Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 16/04/2020

La mascherina gigante che brucia: arte con ironia a Valencia

L'artista spagnolo è in grande rinascita in questo periodo. Per le installazione a Valencia e le opere allegoriche che stanno inondando il web.

Una grande scultura di forma antropomorfa il mese scorso adornava la piazza principale di Valencia. L’aveva creata il famoso artista Escif e poi l’ha fatta bruciare. La statua raffigurava una donna con la mascherina con gli occhi abbassati e simboleggiava la calma e la speranza che ci deve aiutare a sconfiggere il momento di panico che sta vivendo l’Europa.

Un’opera pubblicata su Internet da Escif in occasione dell’attuale quarantena europea.

Comparasa a Valencia per opera dell’artista che ha realizzato le copertine di album di Damien Rice, la statua si è inserita nella tradizione secolare spagnola di falò in pubblica piazza in questo periodo di rinascita primaverile. Che nel 2020 sembra davvero una beffa, visto che la morte sta passando per via del Coronavirus in tutto il territorio continentale.

L’artista spagnolo Escif è tornato alla cronaca col progetto “This Too Shall Pass” (“Anche questo deve passare”), grande scultura in legno che ha necessitato un anno per la realizzazione in occasione delle Falles, una celebrazione tradizionale tenutasi in città. Come riflesso di questa situazione contingente, la città ha deciso di aggiungere una grande maschera chirurgica sul viso della scultura. All’improvviso questa immagine è diventata un simbolo di pace e tranquillità, unità e solidarietà.
Anche per questo, e per volontà della popolazione, il governo di Valencia ha deciso di bruciare solo il corpo della scultura e mantenere il viso con la maschera in piazza.

 

“My Favourite Faded Fantasy” è un album musicale di Damien Rice uscito nel 2014 con la copertina disegnata da Escif. Nel 2017 Damien Rice ed Escif si sono uniti in occasione del lancio del progetto “Breath”, un programma di riforestazione delle montagne.

Escif è un artista di strada con sede a Valencia, in Spagna. Le sue opere fantasiose hanno catturato un grande audince che segue i suoi progressi nel lavoro. Vede il dipinto come un esercizio di riflessione che può essere condiviso con le persone. Non crea dipinti decorativi, ma vuole svegliare le menti degli spettatori.

Promotore di un diverso uso dello spazio pubblico, Escif può essere inteso come uno street artist delle coscienze che ripete, anche sui suoi siti, “la spiegazione dell’artista non ha alcuna importanza. Ognino deve dare il suo sentimento e spiegazione a ciò che vede. Piene di contraddizioni sono le parole e per lo più, sono spazzate dal vento. Quindi, proviamo con le immagini”.



Travel - 11/08/2019

Street art e stelle in tavola al Romeo di Napoli

Il Golfo di Napoli, uno dei luoghi romantici per antonomasia, è illuminato dalla bellezza e dal [...]

Leisure - 27/09/2017

A lezione di Yoga nelle Hawaii, sull’Oceano con Tenya

Ha vinto il premio come miglior insegnante di Yoga 2017 a Maui, la bellissima isola delle Hawaii. Te [...]

Design of desire - 13/01/2018

L’abitare pop alla Triennale di Milano

L'abitare pop non è soltanto riferito al "pop" come trend ma come patrimonio popolare. E la Trienna [...]

Top