Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 31/03/2020

Le ricette di Striscia La Notizia sono la scoperta del patrimonio italiano in cucina

I piatti italiani raccontati da grandi chef che ci portano sempre in alto nelle classifiche delle pietanze italiane.

Quello che vedete in foto d’apertura è un piccolo capolavoro della cucina italiana. Da qualche settimana il programma di Canale 5 Striscia La Notiza sta mettendo online (e in video) tutti i capolavori culinari della nostra tradizione e della nostra innovazione ai fornelli. Tutti raccontati da grandi chef che ci portano sempre in alto nelle classifiche delle pietanze e dei luoghi da scoprire nel mondo.

Si tratta della rubrica “Capolavori italiani in cucina” curata dal giornalista enogastronomico Paolo Marchi (fondatore nel 2005 insieme a Claudio Ceroni di Identità Golose) che stasera, per esempio, è dedicata agli spaghetti al cipollotto de Il Luogo di Aimo e Nadia Moroni, storici ristoratori milanesi. «È una ricetta capace di esaltare anche gli ingredienti più semplici: un equilibrio di sapori che ricorda l’Italia», commentano gli chef Alessandro Negrini e Fabio Pisani che hanno avuto il compito di gestire un delicato passaggio generazionale in un ristorante che rappresenta una vera istituzione della cucina italiana.

Questa la loro ricetta realizzata per Striscia: «Tagliare i cipollotti a striscioline sottili. A parte tritare l’aglio, poi scaldare l’olio con l’alloro, quindi unire l’aglio e i cipollotti. Cuocere per circa 25 minuti, bagnando di tanto in tanto con poco brodo. Aggiungere sale e peperoncino, far riposare almeno un’ora il sugo ottenuto, dopodiché aggiungere cubetti di pomodoro pelato e poco brodo vegetale. Infine, aggiungere gli spaghetti cotti e amalgamare bene il tutto con prezzemolo e parmigiano. Servire in una fondina calda, completando con il basilico e un filo di olio extravergine d’oliva».

Vitello Tonnato.

Famoso il vitello tonnato del ristorante “Trippa” di Milano. Da molti considerato il migliore della città meneghina, il vitello tonnato di Diego Rossi è una reinterpretazione in chiave moderna della ricetta tradizionale. La versione dello chef stellato si differenzia da quella tipica dal taglio del vitello usato – il fiocco anziché il girello –, dalla cottura a bassa temperatura e dalla consistenza della salsa tonnata, che nel suo piatto diventa una spuma.

Altra specialità, il tiramisù di Gino Fabbri. Fondatore dell’omonima pasticceria bolognese e presidente dell’Accademia Maestri Pasticceri Italiani, Fabbri nel 2009 è stato eletto Pasticcere dell’anno e nel 2015 ha guidato la squadra italiana alla vittoria della Coupe du Monde de la Patisserie a Lione.

L’originale tiramisù di Gino Fabbri è una rivisitazione in chiave moderna della ricetta di famiglia. Il segreto è una crema pasticcera ricca di tuorli (30 ogni litro di latte), che vengono poi uniti alla panna montata e al mascarpone. Si stende il preparato sopra ai savoiardi già inzuppati con la bagna al caffè, a cui si aggiunge una spolverata di cacao. Infine, si ripete quest’ultima operazione per creare un secondo strato di savoiardi, crema e cacao.

Tiramisù.

Negativo di Carbonara, uno dei piatti icona della cucina dello chef stellato Antonello Colonna.

Nato nel 2000, quando Colonna cominciò a reinventare i grandi piatti romani, il Negativo di Carbonara è una personale interpretazione della tradizionale ricetta della carbonara in cui il condimento, creato amalgamando un uovo intero, 3 tuorli, parmigiano, pecorino e una manciata di pepe, viene racchiuso all’interno di ravioli di pasta all’uovo.

A parte, si prepara e si versa su un piatto una fonduta di crème fraîche sciolta e pecorino grattato, sopra cui vi si adagiano i ravioli e il guanciale rosolato.

Un tentativo di inserire una pasta ripiena nella cucina romana, dove la tradizione non la prevede.

La carbonara in versione “negativo”.

Carbonara versione Piperno.

La Carbonara di Alessandro Pipero, maître e patron del ristorante stellato Pipero nel cuore di Roma, è mitica.

Secondo Pipero la Carbonara «non viene sempre bene, ma viene sempre buona», ma il segreto per una Carbonara perfetta prevede l’utilizzo esclusivo del guanciale, rosolato in una padella antiaderente senza olio, tuorli d’uovo montati con grana e pecorino grattugiati e del pepe macinato.

Per la carne, il ristorante stellato Ora d’Aria di Firenze è di diritto tra i “Capolavori italiani in cucina” con la bistecca alla fiorentina.

La fiorentina perfetta è spesso associata al nome di Marco Stabile. La sua versione di bistecca alla fiorentina prevede l’utilizzo di carne piemontese, servita con fagioli, cavolo nero e purè di patate bianche di Pietramala.

Cassata Sicilia.

Protagonista della grande pasticceria italiana, la cassata siciliana. La cassata siciliana è uno dei simboli della terra da cui proviene: Corrado Assenza, maestro che si rifà alla vecchia scuola, fatta di un’accuratissima ricerca degli ingredienti, presenta alle telecamere di Striscia la sua versione di un dolce che esiste da più di mille anni.

L’orecchia d’elefante è uno dei piatti simbolo del pluristellato ristorante: i figli di Vittorio, Enrico e Roberto Cerea, portano avanti la tradizionale ricetta secondo la quale la carne viene impanata con pane e grissini così da rendere particolarmente croccante lo scrigno esterno e mantenerne tenera e morbida la carne.

Altra specialità lo spaghetto Milano, una ricetta ideata dallo chef stellato Andrea Ribaldone. «Volevo creare qualcosa che rappresentasse Milano, ma che fosse anche un piatto italiano riconoscibile per tutti», dice Ribaldone, «così nasce l’idea di condire gli spaghetti con due sapori tipici della tradizione milanese: il risotto (ridotto a crema) e l’ossobuco (trasformato in ragù)».

La Tacchina ripiena interpretata dallo chef Paolo Lopriore del ristorante Il portico ad Appiano Gentile (CO). Lopriore predilige la carne della tacchina perché ritenuta più tenera e prelibata di quella del maschio ed è cucinata con una particolare farcia composta da castagne secche, mele, pere ben sode, prugne nere e gherigli di noce.

Le ricette della rubrica di Paolo Marchi, è consultabile sul sito di “Striscia la notizia” (www.striscialanotizia.mediaset.it).

 

 



Travel - 05/09/2019

Mandarin Oriental London, ecco cosa si beve nelle stanze chic

Situato tra il glorioso Royal Parkland e il vivace quartiere alla moda di Knightsbridge, Mandarin Or [...]

Leisure - 07/09/2019

La nuova Miss Italia è Carolina Stramare

Dopo una diretta fiume in tv a Rai Uno, Alessandro Greco (bentornato) è stato ben lieto di annuncia [...]

Leisure - 18/10/2019

Fitness, vita sana e nutrizione: Damiano Gallo rilancia “Il bello del benessere”

Per divulgare degnamente lo sport e il benessere non come agonismo e accanimento ma come lifestyle s [...]

Top