26 Novembre 2022

Le pratiche tessili antiche diventano arte a Roma

Texture of Resistance mette in dialogo la pratica delle artiste Maria Elisa D'Andrea, e Giulia Nelli. Una mostra a Trastevere presentata come una costellazione.

26 Novembre 2022

Le pratiche tessili antiche diventano arte a Roma

Texture of Resistance mette in dialogo la pratica delle artiste Maria Elisa D'Andrea, e Giulia Nelli. Una mostra a Trastevere presentata come una costellazione.

26 Novembre 2022

Le pratiche tessili antiche diventano arte a Roma

Texture of Resistance mette in dialogo la pratica delle artiste Maria Elisa D'Andrea, e Giulia Nelli. Una mostra a Trastevere presentata come una costellazione.

‘Texture of Resistance’ nello spazio espositivo COSMO a Trastevere, è una mostra (foto di Elisabetta A.Villa) appena allestita a Roma che rimanda a pratiche antiche.

Una nuova estetica evidenzia una ricerca fervida dell’utilizzo del tessile, aprendo la discussione ad una rinnovata analisi del linguaggio nelle sue forme più ibride ed attente al tessuto sociale.

La tessitura è un campo semantico che ha implicazioni culturali di grandi rilievo, e in modo particolare l’arte meticolosa e raffinata del tessere non può esimersi dal riprendere uno dei personaggi simbolo che Ovidio ha descritto nelle Metamorfosi: Aracne; la talentuosa tessitrice che Minerva punisce per l’insolente superbia trasformandola in ragno. Il culto di Aracne si è tramandato da Ariosto fino ai giorni nostri, non perdendo di fascino ed arrivando ad influenzare la pratica seminale di Louise Bourgeois.

La mostra Texture of Resistance pensata per COSMO a Roma, con la curatela di Camilla Boemio, rimanda alle arti tessili e alle pratiche partecipative.
Le pratiche tessili in mostra da Cosmo a Trastevere con le artiste Maria Elisa D’Andrea e Giulia Nelli. Texture of Resistance a cura di Camilla Boemio, in collaborazione con AAC Platform. Sponsor tecnici Elly Calze, Cantina Orsogna 1964. Fino al 14 dicembre 2022 (chiuso il lunedì, da martedì a domenica aperto dalle ore 17.00 / 21.00). Roma, Piazza di Sant’Apollonia, 13. Sito web
www.cosmotrastevere.it.

Texture of Resistance con le pratiche tessili mette in dialogo la pratica delle artiste Maria Elisa D’Andrea, e Giulia Nelli. Presentandosi come una costellazione, la mostra rifletterà diverse sfumature del linguaggio d’arte, in un rimando atemporale nel quale le installazioni e i disegni esposti consentono prospettive di pensiero sperimentali. Molti dei lavori esposti sono stati realizzati appositamente per la mostra, ed in dialogo con lo spazio espositivo.

La ricerca di Maria Elisa D’Andrea abbraccia metodi non convenzionali e un’attenta sperimentazione dei materiali, esplorandone i vari stati di esistenza formale e allegorica. I suoi soggetti sono tratti da narrazioni personali e fonti relative alla storia e alla mitologia, riflettendo l’interesse dell’artista per la filosofia, l’antropologia e il pensiero contemporaneo.

Ogni disegno e/o dipinto su carta, come le sue opere tessili, sono il risultato di tecniche altamente virtuosistiche che spesso richiedono lunghi periodi di tempo (e pazienza) per essere eseguite. Le opere nascono da esperienze personali, visioni e sensazioni che portano a immagini iconiche e riflessioni imperniate sulla simbologia femminista; ognuna è come un amuleto carico di fervore devozionale. Nel catturare il ciclo di vita della natura, D’Andrea allude al potere della memoria e all’inevitabilità dei cicli della vita. Della D’Andrea viene esposta, anche, l’installazione Attesa composta da calchi e da un cerchio in maglia di colore nero il cui filo ha il diametro pari alla sua altezza, come se dovesse avvolgerla e contenerla. L’installazione diventa un nido dove l’artista si rifugia e si sente protetta.

Giulia Nelli è un’artista che analizza la relazione di ciascun uomo con l’ambiente naturale e sociale, nella convinzione che sia necessario ricostruire i legami che, resi liquidi dai nuovi mezzi di comunicazione, necessitano di trovare nuovo senso nella vita reale. Il suo lavoro è improntato sul complesso intreccio di legami che vanno a costituire l’identità di una persona e che si sviluppano dalle relazioni con il territorio di origine e con le persone che compongono la comunità di riferimento. Ha ricercato una forma espressiva personale e drammatica, dotando le sue opere di una dimensione scultorea, attraverso rilievi e giochi di vuoti e di pieni. Per ottenere tale effetto ha scelto come materiale principale per le sue opere i collant in poliammide ed elastan, sinonimo di eleganza, di confort e di innovazione.

Read in:

Ti potrebbe interessare:

Cosa si vedrà a Expo Riva 2023

In occasione della edizione estiva di Expo Riva Schuh & Gardabags, la più grande fiera internazionale dedicata alle calzature di

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”