Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 31/01/2018

Da Hug Milano le visioni solitarie di Mauz

Nel cuore di NoLo a Milano ha aperto un hub culturale in un'ex fabbrica di cioccolato. Si chiama Hug NoLo e ci abbiamo visto una mostra fotografica interessante.

Maurizio Porcu, fotografato ad Hug NoLo a Milano in occasione della sua mostra fotografica, Uno.

Maurizio Porcu, in arte Mauz, fotografato ad Hug NoLo a Milano in occasione della sua mostra fotografica, Uno.

A NoLo Milano la commistione è il fil rouge di ogni iniziativa culturale. Un’ex fabbrica di cioccolato che ospita una mostra di fotografie. Ve lo sareste mai immaginato? E succede pure che le foto siano di pregevole valore artistico e che l’autore, Mauz in arte Maurizio Porcu, sia dedito a tutt’altro nella vita. E questo spiega molto della sensibilità artistica vera, che quando alberga dentro di noi, trova sempre la strada per emergere.

porcu hug porcy

Quindi è una bella scoperta arrivare nel cuore di NoLo dove i cortili si rivelano con silenzio e si lasciano ammirare. Si entra ad Hug Milano, che è un co-working ma anche polo culturale con caffetteria, e si viene acolti dalle tre promotrici dell’ultimo recupero del quartiere, Loredana, Alberica e Sara. E poi ci sono le opere di Mauz, raggruppate in una mostra chiamato Uno, perché tutte le fotografie esposte ci parlano apparentemente di solitudine, una parola che qui nessuno vuol sentire, in verità.porcu mostra

Perché per troppo tempo, prima della nascita della community online, qui a Nord di Loreto la solitudine di tanti ragazzi e meno giovani “non connessi” (tra loro) ha albergato in lunghe giornate tipiche milanesi. Ora la situazione è ribalatata e la folla festante che ha accolto l’iniziativa ad Hug per la mostra fotografica (fino al 5 febbraio) è una testimonianza preziosa di quanto le “connessioni” (non solo wi-fi) possano mettere in circolo. Qui è tutto uno sharing: ci si conosce, si fanno cose, si vede gente. E soprattutto si danno delle opportunità di espressione fino a qualche tempo fa inimmaginabili. Ed è una fortuna perché la fotografia di Mauz non è fatta per essere relegata a scambi tra amici.

porcu foto

Deve essere ammirata come in un museo perché ne ha pari dignità. Uno è il numero del singolo – ci ha detto l’autore – . In questi scatti è sempre presente una persona, soprattutto nel suo essere singolare e unico. Queste fotografie nascono come prova, uno studio che parte dall’osservazione in momenti voluti o casuali. Diventano fotografie quando trovo il modo di posizionare gli elementi nello spazio secondo una distribuzione premeditata. Da un gioco puramente geometrico scaturisce la solitudine della persona, una presenza forte, unica e sola. La solitudine che esiste indipendentemente dall’ambiente circostante. Oggetti, cose, persone, parole, rumori possono essere accessori. Solitudine che non è una declinazione di abbandono, ma di unicità, di determinazione. Ogni atomo ha la sua importanza, al di là dei suoi legami con l’esterno. Questo progetto non è una affermazione, ma una domanda alla quale seguiranno altre fotografie e altre risposte”.

Fino al 5 febbraio ad Hug Milano, via Venini 83 20127 Milano.



Fashion - 15/11/2016

Salvatore Santoro raffinato brand di pelle made in Naples

Le collezioni Salvatore Santoro raccontano una storia tutta italiana, fatta di passione, [...]

Fashion - 06/07/2018

Damiano Carraro vince l’Award della Fondazione Gianfranco Ferré

Il designer italiano Damiano Carraro si aggiudica il primo premio del contest Internazionale, promos [...]

Leisure - 26/12/2019

Billy Sullivan, “Muses” omaggia artisti e gente comune che lo hanno ispirato

La mostra "Muses" alla galleria Kaumann Repetto di Milano si concentra sul ruolo cruciale del ritrat [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!