27 Gennaio 2022

Matteo Romano verso Sanremo 2022: “Virale è l’amore dirompente”

A soli 19 anni è già nei big. Pondera bene i pensieri, aspira a grandi traguardi, si porta all'Ariston la carica e la bellezza di Malika Ayane e Giorgio Armani.

27 Gennaio 2022

Matteo Romano verso Sanremo 2022: “Virale è l’amore dirompente”

A soli 19 anni è già nei big. Pondera bene i pensieri, aspira a grandi traguardi, si porta all'Ariston la carica e la bellezza di Malika Ayane e Giorgio Armani.

27 Gennaio 2022

Matteo Romano verso Sanremo 2022: “Virale è l’amore dirompente”

A soli 19 anni è già nei big. Pondera bene i pensieri, aspira a grandi traguardi, si porta all'Ariston la carica e la bellezza di Malika Ayane e Giorgio Armani.

Matteo Romano sorprende per la sua determinazione ed equilibrio. Cantante emerso dal social media del momento, TikTok, da meno di due anni sta collezionando altissimi numeri con le sue pubblicazioni online, tanto che Amadeus l’ha invitato dal prossimo 1 febbraio alla 72° edizione del Festival della Canzone italiana tra i 25 big protagonisti. Il 19enne cunese, tra i più giovani artisti in gara quest’anno, salirà sul palco del Teatro Ariston di Sanremo con “VIRALE”, brano scritto dallo stesso Matteo, Dario Faini, Alessandro La Cava e Federico Rossi (edizioni Universal Music Publishing Ricordi SRL, Senza Dubbi S.A.S di Venturelli Gianluca & C, Ventidigiallo SRL).

Il colpo l’ha messo a segno anche per la serata dei duetti: il venerdì con una cover di Elton John (“Your Song”, uscita 52 anni fa) canterà con Malika Ayane. Che dice: “Sono contenta di accompagnare Matteo sul palco di Sanremo e in particolare di avere la generazione zeta che conta su di me. Matteo è un ragazzo in gamba, ma ciò non significa né che sia di randa giovane né che sia la rivoluzione. Forse la rivoluzione sta nel fatto di essere competente, studioso e impegnato in tutto quello che fa, dall’uso della voce allo studio del testo della lingua inglese, a come si muove sul palco e a come si guarda attorno e dentro di sé. Il fatto che ci sia un ritorno alla voglia di essere competenti è più rivoluzionario rispetto a qualcosa di eclatante ma disordinato. Matteo in questo senso è bravo, bello, educato, gentile e si impegna molto.”

“Testa e Croce”: il brano con cui Matteo Romano ha vinto Sanremo Giovani edizione 2021. Sarà il lato B del singolo sanremese del giovane cantante che esce su vinile il 25 febbraio 2022. “I primi versi di Testa e Croce sono arrivati nella quiete di camera mia. Da lì ho poi avuto modo di continuarla in uno studio di registrazione. È stata la prima sessione della mia vita ed è stato stupendo”.

Matteo non è il classico giovane sgomitante che arriva da un passato burrascoso. Il suo genere è melodico e contemporaneo, arriva da una famiglia agiata, fa scelte che potrebbero essere più vicine a ragazzi più grandi. Per dire, durante tutte le serate del Festival salirà sul palco vestito Emporio Armani. La sua canzone “Virale” parla di un litigio dopo l’amore e dell’amore dopo un litigio anche con un piglio tipico dei ragazzi di oggi. Prodotto da Dario Faini (Durdust), il pezzo è anche espressione degli ascolti che il giovane artista ha fatto, da Franco Battiato a Luigi Tenco, Sting, Depeche Mode, Whitney Houston.

La copertina di “Virale” il pezzo del debutto sanremese di Matteo Romano. Il cantante ha debuttato nel novembre 2020 con l’uscita di “CONCEDIMI” che nel giro di un anno gli ha regalato un doppio disco di platino (100mila copie, 35 milioni di stream e oltre 16 milioni di visualizzazioni). Poi nel marzo 2021 è uscito “Casa di Specchi” il primo brano inedito di un artista italiano ad essere disponibile in Dolby Atmos (il nuovo formato audio innovativo) e la firma con Friends & Partners per l’organizzazione dei suoi live. “Testa e croce” è il terzo inedito pubblicato da Matteo nell’autunno 2021 per Sanremo Giovani.

Matteo come è stata la tua vita fino ad adesso?

Sono il primo di tre gemelli, sono nato e cresciuto a Cuneo e ho frequentato il Liceo Classico. Mi sono appena trasferito a Milano per cominciare gli studi universitari in comunicazione e marketing. A casa i miei ascoltavano molta musica, quindi i loro gusti variegati mi hanno avvicinato alla musica. Ho studiato percussioni, chitarra e canto, assieme al pianoforte.

Quando hai deciso di provarci seriamente con la musica?
Nel 2018 e 2019 ho partecipato al concorso “Next Talent” nella mia città e ho vinto in entrambe le occasioni il premio come miglior interprete. Durante il primo lockdown, nel marzo 2020, ho iniziato a pubblicare cover sui social network e sulla piattaforma di intrattenimento TikTok. Il mio primo inedito “Concedimi”, ha dato il via a tutto.

