28 Gennaio 2022

Le Vibrazioni: “Torniamo a Sanremo con rispetto per l’istituzione”

"Tantissimo" è il brano che anticipa un EP. "Lo scenario è cambiato, non vogliamo sprecare idee" dicono i musicisti milanes.

28 Gennaio 2022

Le Vibrazioni: “Torniamo a Sanremo con rispetto per l’istituzione”

"Tantissimo" è il brano che anticipa un EP. "Lo scenario è cambiato, non vogliamo sprecare idee" dicono i musicisti milanes.

28 Gennaio 2022

Le Vibrazioni: “Torniamo a Sanremo con rispetto per l’istituzione”

"Tantissimo" è il brano che anticipa un EP. "Lo scenario è cambiato, non vogliamo sprecare idee" dicono i musicisti milanes.

Tornare sul palco a suonare, anche per Le Vibrazioni,  band con oltre 20 anni di carriera, 5 album all’attivo e più di un milione di dischi venduti, è in questo momento un’emozionante ripartenza. I cinque milanesi per la quarta volta al Festival di Sanremo, in gara nella sezione Campioni, con il brano “Tantissimo”. “Sanremo è un’istituzione, ci vuole rispetto – dicono in collegamento dal loro studio di registrazione prima di partire per la Riviera dei fiori – andare a festival non vuol dire avere la voglia di successo. Per noi è un punto in cui si concentra la comunicazione in maniera incredibile, con un lavoro che solitamente si fa in un anno in un anno”.

Del loro brano dicono: ““Tantissimo”, raccontano Le Vibrazioni, “è un brano di matrice rock, energico e incalzante dove emerge l’animo più viscerale de Le Vibrazioni, una band dal sound compatto e in continua evoluzione. A questa energia travolgente si contrappone un testo intimista e dal linguaggio universale, in cui ciascuno può trovare un pezzo della propria esperienza di vita. Gli eccessi, le occasioni perse, i momenti di sconforto, le sofferenze e tutto ciò che nel tempo finisce per segnarti e renderti la persona che sei oggi. Francesco parla di sé in modo onesto e trasparente, si rivolge alla vita e a tutte le volte in cui non si è amato come avrebbe dovuto“.

Per quella che è a oggi l’unica manifestazione musicale televisiva live in diretta, Le Vibrazioni dicono che “è giusto che ci si faccia emozionare. Restituisce l’umanità a noi artisti, anche se non ci si incrocia più sul palco con gli altri. A volte vediamo dei giovani troppo sicuri di sé, vuol dire che non si attribuisce la giusta importanza. Per Sanremo bisogna arrivare emozionati.”

Da quando si sono rimessi assieme nel 2017, la musica (per tutti) è davvero cambiata. “Siamo venuti alla ribalta quando le tv musicali erano molto forti e il pubblico all’inizio ci ha notato per il video di ‘Dedicato a te’. È cambiato anche il modo di intendere la scrittura, tuttora scriviamo molto ma ci siamo resi conto che lavorare anche con altri autori aiuta”.

Francesco Sarcina, leader e autore dei testi, ha scritto il testo di Roberto Casalino, famoso primo autore di Tiziano Ferro. “Mi sono reso conto di quanto fosse sbagliato voler accentrare la scrittura nelle mie mani solamente quando ho sentito un brano Casalino e avrei voluto scriverlo io. Magari, mi son detto, questa canzone posso cantarla? Ero fermo nella mia testa, ma può starci scrivere con qualcuno, può apportare delle idee nuove. Mi destabilizza, ma mi fa fare un allenamento diverso che mette in azione un altro muscolo”.

Fare un album soprattutto per se stessi è stata sempre l’attitudine che ha fatto andare avanti Le Vibrazioni. “Oggi – dice Sarcina – con la musica liquida e la pandemia, nonostante avessimo scritto 50 canzoni abbiamo deciso non sprecarle. Meglio dare un’importanza giusta ai brani come ai figli, perché sono tutti estremamente vissuti e anche partoriti con sofferenza. Vogliamo dare peso a quello che pubblichiamo e quindi faremo un EP in uscita ad aprile in vinile e nei formati digitali. Noi siamo una band legata all’analogico”.

