Greco, ad esempio, che ritrae il ragazzo che soffia sul tizzone accesso è possibile “entrare” nella pennellata che dà vita alla fiamma.

L’annuncio è stato dato questa sera, presso la Camera di Commercio di Napoli, durante la presentazione dell’iniziativa “Grow with Google Napoli” che coinvolge altri musei e istituzioni culturali della città. Il progetto prevede seminari gratuiti per diffondere le competenze digitali e uno spazio fisico temporaneo aperto gratuitamente fino al 3 di novembre presso il Palazzo della Borsa (Sala delle Grida) che ospita la mostra interattiva “Napoli Città d’Arte” in cui poter ammirare anche le opere del Museo e Real Bosco di Capodimonte (dalle ore 9,30 alle 18,30). Tutti i contenuti sono disponibili online su Google Art & Culture visitando il sito https://artsandculture.google.com/partner/museo-e-real-bosco-di-capodimonte?hl=IT.

Sulla piattaforma di Google dedicata a Capodimonte, in primo piano il “Benvenuti a Capodimonte”: una street view con audioguida dall’entrata di Porta Grande, un tour nei viale e nel primo piano del Museo, a spasso tra la collezione Farnese.

Il visitatore potrà scegliere, inoltre, 14 storie: un mini-racconto in una decina di slides che si focalizza su un’opera (La Flagellazione di Caravaggio; La Maddalena Penitente di Tiziano; El soplon di El Greco e L’allegoria della Giustizia di Vasari), una storia per bambini (La caduta di Icaro), due sul Bosco (Il Real Bosco di Capodimonte e la sua storia che comprende la descrizione degli edifici) e Natura e Arte nel Real Bosco ovvero itinerario nella natura) e altre che svelano il legame tra più opere come nel caso de L’Annunciazione a Capodimonte (sui dipinti dell’annunciazione come quello di Tiziano e di Artemisia Gentileschi), I Farnese, una famiglia di collezionisti, un Monuments Man per Capodimonte (sui dipinti trafugati dai nazisti e salvati da un funzionario italiano), L’Ottocento Privato (sulla omonima sezione), Il Vesuvio nell’Arte (dall’eruzione di Volaire a quello di Warhol passando per Gioacchino Toma), La visione della gloria. Santi attraverso i secoli (una carrellata di dipinti che raffigurano santi), Cattive Azioni. Quando le divinità diventano crudeli (dipinti con soggettto mitologico come Apollo e Marsia di Jusepe de Ribera o Perseo e Medusa di Luca Giordano)

 

Sulla piattaforma Google anche tour virtuali con Street View

Grazie alla tecnologia di Street View, le persone avranno la possibilità di visitare virtualmente l’intero primo piano del Museo e il Real Bosco di Capodimonte, selezionando le opere e gli edifici per loro più interessanti e facendo un clic per scoprire maggiori dettagli o immergersi nelle fotografie ad alta risoluzione, se disponibili. Un “trolley” di Street View ha scattato immagini a 360° di alcune gallerie: si tratta di un carrello high-tech che viene generalmente utilizzato per ottenere immagini di interni e che è stato creato nel 2009 per fornire agli utenti l’esperienza di una passeggiata in un museo. In questo modo, le immagini sono state unite per permettere di muoversi in tutta naturalezza tra 60 delle stanze del primo piano del museo, tra cui le sale dei dipinti, il Salone della Culla, il Salone Camuccini e il Salone delle Feste.

Il Direttore Sylvain Bellenger ha affermato che : “Grazie alla piattaforma Google, il Museo di Capodimonte sarà accessibile 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno da ogni angolo del pianeta, ecco perché sono particolarmente orgoglioso di questo accesso mondiale e altamente democratico alla nostra immensa collezione. L’uso della tecnologia Art Camera applicata ai capolavori di Capodimonte, poi, permette di svelarne dettagli inediti agli stessi studiosi, esaltando la precisione delle pennellate, sembra di vedere il fingerprint di Luca Giordano; rivela informazioni sull’iconografia delle opere ed è così precisa che permette di fare un viaggio nella materia. L’arte è sempre stata un dialogo e una lotta tra l’immagine visuale e la materialità opera, ma dobbiamo ricordare che la storia dell’arte è stata resa possibile grazie alla fotografia che ha permesso agli studiosi di riunire immagini di pitture disperse nel mondo intero. La Fondazione Longhi, la Fondazione Zeri sono tra le più importanti fototeche d’Italia con un archivio fotografico di riferimento. La cultura è l’espressione migliore della società, chi indebolisce la cultura indebolisce la società stessa. Spesso si dice che dovremmo portare più cultura nella vita, ma al contrario dovremmo portare più vita nella cultura: il progetto Google, finalmente fa entrare i nostri musei nel XXI secolo”.

Foto d’apertura: Jusepe de Ribera “Apollo e Marsia”, 1637 (ph.L.Romano)



Society - 12/05/2016

Daniele Bossari: “A casa mia sono io il sommelier della musica”

Daniele Bossari è una delle celebrità televisive più atipiche che ci sia capitato di incontrare. [...]

Design of desire - 10/12/2018

La Oslo House, nuovo edificio di Ramón Esteve

La Oslo House è l'ultima costruzione pronta per la consegna dello studio di architettura di Valenci [...]

Fashion - 26/02/2017

Donne in tailleur come soldatesse d’amore da Ermanno Scervino

Combattere per la creatività e l'amore: Ermanno Scervino affida alla donna autunno/inverno 2017/201 [...]

Top