Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 08/07/2020

Hospitale, Parma torna capitale della cultura

sabato 5 settembre inaugura la più grande installazione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21: Hospitale – Il futuro della memoria, prodotta dal Comune di Parma e scaturita dall’immaginifico di Studio Azzurro.

Nell’ambito delle iniziative di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21, inaugura sabato 5 settembre Hospitale – Il futuro della memoria, la più grande installazione di Parma 2020+21, aperta al pubblico fino all’8 dicembre e pensata appositamente per l’iconica Crociera dell’Ospedale Vecchio che, insieme all’intero Complesso Monumentale, dal 2016 è oggetto di un importante intervento di rigenerazione urbana che darà vita a un museo multimediale permanente dedicato alla memoria della città.

Prodotta dal Comune di Parma e scaturita dall’immaginifico di Studio Azzurro, è una video-narrazione, articolata in più parti, che racconta la storia dell’Hospitale nato dalle acque – i suoi canali, i mulini, le alluvioni – attraverso la presenza virtuale degli attori Marco Baliani e Giovanna Bozzolo, che assumeranno di volta in volta il ruolo di “io narrante” o di testimoni degli eventi. Otto grandi superfici tessili, che occuperanno le pareti della navata centrale, diventeranno gli schermi sui quali si articolerà, da diversi punti di vista, il racconto della storia dell’Ospedale Vecchio. L’Ospedale Vecchio è uno dei complessi monumentali più importanti di Parma, nonché l’edificio simbolo della storia ospedaliera della città e dei servizi umanitari dispensati nei secoli. Posto nel quartiere dell’Oltretorrente, è stato l’ospedale cittadino dal XV secolo fino al 1926. Fu fondato nel 1201 da Rodolfo Tanzi; sulle rovine di questo edificio, nella seconda metà del XV secolo, si inizia a costruire il primo nucleo del complesso che vediamo oggi.

Nella foto d’apertura dell’articolo, un rendering dell’installazione. Qui sopra, una foto della Crociera dell’Ospedale Vecchio, che ospiterà l’installazione.

L’intera nuova struttura è organizzata intorno alla grande Crociera a croce latina sormontata da una cupola centrale: 120 metri di lunghezza per 100 metri di larghezza, con volte a 12 metri e, al centro dei due bracci della croce, l’altare. L’Ospedale era distinto in due sezioni: l’Ospedale della Misericordia e l’Ospedale degli Esposti. Il primo era composto da quattro reparti per infermi, inferme, feriti e orfani e poteva ospitare circa 300 ammalati. L’Ospizio degli Esposti era destinato ai soli trovatelli: il termine “esposto”, infatti, indicava il bambino abbandonato in tenera età o non riconosciuto alla nascita



Travel - 14/05/2017

I borghi del viaggio italiano: 14 regioni mostrano i propri gioielli per un turismo “slow”

Gli stranieri ci invidiano i borghi, è vero, ma anche l'Italian way of life. Per questo l'iniziativ [...]

Leisure - 27/12/2020

Cosa resta del primo Fuorisalone digitale? Fulvio Morella

Quest'anno, in mancanza del Fuorisalone, a Milano nella settimana dedicata al design, c'è stato un [...]

Leisure - 13/12/2018

X Factor 12, più attenzione agli autori degli inediti per l’edizione 2018

Un piacere quest'anno parlare di X Factor Italia che alla sua 12esima edizione si accorge di quel qu [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!