20 Luglio 2022

Denis O’ Regan: “In tour coi Queen per immortalare l’ultimo grande show”

Dagli anni Settanta ai trionfi oceanici live del 1986, il fotografo inglese incontrato al Medimex di Bari racconta la vita fuori e dentro la folla di Freddie Mercury e soci.

20 Luglio 2022

Denis O’ Regan: “In tour coi Queen per immortalare l’ultimo grande show”

Dagli anni Settanta ai trionfi oceanici live del 1986, il fotografo inglese incontrato al Medimex di Bari racconta la vita fuori e dentro la folla di Freddie Mercury e soci.

20 Luglio 2022

Denis O’ Regan: “In tour coi Queen per immortalare l’ultimo grande show”

Dagli anni Settanta ai trionfi oceanici live del 1986, il fotografo inglese incontrato al Medimex di Bari racconta la vita fuori e dentro la folla di Freddie Mercury e soci.

C’è stato un periodo in cui Denis O’ Regan, l’anno prossimo 60 anni, dagli anni Settanta uno dei più famosi e influenti fotografi del panorama rock inglese, ha appeso la macchina al chiodo. “Non avevo più molto interesse a scattare le nuove rockstar negli anni 2000 – ci confessa nell’incontro al Medimexi di Bari, dove è stato di recente prestigioso ospite internazionale – poi c’è stato un cambio. Le stelle della musica hanno iniziato a venir meno, molte sono morte e mi sono ritrovato con un mare di ricordi, tanti scatti storici e una rinnovata passione che oggi mi porta a curare il mio archivio per libri e mostre” . Parte di questo lavoro è confluito nella mostra presentata recentemente a Bari, allo Spazio Murat, visitabile fino al 28 agosto 2022, “Denis O’ Regan with QUEEN”, in cui sono presenti 60 scatti dagli anni Settanta all’ultimo tour del 1986 della band di Freddie Mercury.

La history timeline dei Queen esposta alla mostra di Bari di Denis O’ Regan: arriva fino al 2016 quando i membri superstiti della band hanno deciso di suonare con la voce di Adam Lambert. E soprattutto segna il 2018, anno in cui è uscita la biopic “Bohemian Rhapsody”, che ha vinto anche 4 Oscar e che ha consacrato a leggenda lo status dei Queen.
Denis O’ Regan ha partecipato a varie attività promozionali per il lancio della sua mostra a Bari. Allo Spazio Murat e al Teatro Margherita intervistato da Ernesto Assante.

Freddie, cantante monopolizzatore e carismatico, il più grande intrattenitore della sua generazione, è rappresentato come un re, o meglio una regina con tanto di corona, con una gigantografia e un bell’allestimento curato dalla Ono Arte di Bologna. Denis, che è venuto in Italia in persona per aprire l’esposizione, ci ha raccontato: “Quello che ho fatto negli anni Ottanta specialmente, con Bowie e Queen in particolare oggi ha un valore storico. Le persone sono davvero molto interessate alla fotografia musicale, un genere che io stesso avevo sottovalutato con l’avvento del digitale e della possibilità infinita di scattare da parte di tutti. Abbiamo fatto cose pazzesche assieme e vorrei sottolineare l’importanza per i performer di avere dietro un fotografo personale in tour. Per me è un modo di aver accesso alla figura pubblica e a quella privata nella stessa giornata, e consegnare questi fotogrammi unici alla storia. Perché se non c’è nessuno che documenta, tutto quello che si fa è perduto”.

Denis O’ Regan indica al sindaco di Bari, Antonio Decaro, e al direttore artistico di Medimex, Cesare Veronico, una posa di backstage di Freddie Mercury.

Menomale che Denis c’era: soprattutto per i Queen, durante quello che sarebbe stato l’ultimo tour della loro carriera con Freddie Mercury nel 1986. Il cantante, morto nel 1991, si era ritirato dalle scene ma i dischi e video continuavano a uscire: “A Kind Of Magic” era del 1986 ed ebbe un tour, “The Miracle” nel 1989 e “Innuendo” del 1991 non ebbero un giro di concerti. Denis si mostra grato per le sue scelte: “Ho finito per lavorare con tutti i miei idoli: Stones, Bowie e Queen. Poi sono arrivati i Duran Duran ma erano miei coetanei e avevamo la stessa matrice punk come origine comune”.

Il fotografo, che aveva iniziato a fotografare David Bowie negli anni Settanta, si trovò una nicchia nell’affollato mondo dei concerti londinesi con l’avvento del punk: “Avevo questo sogno di andare in tour con le grandi star, ma inevitabilmente dovevo fotografare questo nuovo gruppo di musicisti strani che ogni settimana saltavano fuori. I punk godevano di un ottimo interesse da parte della stampa, le foto dei loro live erano molto ambiti. E io pensavo: i Queen e gli Stones superano anche questa ondata, la loro carriera sarà infinita”.

