Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 03/08/2019

La fotografia di Mimmo Jodice a Vistamarestudio

La galleria milanese a settembre rende omaggio all'obiettivo più conosciuto di Napoli con una mostra sulle immagini delle tradizioni.

Vistamarestudio presenta a settembre a Milano, Mimmo Jodice: Open City/ Open Work, a cura di Douglas Fogle, la prima personale dell’artista in galleria a Milano.

La mostra traccia un collegamento fra i primi esperimenti di Mimmo Jodice con la fotografia negli anni 60 e le prime incursioni nella sua Napoli. Mimmo Jodice crea ciò che comunemente viene chiamata fotografia. Ma lo si può davvero considerare un fotografo? Forse sarebbe meglio definirlo un visionario che utilizza la macchina fotografica nella sua esplorazione del mondo. Jodice ha trascorso buona parte degli ultimi sessant’anni utilizzando la macchina fotografica per guardare il mondo da molteplici e diverse prospettive. I suoi primissimi esperimenti risalgono agli anni Sessanta e rivelano un’attrazione rivoluzionaria per l’’aspetto materico della fotografia la particolare attrezzatura e la camera oscura in cui sperimentav.

Il fotografo volle così creare quello che, nel 1962, Umberto Eco definì “L’opera apaeta” piuttosto che convenzionali riproduzioni documentaristiche del mondo. Questa loro apertura, sia formale sia contenutistica, permette molteplici interpretazioni e lascia spazio a una poetica sperimentale dÂ’avanguardia e, al tempo stesso, inaspettatamente umana.

Queste fotografie si avvicinano all’antropologia – immagini di feste popolari, manicomi, fabbriche, ecc.- per poi virare e aprirsi verso una poetica fatta di architetture e delle persone che vi abitano. Forma e contenuto si legano e si intrecciano nello sguardo di Jodice sulla città come organismo vivente e vitale, dagli angoli e i materiali più svariati: poesia visiva della vita di ogni giorno.

Mimmo Jodice – Il volo dell’Angelo a Giugliano 1972

Mimmo Jodice, nato a Napoli nel 1934. Autodidatta, artista di avanguardia fin dagli anni Sessanta, attento alle sperimentazioni e alle possibilità espressive del linguaggio fotografico, è stato protagonista nel dibattito culturale che ha portato all’affermazione della fotografia italiana anche in campo internazionale. Il suo lavoro è stato esposto nei musei in tutto il mondo.

Douglas Fogle è un curatore indipendente e scrittore con base a Los Angeles. I suoi progetti piùrecenti includono una mostra con i designers BLESS al Neutra VDL Studio and Residencies, Los Angeles, luglio 2018; Mike Kelley: Fortress of Solitude, NEON Foundation presso il Museum of Cycladic Art in Atene, 2017; Andy Warhol: Dark Star al Museo Jumex, Città del Messico, 2017.

 

Mimmo Jodice – Culto ritualizzato dei morti, Napoli, 1975

Mimmo Jodice: Open City/Open WorkA cura di Douglas Fogle

Opening 9 settembre 2019, 19.00– 21.00

Settembre – novembre 2019

Orari martedì-sabato 10.00 – 19.00 Vistamarestudio | Viale Vittorio Veneto 30– 20124 Milano

T +39 02 63471 549 contact@vistamarestudio.com | vistamarestudio.com



Society - 15/12/2018

L’anno di svolta di Luca Marin

In queste ore si sta parlando di lui per la partecipazione al programma Rivelo. Nel salotto intimist [...]

Design of desire - 20/03/2019

Ventura Centrale, ecco chi esporrà sotto i binari di Milano

Diciassette mostre impressionanti, interattive e stimolanti arriveranno alla terza edizione di Ventu [...]

Society - 03/09/2018

Tra le star di Venezia 75 Gabriella Pession

Alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia Gabriella Pession in un elegantissimo Ermanno Scervino ha [...]

Top