Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 01/10/2019

Giornata mondiale del caffè, a Milano arriva anche il festival

C'è anche il liquore Borghetti premiato internazionalmente. Ma il rito italiano più intenso e sociale resta l'espresso. E a novembre un fitto calendario di iniziative ne svelerà altri segreti.

Il 95% degli Italiani lo beve ogni giorno: il caffèè uno degli ingredienti cardine delle nostre giornate, e l’International Coffee Day 2019 vuole celebrare la cultura e la filiera del caffè ricordando che quasi 3 miliardi tazzine sono consumate ogni giorno nei quattro angoli del pianeta. Ma che il prezzo della materia prima rende sempre più povero chi lo raccoglie: si è abbassato del 30% negli ultimi 15 anni. Sono perlopiù aziende agricole a conduzione famigliare, che coinvolgono 12 milioni di coltivatori nel mondo, che hanno bisogno di dignità.

In occasione della Giornata Internazionale del Caffè, che ricorre oggi, è stata annunciata seconda edizione del Milan Coffee Festival che avrà luogo dal 30 novembre al 2 dicembre prossimi al Superstudio Più di Milano.

“The Milan Coffee Festival” un evento a forte impronta internazionale dedicato al mondo del caffè artigianale in tutte le sue declinazioni secondo un format consolidato approdato per la prima volta in Italia lo scorso anno.
Degustazioni gratuite, workshop interattivi, performance di baristi, torrefattori e mixologist alle prese con una rivisitazione del classico aperitivo milanese.

Una location più grande, con un incremento del 30% dello spazio riservato agli espositori, e una previsione di circa 6.000 visitatori attesi, di cui 2.000 addetti ai lavori e 4.000 semplici appassionati. Prosegue a gonfie vele la marcia di avvicinamento alla seconda edizione del “Milan Coffee Festival”, che si terrà dal 30 novembre al 2 dicembre prossimi al celebre Superstudio Più di via Tortona, location iconica di uno dei distretti storici e più vivaci del Fuorisalone del design, che ben si sposa con l’ecletticità dell’evento.

Forte del successo riscosso al debutto italiano, il format internazionale ideato da Allegra Events, approdato lo scorso anno a Milano dopo aver spopolato a Londra, Amsterdam, New York, Los Angeles e Cape Town, intende consolidare anche in Italia il suo posizionamento come evento di riferimento per gli amanti del caffè e gli operatori del settore, tra cui baristi professionisti, titolari di bar-caffetterie e opinion leader del variegato mondo dell’‘oro nero’, principali interlocutori dei numerosissimi espositori attesi (fornitori di caffè e di cibo, di macchinari e attrezzature).

“L’Italia – dichiara Ludovic Rossignol-Isanovic, co-founder di Allegra Events e ideatore del Coffee Festivalè al culmine di una rivoluzione del mondo del caffè e siamo molto orgogliosi di esserne parte integrante, rappresentando il cambiamento e colmando il divario tra la cultura del caffè espresso tradizionale e il movimento emergente degli ‘specialty’. Si tratta di un momento importante anche perché ci trasferiremo nella nostra nuova casa, il Superstudio Più; uno spazio così bello, in una posizione strategica, a dimostrazione di quanto l’evento sia cresciuto rapidamente. Abbiamo grandi progetti per il ‘Milan Coffee Festival’, per cui il nostro consiglio è di stare bene attenti ai prossimi sviluppi”.

Il fitto programma dell’evento prevede ancora una volta degustazioni gratuite, workshop interattivi e performance di baristi, torrefattori e mixologist alle prese con una rivisitazione del classico aperitivo milanese. Il tutto all’insegna di un comune denominatore: il caffè artigianale nelle sue molteplici declinazioni.

Svariate le esperienze e le attività in cui potranno cimentarsi i visitatori nelle diverse aree espositive. THELAB, sponsorizzato da Lavazza, offrirà un programma interattivo comprensivo di dimostrazioni, workshop, degustazioni, conferenze e dibattiti live su svariati argomenti. Tra gli speaker ci sarà ancora una volta Francesco Sanapo, pluripremiato “caffesperto”, proprietario di Ditta Artigianale, che porterà all’attenzione del pubblico temi quali etica, qualità e sostenibilità dell’industria degli “specialty coffee”. Tra le lezioni più significative si segnalano: “Direct trade: cosa significa?”, per sottolineare l’importanza di intrattenere un rapporto diretto con i produttori; “La nuova frontiera del gusto”, per discutere di tutti i cambiamenti avvenuti nei Paesi produttori di caffè e di come essi ne abbiano influenzato il gusto, cui seguirà un tasting gratuito per passare dalla teoria alla pratica; “La Nuova Epoca per un Coffee Bar”, per sviscerare tutti gli aspetti, dal menù al comportamento del barista al costo del lavoro, di cui tener conto per preservare la sostenibilità del business degli “specialty coffee”. Non mancherà una serie di panel dedicati ad argomenti di stretta attualità. Ospiti della coffee blogger Valentina Palange (Specialty Pal) saranno Nadia Rossi (giornalista di Bargiornale), Serena Falcitano (barista di Ditta Artigianale), Manuela Fensore (campionessa italiana e mondiale di Latte Art 2019), Helena Oliviero (campionessa italiana di “cup tasting” per il 2018) e Ilaria Nocentini (barista e trainer dell’Espresso Academy), che si confronteranno sul ruolo delle donne nell’industria del caffè. Altri due panel analizzeranno invece l’evoluzione “dal vecchio al nuovo” delle caffetterie milanesi, prendendo in esame le nuove aperture, nonché l’importanza dei social media per lo sviluppo del settore in Italia.