Il libro “Queen – The Full Picture” uscito nel 1995, a 4 anni dalla morte di Freddie Mercury, all’apice del rilancio della band.

La storia di O’Regan che da spettatore diventa fotografo ufficiale di una delle più grandi band del mondo è davvero una avvincente favola rock. A 20 anni, nel 1973, vide per la prima volta i Queen in concerto quando facevano da spalla a Mott the Hoople all’Hammersmith Odeon di Londra. Scattò le sue prime foto lì e una volta pubblicate, lo richiamarono per i concerti londinesi successivi. Poi fu chiamato per andare in tour con la band, dopo le sue esperienze in giro per il mondo con David Bowie e i Rolling Stones. O’ Regan è stato anche fotografo ufficiale del backstage del Live Aid del 1985, il concertone benefico in cui i Queen rimontarono in grande stile nei favori del pubblico mondiale.

A sinistra 9 agosto 1986 ultimo concerto dei Queen nella storia con Freddie Mercury. The Magic Tour, che era andato sold out immediatamente. Fu così che, al Knebworth Park a nord di Londra, suonarono per un pubblico di circa 115.000 persone. A fotografare l’evento, c’era Denis O’Regan, fotografo ufficiale del tour. A causa del grande traffico attorno al luogo del concerto, i Queen dovettero arrivare in elicottero. Per poter scattare le foto che sarebbero diventate tra le più famose della rock band britannica, Denis si recò in un aeroporto locale e la band affittò per lui un elicottero con pilota, in modo in modo che potesse scattare loro le foto mentre volavano da Londra. “Nella mia foto più importante dei Queen, i Queen non si vedono”. A destra, Freddie un mese prima, 5 luglio 1986 allo Slane Castle davanti a 95mila persone.

Freddie Mercury – dice senza ombra di dubbio – è stato il miglior performer della sua generazione perché possedeva il pubblico, mentre Mick Jagger, che è comunque una leggenda, suona per il pubblico, un concetto diverso. Al Live Aid non erano tutti fan dei Queen, tanto che i biglietti andarono sold-out prima che si sapessero addirittura i nomi dei performer. Eppure quel giorno, tutti i 70mila di Wembley furono conquistati, dopo averli visti suonare sono diventati una comunità compatta devota ai Queen. Questo è il senso dell’arte della musica dal vivo: lasciare che il pubblico partecipi alla costruzione dell’evento”.

Avendo avuto accesso ai tour di due decenni diversi, Denis ha anche visto il cambiamento sia delle tecnologie che della mastodontica organizzazione di giri di concerti come quelli della band di Mercury. “Ho visto il gruppo cambiare, con concerti iniziali molto cupi e molto heavy metal, con grandi luci che sparavano in camera e mi rendevano il lavoro complicato. Quando hanno migrato verso un repertorio più pop e commerciale anche gli spettacoli sono cambiati, sono diventati più illuminati. Qui ho potuto ritrarre al meglio Freddie, che quando mi faceva un sorriso ai lati del palco era un amico, quando posava davanti alla folla era il re della scena”.

L’immagine della mostra di Denis O’ Regan a Bari è un Freddie Mercury anni Ottanta di spalle davanti al suo pubblico. Ma all’interno ci sono anche stampe di alcune memorabili esibizioni dei Queen di fine anni Settanta.
Uno dei più famosi scatti ai Queen è sicuramente il grandangolo di Freddie Mercury che indossa la sua famosa corona d’oro, un braccio alzato al cielo, e il suo mantello regale drappeggiato sulle spalle.

Il legame con la band rimase, ma gli impegni di Denis lo portarono per il resto degli anni 80 a fotografare un solo act ogni 12 mesi. “Non si sapeva della malattia di Freddie, ma sapevo di aver avuto la possibilità di aver documentato un tour storico. Tutto il 1986 lo dedicai a loro e questa mostra a Bari è un sunto di quello che ho fatto in un anno meraviglioso. Hotel, party, folle, festeggiamenti, vita di lusso. Ma soprattutto le espressioni di Freddie, che a volte era più un comico che un cantante”.

La mostra dei Queen fotografati da Denis O’ Regan è aperta fino al 28 agosto 2022 allo Spazio Murat
piazza del Ferrarese, Bari.

Per info sulla mostra a Bari fino al 28 agosto qui

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Etruschi in Lunigiana, la riscoperta

“La Lunigiana e la sua anima etrusca” è il titolo della manifestazione d’Arte e Cultura contemporanea internazionale rganizzata a villa

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?