28 Maggio 2022

La magia in foto di Elliot Erwitt, testimone del Novecento

Cani, celebrità e persone comuni: fino al 16 ottobre al Museo Diocesano di Milano la storia del fotografo in 100 scatti memorabili.

28 Maggio 2022

La magia in foto di Elliot Erwitt, testimone del Novecento

Cani, celebrità e persone comuni: fino al 16 ottobre al Museo Diocesano di Milano la storia del fotografo in 100 scatti memorabili.

28 Maggio 2022

La magia in foto di Elliot Erwitt, testimone del Novecento

Cani, celebrità e persone comuni: fino al 16 ottobre al Museo Diocesano di Milano la storia del fotografo in 100 scatti memorabili.

Da Marilyn a Andy Warhol, da Kennedy al meraviglioso senso di libertà degli anni Sessanta. Le fotografie per Magnum Photos di Elliot Erwitt emozionano con il loro bianco e nero ironico e tagliente, perché sono testimonianze di un tempo unico e irripetibile. Come del resto è l’arte del fotografare: “Probabilmente non si può insegnare il senso visivo – dice il grande fotografo di origine russa cresciuto tra Milano e Parigi – è una questione di occhio ma anche di cuore”. E proprio a questo mira la pregevole mostra milanese al Museo Diocesano Carlo Maria Martini (fino al 16 ottobre 2022) “ELLIOTT ERWITT. 100 FOTOGRAFIE” che passa in rassegna tutta la produzione del genio dell’obiettivo, con predilezione per la società americana, fino agli anni Novanta del Novecento.

Dall’Australia all’America, Elliot Erwitt (Parigi, 1928) ha testimoniato mode e modi di essere di tante società nel corso del Novecento. Non solo con il suo inconfondibile bianco e nero.
Al Plaza di New York nel 1967 Truman Capote organizzò il party in maschera più sontuoso della storia ed Elliot Erwitt c’era.

L’esposizione celebra uno dei più importanti fotografi del Novecento attraverso un’ampia selezione dei suoi scatti più famosi in bianco e nero e a colori, da quelli ironici e surreali a quelli romantici, dai ritratti delle celebrità e dei bambini alle immagini dei viaggi e delle metropoli.

“Le sale del museo – dice la direttrice del museo che ospita Elliot Erwitt, Nadia Righi – accolgono una importante retrospettiva dedicata a uno dei più straordinari fotografi, ancora vivente, del quale presentiamo le immagini più iconiche affiancate ad altre meno note, sia in bianco e nero che a colori. Tanti sono i temi toccati da Erwitt nel corso della sua lunga carriera: i ritratti di importanti personaggi del mondo della politica o dello spettacolo, i grandi fatti della storia, i bambini, i reportage di viaggio, ma anche la propria famiglia. Egli guarda sempre alla realtà, da quella più nota a quella più intima e personale, con uno sguardo curioso, talvolta con una sottile e delicata ironia che rende i suoi scatti sempre affascinanti e capaci di portare nuove riflessioni”.

L’obiettivo di Erwitt ha spesso anche colto momenti e situazioni che si sono iscritte nell’immaginario collettivo come vere e proprie icone; è il caso dello scatto con Nixon e Kruscev a Mosca nel 1959, talmente efficace che lo staff del presidente degli Stati Uniti se ne appropriò per farne un’arma nella sua campagna elettorale, dell’immagine tragica e struggente di Jackie Kennedy in lacrime dietro il velo nero durante il funerale del marito, del celebre incontro di pugilato tra Muhammad Ali e Joe Frazier del 1971, o ancora di un giovane Arnold Schwarzenegger in veste di culturista durante una performance al Whitney Museum di New York.

Il sostegno di Crédit Agricole Italia alla mostra di Elliott Erwitt sottolinea l’importante ruolo dell’obiettivo del maestro nel ritrarre la società contemporanea.

ELLIOTT ERWITT. 100 FOTOGRAFIE

Milano, Museo Diocesano Carlo Maria Martini (p.zza Sant’Eustorgio, 3)

27 maggio – 16 ottobre 2022

Orari:

martedì- domenica, 10-18

Nel mese di giugno, il martedì e il mercoledì, la mostra rimarrà aperta anche dalle 18.00 alle 22.00 (ingresso €6,00)

Chiuso lunedì

Biglietti:

Intero, € 8,00

Ridotto e gruppi, € 6,00

Scuole e oratori, € 4,00Informazioni: T. +39 02 89420019; www.chiostrisanteustorgio.it

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?