9 Maggio 2023

‘I sette pilastri dell’arte di oggi’ nel libro del critico Flavio Caroli

Peter Blake, Irving Penn, Lucio Fontana: in un unico testo tutte le rivoluzioni artistiche del panorama mondiale dal Dopoguerra.

9 Maggio 2023

‘I sette pilastri dell’arte di oggi’ nel libro del critico Flavio Caroli

Peter Blake, Irving Penn, Lucio Fontana: in un unico testo tutte le rivoluzioni artistiche del panorama mondiale dal Dopoguerra.

9 Maggio 2023

‘I sette pilastri dell’arte di oggi’ nel libro del critico Flavio Caroli

Peter Blake, Irving Penn, Lucio Fontana: in un unico testo tutte le rivoluzioni artistiche del panorama mondiale dal Dopoguerra.

È ad Arena Po, nel comune pittoresco della provincia di Pavia che sta vivendo una rinascita culturale grazie alla presenza di numerosi artisti e delle loro opere che Flavio Caroli presenta il suo libro sulla storia dell’arte.
Durante l’animata conferenza, il famoso critico d’arte, noto anche per le sue rubriche in tv nei programmi di Fabio Fazio, ha presentato il suo I sette pilastri dell’arte di oggi. Da Pollock alle bufere del nuovo millennio” (uscito nel 2021) ripercorrendo sette rivoluzioni maturate a partire dagli anni della Seconda Guerra Mondiale. Il tutto raccontato con aneddoti su vecchi amici che hanno fatto la storia dell’arte da Marina Abramovich a Peggy Guggenheim a Jackson Pollock.
Proprio da qui parte il percorso dei pilastri dell’arte, Jackson Pollock, l’Action Painting e il suo controverso rapporto con de Kooning per passare al francese fondatore dell’Informale Jean Fautrier e ai ‘Sacchi’ di Alberto Burri.

Si passa alla Pop Art del quale il critico rivendica origini inglesi con Peter Blake, affermando di non credere al cinismo e al nichilismo di Andy Warhol. Poi gli scatti di Irving Penn e di Ugo Mulas, i quadri e le inquietudini di Francis Bacon (Studio del ritratto di Innocenzo X, 1953) e Lucian Freud, presupposti per le rivoluzioni successive: l’Arte Ambientale, il Minimalismo, l’Arte Concettuale, l’Arte Povera, la Body Art, l’autolesionismo nella Londra negli anni Settanta, Marina Abramović da Belgrado e le sue controverse performance, l’Arte Astratta, lo spazialismo di Lucio Fontana, Anish Kapoor, fino agli anni Ottanta anticipano il nuovo secolo, che vedrà tra i protagonisti Jean-Michel Basquiat e Keith Haring, fino all’artista belga Berlinde De Bruyckere.

Falavio Caroli vanta una lunga carriera fatta di incarichi importanti: dalla partecipazione alla Commissione per la Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna, alla cura del ciclo di mostre Milano ’80 e Besana ’80, la partecipazione alla Commissione Internazionale della Biennale di Venezia e alla Commissione Internazionale della Biennale di Sydney.

Dal 1997 al 2004 fu responsabile scientifico per le attività espositive di Palazzo Reale di Milano, organizzando manifestazioni tra le quali L’Anima e il Volto, Scapigliatura e Futurismo, Il Cinquecento Lombardo, Natura Morta Lombarda, Il Gran Teatro del Mondo, l’Anima e il Volto del Settecento, personalmente curate, oltre a molte altre grandi rassegne, fra cui Picasso, Hokusai, Anni Cinquanta. Tra i premi di cui è stato insignito il Premio Campione (1978), il Premio Oplonti (1983), il Premio Guidarello (1993), il Premio Europeo “Lorenzo il Magnifico” (1999), il Premio Sulmona (2007), il Premio Nazionale Letterario Pisa 2020 per la saggistica.

Il critico d’arte Flavio Caroli con l’artista e direttore del Museo Arte Ambiente Arena Po, Gaetano Grillo. Qui, numerosi artisti hanno dato vita a un percorso naturalistico, artistico e culturale lungo la suggestiva sponda del Po: una passeggiata attraverso la natura punteggiata dalle opere di artisti tra cui Gaetano Grillo, Isabella Ghebarus, Wal, Aldo Spoldi, Costas Varostos, Renzogallo, Antonio Iovolella, Michelangelo Galliani, Giuseppe Maraniello, Nicola Salvatore, Gianni Cella, Italo Antico, Omar Galliani, Gianni Asdrubali, Alik Cavaliere, Marco Nereo Rotelli, Marika Ricchi.
Parte dell’opera monumentale ‘L’alfabeto Grillico’ di Gaetano Grillo: l’opera veder 1400 bassorilievi in terracotta assemblati tra loro ed esplora la contaminazione dei linguaggi come metafora del senso più profondo dell’identità mediterranea. Foto di Andrea Marchi.

A dirigere l’Associazione Culturale Casadartista ad Arena Po, dove ha scelto di realizzare il progetto “Borgo d’Arte” e il Museo MAAAPO, l’artista Gaetano Grillo. Attivo dagli anni ’70, l’artista è stato uno dei primi anticipatori del ritorno alla specificità dei linguaggi artistici, movimento che ha caratterizzato gli anni ’80 in tutto l’occidentale. Aderisce al movimento del “Realismo Terminale”, l’artista ha esposto in molte città d’Europa, America e Cina ed è stato docente titolare di Pittura e Direttore della Scuola dell’Accademia di Brera.

L’opera ‘Buttarsi’, di Marika Ricchi.

Testo a cura di Martina Michelotti.

Read in:

Picture of admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”