Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 28/10/2020

Måneskin tornano agli anni Settanta passando da Star Walks

La puntata della web serie "Star Walks - Quando il PArCo incontra la musica" con protagonisti i Måneskin, sarà pubblicata il 2 novembre.

Andare un passo avanti ed essere sempre vero. Damiano lo canta a gran voce nel nuovo singolo in uscita in questi giorni “Vent’anni”. La canzone del rientro sulle scene di Damiano, Victoria, Thomas e Ethan, in arte Måneskin è un inno alla libertà dell’età che gli stessi protagonisti stanno vivendo. Che porteranno anche nella serie web “Star Walks” di imminente uscita.

Così come si ispirano a man bassa agli anni Settanta nel look, anche musicalmente la composizione non brilla certo per originalità (anche lirica) ma fa bene il suo mestiere. Che è quello di riportare all’attenzione di tutta la discografia italiana ferma in un limbo, l’energia del quartetto rock giovane più glamour della scena nostrana. La band, ospite della web serie “Star Walks – Quando il PArCo incontra la musica”, ha presentato in anteprima il singolo con una performance live nell’ineguagliabile scenario dei palazzi imperiali sul Palatino, un’esibizione senza pubblico in uno dei luoghi più iconici al mondo.

A distanza di due anni dall’album di debutto “Il ballo della vita”, doppio disco di platino, i Måneskin ritornano con una produzione assieme a Fabrizio Ferraguzzo, già accanto a Fedez e direttore musicale di alcune edizioni di X Factor. “Vent’anni” è una rock ballad dove i pensieri di Damiano oggi si comparano a quelli del suo alter ego più maturo, dando vita a un dialogo che vuole incoraggiare i ventenni spesso già disillusi sotto il peso dei giudizi e delle incertezze sul futuro.

“Ho scritto quello che io stesso avrei voluto sentirmi dire da qualcuno più adulto ora che ho vent’anni” racconta il cantante. Parole rivolte ai coetanei, ma che fanno ricordare anche a chi ventenne non lo è più quanto “farà male il dubbio di non essere nessuno”, quanto a quell’età faccia paura, ma allo stesso tempo sia naturale sbagliare, spinti dal desiderio di fare qualcosa di grande perché “sarai qualcuno se resterai diverso dagli altri”.

Ad accompagnare l’uscita del brano, il fotografo Oliviero Toscani firma la campagna di lancio ritraendo la band con un’immagine che vuole essere un messaggio forte, senza filtri: liberarsi dalle sovrastrutture ed essere autentici, se stessi, senza veli inutili. “Libertà non vuol dire essere liberi di fare ciò che si vuole. – riflette Oliviero Toscani – Io, per esempio, mi sento libero quando sono incatenato a un progetto, perché in quel momento mi libero di tutti i miei complessi e limiti. Ecco per me essere libero è liberarsi dei complessi, non aver paura di sbagliare, di ricominciare, vuol dire di essere libero di rimettere tutto in discussione.” 

Un appello lanciato con la canzone che vuole arrivare dritto al pubblico, in particolare alla Generazione Z cresciuta a pane e social dove l’apparenza, l’essere quello che non si è e l’hating sono spesso fonte di grande ansia. Dove si sente l’impossibilità di vivere un amore liberamente seguendo le proprie inclinazioni per colpa di stereotipi e pregiudizi.Iniziando a esibirsi live da giovanissimi nelle strade di Roma, i Måneskin con la loro straordinaria carica hanno velocemente conquistato il pubblico, spazzando via stereotipi di genere, mescolando influenze e stili in un mix originalissimo e unico, arrivando a collezionare con il primo tour 67 date sold out in Italia e in Europa, oltre a 14 dischi di platino e 5 dischi d’oro. La puntata della web serie “Star Walks – Quando il PArCo incontra la musica” con protagonisti i Måneskin, dal titolo “Venti anni al Palatino”, sarà trasmessa online il prossimo 2 novembre sul canale Youtube del Parco archeologico del Colosseo.”  

Måneskin per Star Walks e il nuovo singolo fotografati da Francis Delacroix
Måneskin in occasione del lancio di Vent’anni e Star Walks fotografati da Oliviero Toscani

Immagini per gentile concessione del Parco Archeologico del Colosseo per il progetto”StarWalks”.



Design of desire - 24/02/2020

Il nuovo centro congressi belga col legno italiano e il design di Libeskind

Il Centro Congressi MICX di Mons (Belgio) è il posto dove la grande architettura di Libeskind ha im [...]

Design of desire - 05/04/2020

Una parete Phillip Jeffries per sentirci tra i belli del mondo

Parati e tessuti alle pareti come nei film hollywoodiani e nei migliori hotel di lusso. Avere a casa [...]

Design of desire - 06/04/2019

Scoprite il DOS, il distretto diffuso al Fuorisalone 2019

DOS, IL PRIMO DISTRETTO DIFFUSO @Brera, Porta Genova, Porta Nuova, Bovisa, Tortona, Isola e Sarpi C [...]

Top