Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 17/05/2020

Cultura online per tutti, dall’archivio del Franco Parenti “Il piacere del testo”

Un patrimonio sterminato di esibizioni e riflessioni documentate. Tra gli highlight Gioele Dix e la lezione sull'infelicità di Salvatore Natoli e Pierangelo Sequeri.

Proseguono le iniziative on line del Teatro Franco Parenti con la programmazione di materiali da visionare sulla playlist youtube #CasaParenti e la pubblicazione quotidiana delle pillole video di Andrée Ruth Shammah sulla sua pagina facebook e su playlist youtube dedicata.

Nella settimana che va dall’18 al 24 maggio saranno on line: una intervista ad Andrée Ruth Shammah  su Classica Hd a cura di Piero Maranghi nella trasmissione Va’ Pensiero – Parole e Futuro (martedì 19 maggio), una pillola letteraria di Gioele Dix dedicata al cabarettista, attore e produttore cinematografico tedesco Karl Valentin (giovedì 21 maggio)ed infine 5 Lezioni Magistrali inserite all’interno del progetto Il piacere del testo, una iniziativa della stagione 2014-2015 che ha visto coinvolti prestigiosi personaggi della cultura contemporanea come Elena Cattaneo, Valerio Magrelli, Michela Marzano, Salvatore Natoli, Massimo Recalcati, Pierangelo Sequeri (sabato 23 maggio). 

Si tratta di una serie di Lezioni Magistrali dedicate al piacere della riflessione e dell’approfondimento, condotte da alcuni noti interpreti, in un percorso che a partire da alcune opere protagoniste di quella stagione, ha intrecciato il teatro alla filosofia, alla scienza, alla teologia, alla poesia, alla psicanalisi per coinvolgere il pubblico in un dialogo su temi e questioni che scandiscono la nostra esistenza. 

Vi evidenziamo la lezione magistrale di Salvatore Natoli e Pierangelo Sequeri – Non c’è niente di più comico dell’infelicità, in occasione di Finale di partita di Samuel Beckett.

Ubi nihil vales ibi nihil velis: ove nulla puoi, nulla vuoi. Infatti, in Beckett non c’è più il pathos del nulla: né la nostalgia di una pienezza perduta, né la delusione di compimento mancato, né l’attesa di una risoluzione finale. E neanche l’attesa della fine individuale perché mai ne potremo essere spettatori. Solo un rinvio, il lungo indugiare in un’estenuazione che si consuma nel qui e ora d’una sopravvivenza quasi biologica. Cosa, allora, ci può essere di tremendo nell’infelicità? Nulla di quel che accade conta e perciò quel che più gli si addice – se gli si addice – è il comico o se si vuole il sublime dell’ironia.

 

Proseguono contemporaneamente i video racconti quotidiani di Andrée Ruth Shammah, in cui la regista lascia affiorare spontaneamente i suoi ricordi alternandoli a riflessioni sul teatro, sull’arte, la cultura e sul loro ruolo nella situazione drammatica che stiamo vivendo in queste settimane. Le pillole sono fruibili sui social oltre che in forma di podcast sulla piattaforma spreaker.it.

Da sinistra, Michela Marzano, Massimo Recalcati, Valerio Magrelli.

Gioele Dix propone sui social media appuntamenti letterari sotto forma di pillole video, interpretazioni inedite e personali delle pagine scritte più amate dall’artista, che non ha mai fatto mistero della sua grande passione per la letteratura, dimostrata anche con i Giovedix letterari, gli incontri di Gioele Dix al Teatro Franco Parenti, che per anni (a partire dal 2013), hanno rappresentato un appuntamento unico ed originale, affollato e accolto calorosamente dal pubblico. 

Ce n’è una dedicata allo scrittore, poeta e saggista statunitense Rayomond Carver scrittore come afferma Gioele Dix che amo molto per il suo singolare talento nel cogliere l’essenziale. Maestro del racconto a frammenti, è capace come pochi di svelare misteri, dolori e felicità che si nascondono nelle pieghe della vita quotidiana. Ho scelto per voi quattro sue poesie: “La cabina telefonica”, “Sempre alla ricerca del meglio”, “La poesia che non ho mai scritto” e “L’attesa”. Spero che, come me, anche voi restiate affascinati dai mondi che queste letture evocano”.

