Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 10/03/2018

Godot solca il mare dell’arte

L'artista diviso tra terra (viaggi) e mare (vela) è tornato a esporre da qualche anno. Ora in mostra a Milano e Firenze.

Arte, mare e terzo occhio, la fotografia, sono gli elementi che compongono l’immaginario espressivo di Godot, ovvero Maurizio Villani, l’artista lombardo-toscano che in queste settimane ha due importanti mostre a Milano e Firenze.

Ho vissuto l’infanzia in Lombardia, un anno in Liguria e poi da adulto in Toscana, dove mi son fermato per studi, lavori, passioni, per poi frequentare il Dams a Bologna“. Godot ha vissuto appieno gli anni d’oro della stagione delle lezioni di Eco, Squarzina, Barilli, Nanni Marra, Alinovi.

Maurizio Villani Godot ha fotografato l'abbazia di San Galgano.

Maurizio Villani Godot ha fotografato l’abbazia di San Galgano.

Proprio con Francesca Alinovi, assistente di Renato Barilli, concerta un periodoo di studio al Moma di New York. Al rientro in Italia, la tela per Godot è già troppo limitante. I primi lavori escono dalla bidimensionalità, arriva la multimaterialità di oggetti recuperati, “di mie fantasie delimitate in teche che un abile e paziente corniciaio racchiude”.

 

Poi la fotografia, che è l’espressione artistica che l’accompagna fino ad oggi. “Il mio impegno, nella mia testa, è cercare di essere testimone del tempo che vivo, per me stesso innanzitutto, provo a desumere quel che recepisco, è un lavoro di antropologo visivo“. Il progetto di portualità in Toscana, con la vita di Godot più spesa sulle barche che in giro per il mondo a raccogliere stimoli artistici, lo tiene impegnato fino al 2012 quando riprende a produrre.

Con le esposizioni di Pietrasanta, Verona e Torino Godot ritorna sulla scena, apprezzato dai critici e comprato dai collezionisti alle fiere come Bologna Fiere e Affordable Art Fair di Milano.

Visioni invernali di Maurizio Villani Godot, presso Pourqui Pas Lab a Milano.

Visioni invernali di Maurizio Villani Godot, presso Pourquois Pas Lab a Milano.

A Firenze, in questo periodo, a cura di Silvia Ferrari Lilienau, sono visibili le sue rivisitazioni fotografiche del reale, secondo percorsi che approdano a immagini come sintesi ultima di un viaggio personale. A Milano, invece, un percorso di scatti sull’inverno e il suo non-colore, pregevoli fotografie di grande impatto e suggestione. Come quella che replica da terra a cielo i resti dell’abbazia cistercense di San Galgano fuori Siena, con un volatile al centro dello scatto. Perfezione naturale di un momento impresso in un gesto artistico davvero alto.

Godot a Firenze “Aspettando Firenze” presso il Borghese Palace Art Hotel, in via Ghibellina 174 fino al 1° aprile.

Godot a Milano “Quando l’inverno diventa arte” presso il Pourquois Pas Lab in via Tito Speri 1 (Maroncelli District) fino al 14 marzo.

www.godot.info



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Leisure - 31/01/2018

I Propaganda e l’arte di fare gli album

C'era una band negli anni 80 che dalla Germania si fece conoscere in tutto il mondo per la sua conce [...]

Design of desire - 24/10/2017

La genesi della Torre Hadid nel libro di Redesco

Siamo tutti incantati in questi giorni ad ammirare il nuovo skyline di Milano, ulteriormente arricch [...]

Fashion - 19/06/2017

La sneaker Aston Martin x Hogan un ponte “creativo” tra Italia e Gran Bretagna

Nel giorno in cui si dà il via ai negoziati Brexit, l'Italia stabilisce un ponte con Londra (almeno [...]

Top