2 Dicembre 2019

L’immagine dei desideri nei percorsi delle incisioni d’arte

Allo Spazio Arte Tolomeo di Milano, la ricerca personale di tanti artisti e i corti di Federico Osmo Tinelli.

2 Dicembre 2019

L’immagine dei desideri nei percorsi delle incisioni d’arte

Allo Spazio Arte Tolomeo di Milano, la ricerca personale di tanti artisti e i corti di Federico Osmo Tinelli.

2 Dicembre 2019

L’immagine dei desideri nei percorsi delle incisioni d’arte

Allo Spazio Arte Tolomeo di Milano, la ricerca personale di tanti artisti e i corti di Federico Osmo Tinelli.

L’immagine dei desideri. Un percorso nel mondo dell’incisione. è il titolo della mostra milanese dedicata all’incisione e alle tecniche sperimentali, con nove visioni del ‘desiderio’. Alcuni esponenti in mostra fanno dell’incisione il proprio linguaggio d’elezione, altri sono artisti che si cimentano con la calcografia per amplificare il proprio universo poetico, nella resa di soggetti che da lungo tempo fanno parte della propria ricerca personale.

Spazio Arte Tolomeo apre al pubblico uno scrigno della produzione incisoria, con la curatela attenta e ingegnosa di Michela Ongaretti. L’esposizione disegna un viaggio tematico attraverso otto visioni di una disciplina antica che vive nel contemporaneo.

Dal 13 al 20 dicembre sono in mostra nove esempi eterogenei sia per tecniche prescelte che per universi compositivi e figurali. Sonia Aloi, Debora Antonello, Matteo Bracciali, Pilar Dominguez, Isabella Dovera, Sara Montani, Mariachiara Pozzi, Caterina Rombolà e Pietro Sganzerla.

Il percorso di visita prevede quindi nove racconti emozionali, ciascuno su una parete della grande sala. In sala ci sarà un grande torchio calcografico, il magico strumento della rivelazione finale dell’immagine, che sarà protagonista di eventi futuri dedicati al mondo dell’incisione presso Spazio Arte Tolomeo.

 

In prossimità del Natale, si osserva la tematica del desiderio, al mondo poetico degli affetti e delle aspirazioni. Desiderare di essere è forse più forte che desiderare di avere: esprimere un desiderio è un modo per viaggiare nel sogno, per immaginare di vivere il presente o il futuro a nostra somiglianza. Il desiderio è un impulso volitivo, ed è anche l’intenzionalità del fare per avvicinarsi, se non raggiungere un obiettivo o un bisogno.

Nella grafica d’arte il raggiungimento di un’immagine “desiderata” è scandito da diverse fasi, che richiedono una pratica consolidata e un’attenzione al dettaglio scrupolosa. L’ideazione non si può separare dal procedimento: l’operazione di stampa richiede particolari strumenti e la professionalità di esperti, il quale tuttavia si confronta con molte variabili. L’imprevedibilità è un fattore determinante che può rivelare sorprese finali. Non si lascia molto spazio al caso, si progetta un’incisione, ma il caso può comunque intervenire. Il risultato stesso è un desiderio esaudito, che l’incisore esprime come un trepidante fanciullo.

Da sinistra: Antonello Sensi, tecnica sperimentale (2011); 2 da’disturbi di frequenza 5′ 12,5×19,5

Accompagnerà le opere la visione dei cortometraggi di Federico Osmo Tinelli. Nella sala sarà presente anche un torchio calcografico con cui si potrà vedere dal vivo una dimostrazione di stampa con matrici a puntasecca.

Coordinate mostra:
L’immagine dei desideri. Un percorso nel mondo dell’incisione 13-20 dicembre 2019
Spazio Arte Tolomeo, via Ampère 27, 20131 Milano
Opening 13 dicembre 2019 ore 18,30

In foto d’apertura: Mariachiara Pozzi al lavoro per la mostra L’immagine dei desideri

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Read in:

English English Italian Italian
admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

Le monadi di Fabrizio Corneli

Tra presenza e assenza, tra visibile e invisibile, tra stupore e titubanza si presentano i lavori di Fabrizio Corneli. Sono

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?