7 Settembre 2022

Da Samantha Casella un film ricco di simbolismo

Dalla regista del corto “I am Banksy“, il primo lungometraggio presentato oggi a Venezia.

7 Settembre 2022

Da Samantha Casella un film ricco di simbolismo

Dalla regista del corto “I am Banksy“, il primo lungometraggio presentato oggi a Venezia.

7 Settembre 2022

Da Samantha Casella un film ricco di simbolismo

Dalla regista del corto “I am Banksy“, il primo lungometraggio presentato oggi a Venezia.

Esordio nel lungometraggio per la giovane regista Samantha Casella con il film Santa Guerra. Il film, sarà presentato proprio oggi, 7 settembre, al Lido di Venezia, in occasione della 79° Mostra del cinema, alla presenza del cast, del produttore Antonio Micciulli e della regista, autrice anche della sceneggiature e attrice. Il film, che forse si porterà a casa anche un premio, racconta la storia intrigante e originale di una donna alla ricerca di una presa di coscienza tramite l’elaborazione di un trauma. La cosa interessante è il tipo di ricerca a cui la donna si abbandona, una sorta di labirinto onirico e introspettivo che la fa precipitare in un luogo senza tempo. Un film nella cui storia sono presenti anche luoghi inquietanti, spettri, un’antica scatola e una chiave che funge da portale. 

Alla Mostra del cinema di Venezia numero 79, Samantha Casella esordisce alla regia con il film Santa guerra, un’opera al femminile onirica e sperimentale. 

Samantha Casella è una regista molto particolare che basa la sua ricerca artistica sulla sperimentazione, la sua attività quasi febbrile, iniziata con il cortometraggio del 2001 dal titolo Juliette, l’ha portata per tutti gli anni Duemila a realizzare circa una trentina di opere (tra cortometraggi, documentari, videoclip e video arte) fino al grande successo internazionale con il corto del 2019 I am Banksy e To a Godunknown – Al Dio sconosciuto del 2020, distribuito nelle sale americane e vincitore di numerosi premi. 

Per quanto riguarda Santa guerra, è la stessa Casella a spiegarci che “la lavorazione del film si è svolta prevalentemente in Emilia Romagna anche se alcune scene sono state effettuate in California e in uno studio a Los Angeles. Le riprese sono durate circa 50 giorni e si sono svolte tra novembre 2020 e giugno 2021. Le opere d’arte presenti nel film sono state realizzate da alcuni artisti di fama internazionale come Giovanni Scardovi, Federico Severino, Pier Giovanni Bubani, Sergio Monari, Bacco Artolini e Filippo Zoli. Nel film, poi, ho voluto omaggiare autori e opere che ho amato particolarmente, come Twin Peaks di David Lynch, con il pavimento a lische, ed Ingmar Bergman, il risveglio della donna (Eugenia Costantini) è un omaggio a Persona; la mano del fantasma sulla fronte di una donna (Ekaterina Buscemi) è invece un tributo a Fanny e Alexander; il grande orologio senza lancette, poi, è ovviamente per Il posto delle fragole. Da un punto di vista mitologico e letterario, invece, indubbiamente ci sono moltissimi riferimenti simbolici al mito di Orfeo e il suo viaggio nell’Ade e alla figura di Ananke, dea del destino e della ‘necessità’. E per finire, il simbolismo del serpente, principalmente dell’uroboro, che nel suo mordersi la coda forma un cerchio senza inizio né fine, rappresentando il tormento infinito della protagonista”.

Nel cast è presente anche Maria Grazia Cucinotta con una partecipazione straordinaria.

Read in:

English English Italian Italian
Enzo Latronico

Enzo Latronico

Sceneggiatore e giornalista, laureato in Scienze dell’educazione e della formazione, Enzo Latronico è il nostro esperto del grande schermo. Ha diretto per il Ministero per i Beni e le attività culturali, il docu-movie "A memoria d'uomo" e ha sceneggiato il film “Solo di passaggio”. Autore dei libri "Ugo Pirro. Indagine su uno sceneggiatore al di sopra di ogni sospetto", “La settima arte della seduzione”, “Gli attori mangiano per finta” e “Quando c’era Maciste”. Fondatore del blog/magazine cinemascritto.wordpress.com, è un appassionato studioso della cinematografia di James Bond. – “Nel guardaroba di un uomo non dovrebbe mai mancare uno smoking”
Ti potrebbe interessare:

Calabria: archeologia in 10 tappe

L’estate italiana è sempre più concentrata quest’anno sui lidi calabresi. La regione sta avendo una rinascita turistica senza precedenti ed

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?