13 Novembre 2023

Il canto d’amore di Letizia Cariello

La mostra "Vibrazioni" curata da Cramum presso Gaggenau a Milano. Dal chiodo al marmo, arte minimale come lo stile dello store di design che la ospita.

13 Novembre 2023

Il canto d’amore di Letizia Cariello

La mostra "Vibrazioni" curata da Cramum presso Gaggenau a Milano. Dal chiodo al marmo, arte minimale come lo stile dello store di design che la ospita.

13 Novembre 2023

Il canto d’amore di Letizia Cariello

La mostra "Vibrazioni" curata da Cramum presso Gaggenau a Milano. Dal chiodo al marmo, arte minimale come lo stile dello store di design che la ospita.

Ogni opera è una ruota che continua a girare e che si può comprendere da qualsiasi punto lo si approcci. Le opere di Letizia Cariello, portate in un sapiente allestimento da Gaggenau, in uno spazio di design riservato e suggestivo nel centro di Milano “sono una preghiera laica per l’umanità, una traccia per comprendere che l’amore esiste e che possiamo e dovremmo perderci in esso” dice il curatore Sabino Maria Frassà di Creamum. Ruote di pietra, marmo, finemente lavorate con il solo apporto di tessuti e chiodi a punteggiarne la apparente staticità. Ecco perché il canto d’amore di Letizia Cariello è anche connesso al punto di partenza per Gaggenau, il chiodo. Da questo piccolo elemento in ferro, prodotto nel 1683, ha origine la storia che ha portato il brand tedesco a essere oggi sinonimo di design tecnologico minimalista.

Il Gaggenau DesignElementi Hub si trasforma per questo nuovo percorso espositivo in un teatro di connessioni fatto di opere mistiche e trascendenti, che danno vita a un vero e proprio canto d’amore dell’artista per l’intera umanità. Come spiega il curatore della mostra Sabino Maria Frassà “L’arte per Letizia Cariello – Letia non può che essere un “canto d’amore” perché la vita stessa in fondo non è altro che amore, quel magico legarsi all’altro da sé per aspirare e tendere insieme all’infinito. Solo attraverso la condivisione l’essere umano può aspirare all’armonia.

la serie dei “Calendari” è realizza da Letizia Cariello registrando su supporti circolari in marmo, rame e acciaio una sequenza di numeri e lettere che rappresentano le iniziali delle date in cui intraprende l’esercizio performativo di concentrazione-meditazione sul tempo e sulla sua reale esistenza
A fianco dei “Calendari”, la mostra da Gaggneau a Milano ospita anche il ciclo dei “Gates”, in cui un’infinita corda di lana si avvolge attorno a un disegno di chiodi sempre visibili, dando vita una finestra simbolica verso l’altrove. Protagonista di questa serie è il blu indaco, un chiaro riferimento ai Sacri Chiodi e al colore attribuito dall’Antico Testamento e dalla tradizione bizantina e ortodossa alla Madonna e alla Maddalena.
Commenta il curatore della mostra Sabino Maria Frassà:Il chiodo è il punto di partenza tanto per Gaggenau quanto per l’artista: da questo piccolo elemento in ferro, prodotto nel 1683, ha origine la storia che ha portato il brand tedesco a essere oggi sinonimo di design tecnologico minimalista. Allo stesso modo i chiodi sono l’origine e i punti saldi delle trame dei famosi “Gates” realizzati dall’artista per raccontare l’amore universale che ci lega tutti“.

Per maggiori informazioni: qui

VIBRAZIONI conclude il ciclo di quattro mostre “Scripta?” promosso nel 2023 da Gaggenau e CRAMUM, a cura del direttore artistico Sabino Maria Frassà, per indagare il legame tra scrittura, arte e materia.

al 2 febbraio 2024

lunedì-venerdì ore 10:00 – 18:30

Gaggenau DesignElementi Hub

Corso Magenta 2 (cortile interno, citofono 33), Milano

Visite aperte al pubblico solo su appuntamento previo contatto e-mail o telefonico. E-mail: gaggenau@designelementi.it | T. +39 02 29015250 (interno 2) Photo credits: ©Francesca Piovesan – Courtesy Letizia Cariello, Gaggenau e Cramum

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Rimontaggio a cura di Eberhard & Co.

18 rubini. Ponti rodiati con decorazione a vagues
circulaires al centro e colimaçon papier perimetrale.
Tutte le incisioni sono realizzate a colore oro 2N.

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”