Luciano Florici e Carlo Cecchi.

 

Gioele Dix propone sui social media appuntamenti letterari sotto forma di pillole video, interpretazioni inedite e personali delle pagine scritte più amate dall’artista, che non ha mai fatto mistero della sua grande passione per la letteratura, dimostrata anche con i Giovedix letterari, gli incontri di Gioele Dix al Teatro Franco Parenti, che per anni (a partire dal 2013), hanno rappresentato un appuntamento unico ed originale, affollato e accolto calorosamente dal pubblico.
Un’altra pillola è dedicata ad una favola di  Gianni Rodari “Il paese senza punta”, una storia tratta dalle “Favole al telefono” del più celebre scrittore italiano per l’infanzia del XX secolo. Un viaggio per tutti i bambini a casa in quarantena che potranno vivere una delle avventure di Giovannino Perdigiorno nel paese senza punta, dove tutti sono gentili, gli spigoli sono rotondi, i tetti sono fatti a pagoda, le rose non hanno le spine. L’attore dice: “Questa volta ho voluto pensare a tutte le bambine e i bambini che studiano da casa e a chi li segue ogni giorno! Tra un compito di italiano e uno di matematica facciamo una pausa leggendo una delle avventure di Giovannino Perdigiorno di Gianni Rodari?”.
Sempre nell’archivio del canale YouTube Luciano Floridi – una lezione sulla SALUTE ONLIFE parla dell’informazione transdiegetica, di come cambia il rapporto con le informazioni e la loro narrazione. E soprattutto come questo si relaziona con le app di tracciamento, strumento tanto dibattuto in questo periodo di pandemia.
Luciano Floridi, una delle voci più autorevoli della filosofia contemporanea, è professore ordinario di Filosofia ed Etica dell’informazione all’Università di Oxford, dove dirige il Digital Ethics Lab, e chairman del Data Ethics Group dell’Alan TuringInstitute, l’istituto britannico per la data science. Per Raffaello Cortina Editore ha già pubblicato La quarta rivoluzione. Come l’infosfera sta trasformando il mondo (2017).

Daria Bignardi, Daria Bignardi racconta il tema dell’ansia in letteratura, partendo da Italo Svevo e La Coscienza di Zeno per passare poi a temi autobiografici legati all’ansia, che ha esplorato nel suo primo libro del 2008 (Non vi lascerò orfani) e nell’ultimo romanzo del 2018 intitolato proprio “Storia della mia ansia”.

Daria Bignardi nel filmato “Quando il gioco si fa duro i veri ansiosi smettono di esserlo (Italo Svevo lo sa)” racconta il tema dell’ansia in letteratura, partendo da Italo Svevo e La Coscienza di Zeno per passare poi a temi autobiografici legati all’ansia. Un passaggio che ha esplorato nel suo primo libro del 2008 (“Non vi lascerò orfani”) e nell’ultimo romanzo del 2018 intitolato proprio “Storia della mia ansia”.

www.teatrofrancoparenti.it  
#CasaParenti  – Youtube 
#Difficoltainopportunita – Pillole video di Andrée Ruth Shammah 
Podcast di Andrée Ruth Shammah su Spreaker 

In foto d’apertura: Gioele Dix (foto di Laila Pozzo) e Andrèe Ruth Shammah



Leisure - 12/11/2018

Colin Stetson, cronaca di una serata di contaminazione jazz

Il nuovo lavoro discografico di Colin Stetson, All this I do for glory, che chiude l’iconica trilo [...]

Leisure - 01/04/2017

Due gallerie innovative di Parigi e Londra premiate al Miart 2017

Alla 22esima edizione di Miart, la fiera d'arte che si pone come un'enorme mostra cosmopolita di tut [...]

Fashion - 04/05/2020

Compagnia del Denim, dalle Marche la sensibilizzazione per riprendersi

La Compagnia del Denim, marchigiana, sta promuovendo le produzioni del territorio in difficoltà con [...]

Top