Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 25/10/2020

Con “Oxygen” Michele Penna porta l’arte a respirare

La provocazione d'artista è da scovare a Milano nelle zone dove ci sono le centraline di rilevamento dello smog: via Liguria, Porta Venezia e bastioni, Città Studi e Nolo (Nord Loreto), Viale Marche.

Ha individuato le centraline dove si misura l’inquinamento di Milano e ci ha portato la sua arte. The Way Magazine ha seguito Michele Penna nelle sue ultime inziative artistiche in Lombardia, ma questa di “Oxygen” è davvero una performance-installazione unica nel suo genere. Il progetto di street art a tutti gli effetti prevede l’applicazione di scatolette al verde cittadino, dove si trova una valvola per “rilasciare ossigeno”, una provocazione per sensibilizzare i passanti sull’irrisolto fenomeno dell’inquinamento.

Sul profilo Instagram di Michele Penna anche l’evidenza (in video) delle installazioni nascoste nel verde di queste aree cittadine (per ora a Milano) dove sono state installate le scatolette, con il QR code che rimanda al video di YouTube dove l’artista descrive il progetto.

Ci racconta Michele Penna: “L’idea è nata con l’intento di voler far capire che non bisogna dare per scontato tutto ciò che ci fa sopravvivere, come l’ossigeno. Purtroppo il progresso ci ha portato a non tener conto dei danni che l’inquinamento sta facendo sull’ambiente. Solamente nell’ultimo decennio si sta sensibilizzando l’opinione pubblica sul serio ma ancora molto dobbiamo fare. Gas di scarico delle macchine, industrie, raffinerie e altro ancora stanno avvelenando l’aria che respiriamo. Questa mia installazione è una provocazione: per poter ottenere più ossigeno dagli alberi basta semplicemente premere un pulsante, magari fosse così”.

Il provocatorio “push the botton” per rilasciare l’ossigeno dalle scatolette “Oxygen” ideate dall’artista Michele Penna.



Le scatolette, per ora applicate al verde cittadino solo a Milano, sono state sistemate nei pressi delle centraline dove l’Arpa, l’agenzia territoriale della protezione ambientale, misura costantemente i livelli di inquinamento.
Le opere Oxygen si trovano in viale Liguria, Porta Venezia e bastioni, Città Studi e parco adiacente, NoLo (Nord Loreto) in piazza Morbegno e viale Marche.
Michele racconta: “In primavera verranno rimosse e messe all’asta, il ricavato andrà ad una associazione che si occupa di problemi ambientali di cui comunicherò presto il nome”.

Riccardo Gaffuri e Pascal Locatelli hanno aiutato l’artista che la settimana scorsa in una notte ha applicato le centraline self-made in giro per la città.

Michele Penna indica una sua “centralina” che fa parte del progetto di street art “Oxygen”.

“Mi piace con questa iniziativa – dice Michele Penna – chiudere il cerchio sul mio vero intento di sensibilizzazione, che sin dall’inizio del mio percorso artistico ha sempre coinvolto temi cari all’ambiente. Le mie prime opere erano tutte in materiale riciclato e questo tipo di installazione mi permette di accostare anche alla street art il mio pensiero. Che è sempre quello del rispetto per ciò che ci circonda”.



Design of desire - 30/05/2018

Bentley Power Dock, l’arte di Philippe Starck per la mobilità elettrica

Il mondo dell'automotive e dei trasporti procede di gran lena verso l’elettrificazione. Diversi co [...]

Leisure - 10/11/2019

Merano WineFestival, si conclude in eleganza

Sono l’eleganza e la ricercatezza delle bollicine più apprezzate al mondo a concludere in grande [...]

Leisure - 17/11/2018

La flora del Rinascimento in mostra a Firenze

Ci sono anche fuochi d'artificio, la classica maestria cinese e un tripudio di colori. Cai Guo-Qiang [...]

Top