Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 21/11/2018

L’inafferrabile Banksy catturato in museo (ma lui dissente)

C'è molto della sua prima produzione dagli anni 90 ai primi 2000 nella mostra al Mudec di Milano. E soprattutto alcuni cimeli dell'hotel di Gerusalemme, ultima sua provocazione.

Visto 8 anni fa in una collettiva sulla street art al Superstudio, Banksy appariva abbastanza innoquo. Dissidente e ironico, non aveva la travolgente forza mediatica con cui sbarca oggi al Mudec di Milano. Dove i curatori devono sottolineare che si tratta di una mostra non autorizzata dall’artista, chiamata THE ART OF BANKSY. A Visual Protest.

L’esposizione a cura di Gianni Mercurio è corredata da un soddisfacente catalogo, ma ha pochi gadget al bookshop perché l’artista “non li autorizza”, vi dirà la commessa di turno.

Questo è il punto: possibile vedere l’inacciuffabile street artist in un museo, seppur nuovo e all’avanguardia come il Mudec, che è appunto, museo delle culture? La cultura della street art dovrebbe essere dappertutto furché in un museo. Lui non approva (scontata mossa per chi non rivela la propria identità) e un po’ ci si sente solidali con questa posizione. Ma l’allestimento milanese è accantivante, e soprattutto le didascalie sono molto esplicative e consentono al giovane (ma non solo) pubblico del museo di entrare più in sintonia con il mito.

Da oggi fino al 14 aprile 2019 potrete ammirare la serie di uomini e topi, le serigrafie sui poliziotti, una lunga carrellata di copertine di dischi (compresa la famigerata dei Blur e un’edizione “pirata” di un cd di Paris Hilton introvabile).

Memorabilia in esposizione che sfuggono alla catalogazione e ai tempi. Carte, legni, serigrafie, pezzi di muro e cimeli. Come quelli arrivati a Milano dall’hotel di Gerusalemme dove nel mezzo di una situazione che si spera, solo l’arte può salvare, il graffitaro britannico ha fatto l’ultima eclatante incursione.

Banksy, artista e writer inglese la cui identità rimane tuttora nascosta, è considerato uno dei maggiori esponenti della street art contemporanea. Le sue opere sono spesso connotate da uno sfondo satirico e trattano argomenti universali come la politica, la cultura e l’etica. L’alone di mistero che, per scelta e per necessità, si autoalimenta quando si parla della figura di Banksy lo fa diventare un vero e proprio mito dei nostri tempi. La sua protesta visiva coinvolge un vastissimo ed eterogeneo pubblico e ne fa uno degli artisti più amati dalle giovani generazioni.

Sono già state organizzate diverse mostre su Banksy presso gallerie d’arte e spazi espositivi, ma mai un museo pubblico italiano ha ospitato finora una sua monografica (se si eccettua quella organizzata dall’artista stesso, come al Bristol Museum nel 2009). Il MUDEC-Museo delle Culture di Milano per la prima volta ospita all’interno delle sue sale una retrospettiva sull’artista inglese.

Sarà una mostra non autorizzata dall’artista, come tutte quelle a lui dedicate prima d’ora, in quanto Banksy continua a difendere il proprio anonimato e la propria indipendenza dal sistema.

The Art of Banksy. A visual protest”, in mostra al MUDEC dal 21 novembre 2018, è un progetto espositivo curato da Gianni Mercurio, che raccoglie circa 80 lavori tra dipinti, sculture, prints dell’artista inglese, corredati di oggetti, fotografie e video, che racconteranno attraverso uno sguardo retrospettivo l’opera e il pensiero di Banksy. Un percorso a suo modo accademico e insolito, ma coerente con la mission di un museo come il MUDEC, ovvero quella di fornire a ogni fascia di pubblico le chiavi di lettura per comprendere (e apprezzare) le culture del mondo e i grandi temi della contemporaneità attraverso tutte le arti visive, performative e sonore.

 

Promossa dal Comune di Milano-Cultura e da 24 ORE CulturaGruppo 24 ORE, che ne è anche il produttore, la mostra The Art of Banksy. A Visual Protest, ideata da Madeinart, si articolerà attraverso sezioni, che porteranno a una riflessione critica su quale sia (e quale potrà essere) la collocazione di Banksy in un contesto più generale della storia dell’arte contemporanea.

La mostra rientra inoltre nel più ampio progetto scientifico concepito dal MUDEC “Geografie del futuro”, un racconto sul “sapere geografico” inteso come rilevamento di territori e di culture e superamento dei confini, letto attraverso la lente di diverse discipline di studio.

Il Museo delle Culture rifletterà insieme ai visitatori sul tema della disciplina geografia, cercando di capire quali tipi di “geografie” definiranno i confini della nostra conoscenza del mondo nel futuro.

Con Banksy la relazione con la geografia e il paesaggio si connotano di tratti assolutamente “sociali”: la relazione con il paesaggio umano nel quale Banksy si esprime, spesso in zone di conflitto, dove anche la politica e le istituzioni faticano ad arrivare, l’attitudine sperimentale, la teoria della “psicogeografia” di matrice situazionista, secondo cui lo spazio di azione dell’artista è il territorio.