Hai già un seguito folto e molte persone che lavorano per te. Ti senti responsabilizzato?
Sono contento di avere un team del genere composto da veri professionisti, sono veramente convinto che siano la scelta giusta per me. I miei genitori hanno investito su di me, mio papà è un imprenditore e quando è partito “Concedimi” mi ha fatto arrivare alla Polydor. Il fatto che la mia famiglia mi stia accanto, mi fa sentire protetto.

Che impressione hai avuto provando a cantare con Malika Ayane?

C’è un’alchimia forte con Malika, siamo di due generazioni diverse ma sento che c’è molta commistione di sensibilità. Da grande artista si è anche dimostrata aperta e pronta ad ascoltarmi, un grande riconsocimento. C’è forte chimica di sguardi quando siamo sul palco. Mi sembra che ci sia un’unione naturale e spontanea.

A Sanremo sarai vestito Emporio Armani. Tieni alla moda?

Mettere in mostra me stesso al completo è il mio obiettivo. Indosserò capi molto minimal, semplici e sceglierli è stato molto entusiasmante. Mi voglio presentare con raffinatezza ed eleganza ma allo stesso tempo i vestiti devono essere freschi e giovani. Sono contento di lavorare in accordo col team di Armani e Susanna Ausoni, la mia stylist. Abbiamo costruito con i look una bella narrativa di portare avanti nelle 4 serate con un crescendo, proprio come mi ero immaginato.

Come vivi una vigilia così importante per la tua carriera?

Sono tranquillo, sono chiuso nella mia bolla, nella mia casa, con pochi contatti. Per ora sto vivendo un mondo a parte, surreale, ieri sono uscito solo per comprare la rivista TV Sorrisi e Canzoni dove sono in copertina con gli altri. Credo che realizzerò dal prossimo weekend quello che mi sta capitando. Non vedo l’ora di poter dimostrare cosa faccio e chi sono.

Per Matteo Romano, sarà il Maestro Valeriano Chiaravalle a dirigere l’orchestra sia durante la gara che durante la serata di venerdì 4 febbraio dedicata alle cover. Durante la serata speciale ad accompagnare Matteo sulle note del successo del 1970 di Elton John “YOUR SONG” ci sarà una delle cantautrici e voci più amate e apprezzate del panorama italiano, Malika Ayane.

Il tuo pezzo ha un nome molto abusato ultimamente. Di che parla?

Virale è qualcosa che si diffonde velocemente, totalizzante, è sicuramente riferito a cose che sono dentro di noi. Nella canzone uso questo termine come paragone per parlare dell’amore veloce allo stesso tempo crescente, un sentimento non graduale, esponenziale. Credo sia un modo giovane e fresco di rappresentare l’amore.

Hai aspettative alte?

L’aspettativa è di farmi conoscere per quello che sono e non farmi prendere dalle mie solite paure. Vorrei dare una buona spinta al brano per poi arrivare all’EP o album.

Di colpo da spettatore sarai protagonista del più grande evento di spettacolo italiano. Come ripensi ai Sanremo visti in tv?

Il passaggio veloce fa effetto, il mio primo ricordo di Sanremo di sempre è legato all’edizione di Emma e Marco Mengoni, quelle del 2012 e 2013. Mi ricordo le canzoni “Sono Solo Parole”, “Non è l’inferno”, “L’essenziale”, “La Notte”. Ho preso consapevolezza della musica italiana con questi brani.

La fama che sta arrivando ti mette anche accanto ad artisti che di fama ne hanno parecchia da tempo. Come ti rapporti a loro?

L’ho sempre vissuta come qualcosa di strano questa opportunità di conoscere i personaggi famosi ma nell’ultimo anno ho capito che siamo tutte persone, dietro i personaggi. Non contano i numeri o quanti programmi fai in tv, sono tutti approcciabili. Non nascondo che io ho lo sguardo da fan, anche giorni fa quando ho rivisto Amadeus mi ha fatto ancora strano.

Che atmosfera vivi ora in famiglia?

I miei genitori sono contenitssimi, il mio papà è fan di Elisa e non vede l’ora che io la conosca ed è incredibile pensare che sia in gara con lei. Lui è anche mio primo fan, si è tatuato una parte del mio testo sul braccio, non potevo crederci. I miei fratelli invece hanno uno sguardo giovane su quello che mi sta accadendo ma è un bene. Mi danno consigli su cosa fare, gli appunti da Generazione Z.

Read in:

English English Italian Italian
Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Figlio degli anni 70, colonna del newsfeed di The Way, nasce come giornalista economico, poi prestato alla musica e infine convertito al racconto del lifestyle dei giorni nostri. Ossessionato dal tempo e dall’essere in accordo con quello che vive, cerca il buono in tutto e curiosa ovunque per riportarlo. Meridionale italiano col Nord Europa nel cuore, vive il contrappunto geografico con serenità e ironia. Moda, arte e spettacoli tv anni 80 compongono il suo brunch preferito.
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?