C’è stata una band che a Sanremo è stata un fenomeno l’anno scorso: i Maneskin. E Le Vibrazioni sono dello stesso genere: “Certamente loro hanno aperto una finestra, magari anche per quelli che fanno rock da prima che loro nascessero. Ma il rock l’abbiamo sempre portato con noi quindi non si può dire che abbiamo abbracciato il genere per cavalcare un’onda favorevole. Anzi, pensavamo ci fossero più band quest’anno in gara invece siamo gli unici”.

La band milanese, formata da Francesco Sarcina, Stefano Verderi, Marco Castellani Garrincha e Alessandro Deidda, torna sul palco dell’Ariston dopo aver debuttato nel 2005 con il brano Ovunque andrò”, ed essere tornati nel 2018 con “Così Sbagliato” e nel 2020 con “Dov’è” con il quale si sono classificati quarti.

Sui contenuti dei testi, Sarcina racconta: “Il lavoro del cantante è psicologico, si usa una bellissima forma d’arte per aiutarsi e salvarsi, è molto importante raccontare quello che hai vissuto. Due anni chiusi in casa hanno lasciato il segno. “Tantissimo” racconta uno stato d’animo di sofferenza che fa prendere di petto le abitudini e non far finta di niente. Perché a volte, tornano anche peggiori e per questo ritengo ci sia un tratto psicologico dietro la canzone”.

Fa male riuscire a staccarsi dalle abitudini che ci danno conforto, ma spesso sono atteggiamenti deleteri, ammette Francesco con onestà: “Io ho fatto la mia personale riflessione e ognuno interpreta come meglio preferisce questo testo”.

Nel 2018 ‘Così Sbagliato‘ li vide affiancati a Skin. Quest’anno invece suoneranno una hit di Paul McCartney, Live and Let Die‘, scelta durante un brainstorming di gruppo. La eseguiranno nella serata dei duetti con Sophie and The Giants, conosciuti attraverso manager delle reciproche discografiche.

“Sophie fa parte della new generation, un’artista fresca che canta benissimo, e la canzone scelta si presta, è in inglese, la affronteremo senza confini. Si tratta di una canzone che unisce, ce la siamo ritrovata dopo averla ascoltata dai nostri genitori, o dai tempi dell’adolescenza con la famosa cover dei Guns N’ Roses e ora torna. Il significato di ‘vivi e lascia vivere’ cambia attraverso le generazioni. Da giovani c’è menefreghismo, poi invecchi e ti danno fastidio tante cose…ora è anche un’espressione coerente col periodo che stiamo vivendo, siamo in un’epoca dove quello che è successo, con le morti dei vicini di casa per Covid, ti fa ripensare alla vita in generale”.

Su “Tantissimo” il loro nuovo brano in gara a Sanremo 2022, Le Vibrazioni dicono: “Quando non si è centrati su di sé, ci si veste di cicatrici senza neanche rendersene conto. Fino a quando ti svegli e comprendi che non è la sofferenza ad elevarti, quanto l’amore che riesci a dare a te stesso. È forse questa la lezione da imparare e Francesco lo ha fatto. Stare bene nel mezzo, in equilibrio tra una sana follia e quello che comunemente chiamiamo Amore”.

Sarcina si professa un musicista senza etichette, dice di essere in una band “non di incazzati ma di ruspanti” e assicura che l’intrattenimento è garantito anche per merito del loro pezzo intimista su base ritmica anni 80: “Una volta che affronti le sofferenze quando scrivi una canzone, poi bisogna abbandonarsi. Questo è il rock, cedere anche alla decadenza”.

Foto di Roberto Patella

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

A casa della Gypsetter di Hogan

L’anno ribattezzata “urban gypsetter” la donna Hogan per la prossima primavera/estate. E dobbiamo dire che la fusione tra l’universo metropolitano

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?