Ecco perché The Art of Banksy. A Visual Protest, rientra come terza mostra – e nuova frontiera della geografia –  nel progetto di “Geografie del futuro”.

 

LA MOSTRA – In linea con i principi di fruizione delle opere dell’artista non sono presenti in mostra suoi lavori sottratti illegittimamente da spazi pubblici, ma solo opere di collezionisti privati di provenienza certificata.

Si illustrano i “movimenti” che hanno utilizzato una forma di protesta visiva attraverso la fusione di parole e immagini e con un’attitudine all’azione, a cui Banksy fa riferimento esplicitamente per modalità espressive: dal movimento situazionista degli anni ’50 e ’60, con il quale Banksy condivide l’attitudine sperimentale e l’attenzione sulle realtà urbane, alle forme di comunicazione ideate e praticate dall’Atelier Populaire, il collettivo di studenti che nel maggio del 1968 diffuse attraverso centinaia di manifesti i temi della protesta sui muri di Parigi; fino ad arrivare ai lavori dei writers e dei graffitisti di New York degli anni ’70 e ’80, multiculturali e illegali per vocazione e dal forte senso di appartenenza comunitaria. Come gli street artists della sua generazione Banksy accentua il contenuto dei messaggi politici e sociali in maniera esplicita, spostando il messaggio dalla forma al contenuto.

Questi aspetti emergeranno come fondanti dell’arte di Banksy nel corpus di opere presentate in mostra, che saranno suddivise per generi e temi, come ad esempio l’idea e la pratica della serialità e della riproducibilità dei lavori riferiti a Warhol (tra i quali i ritratti di Kate Moss o le serie “Tesco”, in cui utilizza il marchio della grande catena di distribuzione britannica alla maniera di Campbell’s Soup) o del détournement, in cui Banksy interviene su copie di opere esistenti e spesso universalmente conosciute, con l’inserimento però di alcuni elementi stranianti che ne modificano il significato.

Attraverso la lettura dei lavori saranno quindi illustrate le strategie, il senso e gli obiettivi dei suoi messaggi e la sua cifra stilistica, data dalla tecnica dello stencil, affinata da Banksy con il duplice scopo di poter eseguire i lavori illegali con una notevole velocità e allo stesso tempo renderli più elaborati.

Una speciale sezione video racconterà al pubblico i murales che Banksy ha realizzato in diversi luoghi del mondo, tuttora esistenti o scomparsi, evidenziando così quanto il Genius loci sia un aspetto fondamentale nel suo lavoro: molti lavori nascono infatti anche semplicemente in funzione dei e per i luoghi in cui sono realizzati.

Il messaggio di Banksy e la sua arte si manifestano come un’esplicita e mordace provocazione nei confronti dell’arroganza dell’establishment e del potere, del conformismo, della guerra, del consumismo.

Come ha spiegato Shepard Fairey, famoso street artist americano: “le sue opere sono piene di immagini metaforiche che trascendono le barriere linguistiche. Le immagini sono divertenti e brillanti, eppure talmente semplici e accessibili: anche se i bambini di sei anni non hanno la minima idea di che cosa sia un conflitto culturale, non avranno alcun problema a riconoscere che c’è qualcosa che non quadra quando vedono la Monna Lisa che impugna un lanciafiamme.”

BIO – Nato e cresciuto a Londra, nei primi anni Duemila Banksy è a Londra e comincia a farsi conoscere: in breve i muri della città si animano con i suoi personaggi ironici, pungenti, provocatori, irriverenti. È subito un fenomeno: la stampa parla di “Banksy effect”. I suoi stencils, immediati e ricorrenti come manifesti pubblicitari, colpiscono al cuore: nel 2007 un sondaggio stabilisce che il suo lavoro rappresenta oramai un segno distintivo della città di Londra. La sua arte si manifesta come un’esplicita e aspra provocazione nei confronti dell’arroganza dell’establishment e del potere, del conformismo, della guerra, del consumismo. Ma chi è Bansky? Molte le congetture sul suo nome e la sua identità, ma ad oggi non si hanno altre certezze: tracciarne la biografia è impossibile, nonostante in molti abbiano tentato di farlo. La figura di Banksy è tuttora avvolta in un alone di mistero che si autoalimenta, definendo di fatto i tratti di un mito dei nostri tempi. La mostra e il catalogo ad essa affiancato raccontano l’origine del messaggio
artistico dell’anonimo artista, proponendo una riflessione critica su quale sia e quale potrà essere la collocazione di Banksy nel contesto più generale della storia dell’arte.

 

La mostra “The Art of Banksy. A Visual Protest” sarà visitabile al MUDEC di Milano (via Tortona) fino al 14 aprile 2019.



Society - 10/03/2017

On Earth, gli animali come divi da fotografia per Tomas Miñambres

Tomas Miñambres e i suoi animali in posa sono una delle novità più interessanti d [...]

Society - 25/06/2018

“I 4 Elementi” raccolgono creatività di 40 artisti

Sabato 16 giugno 2018 ha inaugurato presso il centro culturale "Cascina Grande" di Rozzano (Mi) la m [...]

Design of desire - 12/04/2017

Morelato, il grande mobile d’ebano incontra la modernità

Fin da quando Aldo Morelato fondò la “Casa Rossa”, bottega artigiana a sud di Verona a metà de [...]

Top