28 Dicembre 2018

JR le fotografie sulle facciate del mondo

Alla Maison Européenne de la Photographie le installazioni giganti dell'artista con i collage di grandi dimensioni.

28 Dicembre 2018

JR le fotografie sulle facciate del mondo

Alla Maison Européenne de la Photographie le installazioni giganti dell'artista con i collage di grandi dimensioni.

28 Dicembre 2018

JR le fotografie sulle facciate del mondo

Alla Maison Européenne de la Photographie le installazioni giganti dell'artista con i collage di grandi dimensioni.

MOMENTUM. la mécanique de l’épreuve” è la prima grande esposizione museale di JR a Parigi. Evidenzia il lavoro monumentale dell’artista, le prime fotografie e presenta diverse nuove installazioni. La mostra comprende molti progetti, invitando i visitatori a perdersi nel processo creativo di JR, ripercorrendo i suoi primi scatti quando ha seguito un gruppo di artisti di graffiti a Parigi nei primi anni 2000, così come i suoi primi successi.

JR solitamente espone liberamente nelle strade del mondo, attirando l’attenzione di persone che non sono visitatori tipici del museo. Con la complicità di Jean-Luc Monterosso e Dominique Bertinotti, i curatori della mostra alla Maison Européenne de la Photographie che va avanti fino a febbraio 2019, JR può usare una location nuova per esporre. Per oltre 15 anni, JR ha viaggiago in tutto il mondo per fotografare persone sconosciute e mostrare i loro ritratti (e anche i loro corpi) nelle strade grazie a collages di grandi dimensioni che hanno fatto la sua fama.

Dopo aver trovato una macchina fotografica nella metropolitana di Parigi nel 2001, ha viaggiato in Europa per incontrare coloro che si esprimono su pareti e facciate e ha incollato i loro ritratti nelle strade, nei sotterranei e sui tetti di Parigi.

Nel 2006, ha creato Portrait of a Generation, ritratti di “teppisti” suburbani che ha pubblicato, in enormi formati, nei quartieri borghesi di Parigi.

Nel 2007 ha realizzato Face 2 Face, la più grande mostra illegale di sempre. JR ha pubblicato enormi ritratti di israeliani e palestinesi faccia a faccia in otto città palestinesi e israeliane.

La mostra a Parigi torna anche sulle sue serie principali: Portrait of a Generation (una mostra di incisioni illegali di ritratti realizzati con un obiettivo da 28 millimetri); Women Are Heroes (che rende omaggio a coloro che svolgono un ruolo essenziale nella società ma che sono le prime vittime di guerre e conflitti); The Wrinkles of the City (un progetto su scala mondiale presentato in varie città del mondo dove si possono trovare “rughe” umane e architettoniche); Senza cornice (in cui JR reinterpreta le opere di altri fotografi, dando loro un nuovo significato estraendoli dal loro contesto originale).

La mostra svela per la prima volta in Europa un murale interattivo sulle armi in America. In tutto, JR ha filmato e fotografato 245 persone – cacciatori e attivisti, insegnanti e agenti di polizia, genitori e bambini – per creare questo murale per la copertina di TIME. I visitatori sono in grado di scoprire il murale in un modo unico grazie a una piattaforma online appositamente sviluppata per l’evento.

Fino al 10 febbraio 2019
Maison Européenne de la Photographie – 5/7 Rue de Fourcy, 75004 Parigi

Fotoservizio di Andrea Agostinelli per The Way Magazine

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

X-Max, le immagini allucinate al PAN

“Chemical Vagaries” è il titolo della personale di X-Max, nome d’arte di Massimo Cavuoto, che sarà inaugurata organizzata giovedì 7

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?