THE TRUE ARTISAN CAFE’ sarà invece il pop-up in cui si alterneranno le migliori caffetterie e torrefazioni indipendenti, italiane e non, che proporranno bevande e cocktail d’autore offrendo al pubblico la possibilità di incontrare gli artigiani del caffè. Anche quest’anno non mancherà LATTE ART LIVE, un’area interamente dedicata alla Latte Art con una serie di dimostrazioni e competizioni fra i maggiori esperti in tecniche di decorazione della superficie di espressi e cappuccini tramite l’uso del latte. Beato tra le donne Matteo Beluffi (campione azzurro di Latte Art 2017 e più volte finalista ai mondiali della medesima disciplina), che sarà affiancato da una rappresentanza al femminile di tutto rispetto formata da Manuela Fensore (campionessa italiana e mondiale di Latte Art 2019), Carmen Clemente (trainer della Barlady Cafè Academy di Milano), Serena Falcitano (barista di Ditta Artigianale) ed Eva Palma (capo-barista di Ditta Artigianale). A loro il compito di incantare i “coffee lovers” con le proprie creazioni artistiche. Prevista anche una sessione molto tecnica a cura di Modbar per scoprire le differenze tra cappuccino, latte e “flat white”.

Saranno riproposti inoltre THE BREW BAR, dove protagoniste saranno le preparazioni a filtro – Chemex, Aeropress, V60 e French Press – e l’acqua, elemento importante per valorizzare l’aroma e il gusto del caffè, e THE ROASTER VILLAGE, punto di incontro dei piccoli torrefattori italiani di qualità, che avranno la possibilità di servire e far conoscere i loro pregiati “specialty coffee”.

“The Milan Coffee Festival” sarà anche il palcoscenico di ROAST MASTERS, l’innovativo contest del mondo del caffè focalizzato sull’arte della tostatura degli “specialty coffee”, che ha visto trionfare per primi ad Amsterdam i torrefattori di White Label Coffee. Tre giorni di competizione dal ritmo serrato, durante i quali i migliori torrefattori italiani si sfideranno in 2 diverse discipline – con l’obiettivo di dimostrare l’eccellenza sia nella tostatura del caffè che nella miscelazione dell’espresso – davanti a una giuria di esperti del settore e al cospetto di un folto pubblico internazionale. Altra competition interessante sarà “Crush the Rush”, che vedrà impegnati team di baristi alle prese con la realizzazione di drink a base di caffè con il supporto della super tecnologica macchina KB90 de La Marzocco. Occhi puntati in particolare sulla sfida finale “Beat the Champ”.

Le prime due giornate del “Milan Coffee Festival” – sabato 30 novembre e domenica 1° dicembre – saranno gratuite e aperte al pubblico, mentre quella di lunedì 2 dicembre sarà riservata esclusivamente agli operatori del settore HoReCa, che possono accreditarsi al seguente link: https://www.milancoffeefestival.com/accreditation/menu .

Il 10% degli incassi verrà devoluto alla Onlus Project Waterfall a sostegno delle sue attività volte a garantire l’approvvigionamento di acqua pulita ai Paesi produttori di caffè.

“The Milan Coffee Festival” si avvale del contributo de La Marzocco, Faema, Brita, Alpro, Lavazza, Falcon Specialty, La Cimbali e Ditta Artigianale.

 

ILLY A TRIESTE – Anche quest’anno illycaffè, Barcolana presented by Generali e Harry’s Piccolo organizzeranno insieme Barcolana Chef. L’evento, giunto alla quinta edizione, unisce la vela & l’alta cucina e sarà protagonista nella settimana della cinquantunesima edizione della storicaregata, con il format inaugurato lo scorso anno: aperto al pubblico e benefico.

