Magazine - Fine Living People
23/01/2020 - A Milano torna 4Ecom, l’evento di riferimento del mondo eCommerce
Leisure

Leisure - 26/11/2019

Francesca Ventura: “Lontano lontano, un film poetico erede del neorealismo”

L'ultimo lavoro di Gianni Di Gregorio nelle parole dell'attrice che ha recitato per l'ultima volta di Ennio Fantastichini sullo schermo. Nelle sale a dicembre.

Presentato in anteprima alla 37° edizione del Torino Film Festival (dal 22 al 30 novembre 2019) per poi essere distribuito nelle sale italiane da dicembre, “Lontano Lontano” è l’ultimo film di Gianni Di Gregorio, attore e regista che ha saputo portare sullo schermo, con i suoi lavori passati, ricordiamo tra tutti “Il pranzo di Ferragosto”, il suo personalissimo stile narrativo. Di Gregorio è a tratti surreale, a tratti grottesco e “Lontano Lontano”, diretto e interpretato dallo stesso Di Gregorio, è una commedia che racconta le storie di tre personaggi molto diversi tra loro, per professioni e mentalità, ma non nella sorte.  Un racconto corale che tra i protagonisti oltre a Roberto Herlitzka, Giorgio Colangeli, Daphne Scoccia e Francesca Ventura, vede anche l’ultima toccante interpretazione dell’indimenticato Ennio Fantastichini.

Il regista e interprete Gianni Di Gregorio con l’attrice Francesca Ventura.

Ne parliamo con Francesca Ventura, nota la grande pubblico per il suo esordio cinematografico con Alberto Sordi nel film “In viaggio con papà” e poi per aver dato carattere al personaggio di Tisini, la secchiona della serie tv “I ragazzi della 3° C”, oltre che ad aver lavorato con Carlo Lizzani, Nikita Michalkov, Peter Greenaway, e Liliana Cavani.

Cosa hai pensato subito dopo aver letto la sceneggiatura di “Lontano Lontano”?

Ho pensato che fosse un film poetico e nello stesso tempo divertente. Un film erede del grande neorealismo italiano, che parla della vita e che descrive l’Italia e gli italiani con pennellate color pastello. Qui si narrano le vicende di persone “normali” che nella loro normalità sono straordinarie, come vedremo nell’ultimo snodo della sceneggiatura, di cui, ovviamente, non dico nulla.

 

Qual è il tuo ruolo?

Come per tutti gli altri personaggi femminili di Lontano Lontano, il mio ruolo è quello che noi attori definiamo un cameo. Sono la moglie di Roberto Herlitzka, una signora borghese che gestisce, con polso sicuro, la propria vita, quella del marito e la grande villa. Una donna che tiene tutto sotto controllo, insomma.

Sul set con Ennio Fantastichini per “Lontano Lontano”. L’attore è scomparso esattamente un anno fa.

Hai lavorato con tanti registi, italiani e stranieri, conoscevi Di Gregorio? Cosa ne pensi?

Penso che Gianni Di Gregorio sia un regista e una persona fantastica. Avevo “rischiato” di essere scelta da lui per “Pranzo di Ferragosto” ma, all’ultimo, scelse un’altra attrice. Sono contentissima che si sia ricordato di me e che mi abbia chiamata, dopo tanti anni, ad interpretare questo suo film.

 

Questo è anche l’ultimo film di Ennio Fantastichini che ci ha lascato nel dicembre dell’anno scorso, praticamente a fine riprese, cosa ci puoi raccontare di lui?

Conoscevo Ennio da moltissimi anni, essendo stata la compagna di suo fratello Piero, lo scultore. Sono una famiglia di persone affascinanti e geniali. Che si può dire Ennio? Che era un grandissimo attore, una personalità stupefacente e complessa….

 

Qual è il tuo pensiero sul cinema italiano oggi?

A partire da Matteo Garrone, che è un regista straordinario, inutile tesserne le lodi, il cinema italiano sta rinascendo e lo dimostrano autentici capolavori come, ad esempio, “Indivisibili” o ”Sicilian Ghost Story” giusto per citarne qualcuno.

 

A inizio carriera hai lavorato  in Teatro, poi il cinema e la televisione con grande successo, alla tv non hai più voluto guardare?

Temo di dover dire che è la TV che non mi ha più voluto guardare me. Devo dire che anche io mi sono ritirata per crescere una figlia, per scrivere, per fare teatro… Mi piace sempre recitare, non importa in quale spazio. Un’ attrice è un’attrice, ovunque reciti.

 

Dopo questo film cosa c’è di lontano lontano nella vita di Francesca Ventura?

Nulla. Cosa dicono i saggi?  Tutta la vita è qui, rinchiusa nello stesso attimo.



Society - 25/12/2019

Un libro, 100 luoghi, le memorie di Milano secondo Giacinta Cavagna di Gualdana

Il treno è sempre il treno, era il tormentone del "Ragazzo di campagna", film cult anni ottanta int [...]

Leisure - 29/08/2018

Stampa e rivoluzione digitale: due mostre a Venezia e Oxford

Ci sono stati 50 anni che hanno rivoluzionato l'Europa. L'immissione della stampa nei meccanismi di [...]

Society - 10/05/2016

Paola Barale: “Prima andavo in vacanza, ora viaggio davvero”

Paola Barale è una viaggiatrice consapevole e contenta. Ha iniziato davvero ad assaporare le cultur [...]

Top