Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 06/09/2019

Le periferie scritte da Nicolas Mathieu incantano Parigi e Mantova

Un libro che confina con la sociologia. Sta commuovendo il mondo e sabato 7 settembre l'autore arriva al Festival Letteratura e Filosofia a parlarne con Marco Filoni.

Nicolas Mathieu, vincitore del Prix Goncourt 2018, ricostruisce sulla pagina un piccolo mondo periferico degli anni Novanta, creando un affresco sociale che brilla di luce tragica. Lo fa nel nuovo libro in uscita per Marsilio, “E i figli dopo di loro” che tanto successo sta avendo all’estero.

Lorena, agosto 1992. Anthony, Stéphanie e Hacine: è l’estate in cui tre ragazzi si incontrano, quella del primo bacio, delle prime canne, dei Nirvana nelle orecchie e delle corse in Bmx intorno al lago, della noia che si mescola alla rabbia e al desiderio di fuggire. Ma è anche un’estate torrida, in cui il vento caldo della globalizzazione ha già spazzato via buona parte dei posti di lavoro della regione lasciando le famiglie sul lastrico, impreparate ad affrontare la chiusura delle fabbriche e a immaginare un futuro diverso per sé e i propri figli.

Nicolas Mathieu è nato a Épinal, nella regione dei Vosgi, nel 1978 e oggi vive a Nancy. Ha esordito nel 2014 con il noir Aux animaux la guerre, da cui è stata tratta una serie tv.
Ha iniziato il suo rapporto con la letteratura quando, a otto anni, si fece regalare una macchina da scrivere. Nel 2018 ha vinto il premio Goncourt con E i figli dopo di loro, suo secondo romanzo, ritratto delle giovani generazioni di una Francia periferica e arrabbiata, che ha perso lavoro e speranze e non riesce a immaginarsi un futuro, in fondo non così diversa da altre province europee colpite dalla deindustrializzazione.
Abile nel descrivere rapporti e frontiere tra le differenti classi, Mathieu ha la capacità di dar forma “a un affresco sociale che brilla di luce tragica”, dove troppo spesso la nazione sembra restare unita solo in occasione dei grandi eventi sportivi.

Sabato 7 Settembre 2019 alle 18:30 al Festival Letteratura di Mantova l’autore presenterà il suo libro (in corso di traduzione in venti paesi) nell’incontro “Allons Enfants” con il filosofo Marco Filoni (La città e la paura). Lo spazio riservato allo scrittore francese è nella sezione sociologia e l’incontro si svolgerà presso l’aula magna della Fondazione Università Mantova. L’autore parlerà in francese. Interpretazione consecutiva in italiano.

 



Travel - 13/01/2020

Al Viel Dal Pan, cibo prelibato e vista sulle Dolomiti

Ad Arabba, nello scenario incantato delle Dolomiti, il divertimento sugli sci si accompagna a un'esp [...]

Leisure - 05/10/2017

Insider look all’esclusivo party di Riva Yacht a Monaco

Serata di glamour, eleganza, design, arte, food e motori, nella meravigliosa baia di Monte Carlo, su [...]

Travel - 15/12/2016

Le Fiandre celebrano l’arte del Seicento

Le Fiandre tornano d'attualità, almeno per gli italiani. Visto che abbiamo parlato già del grande [...]

Top