Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 26/10/2017

L’Allegoria collettiva dei russi AES+F al Romaeuropa Festival

San Paolo diventa poliziotto, San Sebastiano un turista accaldato. Il purgatorio è una lounge aeroportuale. L'irriverente video.

Si chiama Allegoria Sacra ed è la video-installazione che sta facendo scalpore in tutto il mondo da quando è stata esposta nelle più importanti sedi d’arte.

L’opera è creata da AES+F un gruppo di artisti multidisplinari che lavorano assieme dal 1987 in Russia:  Tatiana Arzamasova, Lev Evzovich, Evgeny Svyatsky, Vladimir Fridkes.

Inizialmente promosso dai due architetti concettuali del gruppo, Tatiana Arzamasova e Lev Evzovich assieme al designer Evgeny Svyatsky, il collettivo conserva ancora queste due matrici, visto che nella sua produzione si incontrano fotografia, video e tecnologie digirali ma anche la scultura e l’architetura.  Ciò che rende questi pezzi unici è la multidisciplinarietà ma soprattutto il piglio critico circa la società moderna che le installazioni portano allo spettatore.allegoria sacra

Allegoria Sacra (2011), attualmente al Romaeuropa Festival (Palazzo delle Esposizioni, Roma, fino al 7 gennaio) ha debuttato alla Biennale di Mosca nel 2011 all’interno del progetto ampio chiamato  The Liminal Space Trilogy.

Allegoria Sacra costituisce la parte finale del progetto, ispirata al celebre dipinto di Giovanni Bellini del 1400 conservato agli Uffizi di Firenze, rappresenta fondamentalmente il purgatorio.

Secondo gli artisti russi però questo purgatorio è in un aeroporto internazionale, il limbo in cui spesso siamo confannati, ed è lì che i peccatori aspettano il loro destino. I saraceni di Bellini diventano i rifugiati, nella trasposizione moderna, mentre San Sebastiano è un viaggiatore nudo. Paolo apostolo è una guardia, per dire: ma la cosa più straordinaria è il clima di sogno/inclubo che l’installazione trasmette e le metamorfosi a cui il video induce lo sguardo e l’animo dello spettatore, con i settings dell’installazione che cambiano mood.



Christian D'Antonio
Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Design of desire - 11/04/2017

La poltrona di Gaetano Pesce che ha spaccato il pubblico del Fuorisalone

Una poltrona ha diviso l'opinione delle migliaia di frequentatori del Brera Design District durante [...]

Fashion - 03/11/2017

Simone Rainer fa borse dalle geometrie impossibili

Le geometrie impossibili sono le sfide di ogni stilista che vuole stupire e distinguersi. Plauso dun [...]

Leisure - 07/04/2017

I magnifici quattro dell’arte innovativa che semplifica la vita

Si è conclusa la settima edizione del Premio Ricoh per i giovani artisti contemporanei. Il premio [...]

Top