Gli chef che la sera di sabato 5 ottobre presenteranno le loro creazioni sono: Claudio Sadler(Sadler, Milano), Tomaz Kavcic (GosJlna Pri Lojzetu, Zemono, Vipava), Eugenio Boer (BU:R, Milano) ,MaSeo Metullio, Davide De Pra, Alessandro Buffa (Harry’s Piccolo), Iside De Cesare (La Parolina, Trevinano), Alessio Longhini (Stube Gourmet, Asiago), Terry Giacomello (Ristorante Inkiostro,Parma), Graziano Prest (Tivoli, CorJna d’Ampezzo), Simone Padoan (i Tigli, San Bonifacio), FrancoFavareSo (Baccaladivino, Mestre), Antonio Tufano (Harry’s PasJcceria, Trieste) e Lorenzo Bensi(Harry’s Gelato, Trieste).

Nella struttura allestita per l’occasione da Barcolana in Piazza Unità d’Italia, al piacere del fine dining si accompagnerà quello della musica, con la performance di Martux_M che si esibirà in un visual live set concepito per l’evento, per sensibilizzare sui mari in pericolo.

Per mantenere la tradizione di Barcolana Chef, domenica 6 ottobre gli chef diventeranno skipper e dedicheranno un giorno a vivere la vela. Il ricavato della vendita dei biglietti d’ingresso all’evento sarà devoluto al WWF a sostegno di un progetto per la tutela dei mari dalle plastiche. I partner d’eccellenza: Prosecco DOC, AcquaDolomia , Ferrari e Meteri.

illycaffè è un’azienda familiare italiana, fondata a Trieste nel 1933, che da sempre si prefigge la missione di offrire il miglior caffè al
mondo. illycaffè produce un unico blend 100% Arabica, combinando 9 delle migliori qualità al mondo secondo illycaffè: ogni giorno
vengono gustate 7 milioni di tazzine di caffè illy nel mondo in oltre 140 Paesi, nei migliori bar, ristoranti e alberghi, nei caffè e nei negozi
monomarca, e naturalmente a casa.

Vergnano: Caffè limited edition per nobile scopo lanciato dalla food blogger Mimi Thorisson.

VERGNANO PER CHARITY –  Il caffè in Italia è un’istituzione, lo si sa, e si pone anche come obiettivo la social responsability. Quando aziende famose e riconosciute come Caffè Vergnano, specializzata nella produzione di caffè fondata nel 1882 a Chieri e con sede a Santena, si impegnano in qualche battaglia, lo fanno in grande. La food blogger Mimi Thorisson ha di recente presentato con Carolina Vergnano la miscela di caffè Vergnano limited edition da lei creata. Il ricavato dalla vendita di questa edizione della più antica azienda produttrice di caffè a livello nazionale tra le grandi torrefazioni, sostiene l’associazione IWCA. L’obiettivo dell’International Women’s Coffee Alliance (IWCA) è di responsabilizzare le donne della comunità internazionale del caffè a realizzare vite significative e sostenibili; incoraggiare e riconoscere la partecipazione delle donne a tutti gli aspetti dell’industria del caffè.

Un gusto unico nato dalla tradizione che dal 1860 sa regalare grandi emozioni. Borghetti Caffè nasce a metà Ottocento nelle Marche quando Ugo Borghetti, in occasione dell’inaugurazione della tratta ferroviaria Pescara – Ancona grazie a una brillante intuizione inventa un liquore al caffè espresso dalla formula unica e indimenticabile per dare energia e ristoro agli avventori. Semplice, dal gusto intenso, morbido ed aromatico conquista subito l’attenzione del mercato facendolo diventare un prodotto di culto. In foto: Espresso Borghetti, da shakerare e gustare ghiacciato, oppure proposto in un classico intramontabile come il Black Russian, mixato con vodka e ghiaccio.

BORGHETTI MIGLIOR LIQUORE AL CAFFÈCaffè Borghetti, che si aggiudica per il secondo anno consecutivo il prestigioso riconoscimento “World’s Best Coffee Liqueur”. Il titolo è stato assegnato nell’ambito della competizione internazionale “World Liqueur Awards” 2019, dedicata alla categoria dei liquori e inserita nel circuito mondiale dei “World Drinks Awards”.

 



Leisure - 05/10/2019

La Vendemmia di Montenapoleone festeggia il decimo anno

Si avvicina La Vendemmia di MonteNapoleone District che festeggia il decimo anniversario a Milano e [...]

Leisure - 01/11/2017

Le zucche d’arte di Yayoi Kusama

Una star globale capace di affascinare gli amanti dell'arte "immersiva" e gli instagrammer. Parliamo [...]

Society - 11/04/2019

Vendemmia da record, qualità al top e svolta bio: un 2018 d’oro per i vini lombardi

Oltre ad arte, creatività e design in Lombardia anche l'enologica entra di diritto nei settori di e [...]

Top