Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 19/10/2019

Melodramma di Pavarotti, nella vita e sul palco: dirige Ron Howard

A fine mese arriva per tre giorni nei cinema. Abbiamo incontrato il regista Premio Oscar all'anteprima del documentario sull'artista emiliano.

Si potrebbe sostenere che quest’anno, per la quattordicesima edizione della Festa del Cinema di Roma, gli organizzatori hanno deciso di fare le cose in grande. Se ieri c’è stata la presenza dell’attore e regista Edward Norton, che ha presentato la sua ultima fatica cinematografica, oggi l’onore di esser considerato, come si usava nelle serie televisive di un tempo, una ‘Guest Star’ è toccato ad un altro pezzo da novanta di Hollywood: Ron Howard. Lui che divenne famoso per il ruolo di Ricky Cunningham nella serie cult ‘Happy Days’.

Firmato dal regista Premio Oscar® Ron Howard, PAVAROTTI è realizzato con filmati mai visti prima e immagini delle performance più iconiche del tenore che offrono un ritratto intimo ed emozionante dell’artista e dell’uomo, il più amato cantante d’opera di tutti i tempi con oltre 100 milioni di dischi venduti nel corso della sua carriera.

Di anni ne sono passati da allora e Ron di strada ne ha fatta talmente tanta, proprio come regista, che ogni sua nuova pellicola appare sempre come un evento catalizzatore rispetto al resto. Il regista statunitense oltre a suscitare tenere nostalgie, ha presentato in questa manifestazione il suo documentario interamente dedicato a Luciano Pavarotti, intitolato, semplicemente, ‘Pavarotti’.

In conferenza stampa Ron Howard, accompagnato tra l’altro anche dal suo produttore Nigel Sinclair, ha specificato che il materiale dal quale ha tratto questo documentario era talmente vasto, che è stato difficile scegliere in maniera definitiva.

“Accanto all’indiscutibile ammirazione per l’artista e per l’uomo, sono rimasto affascinato dalla sua vita perché mi sono accorto di quanto riflettesse le opere che interpretava, soprattutto con il passare degli anni: un’esistenza melodrammatica. Questa connessione l’ho trovata con alcuni grandi attori che ho diretto in carriera” ha affermato il regista in conferenza stampa.

Luciano Pavarotti rivivere attraverso immagini inedite, dagli inizi fino alla fine dei suoi giorni, con l’ausilio di testimonianze dirette di persone che hanno conosciuto personalmente il tenore. Dalle figlie alle compagne della sua vita, dai manager ai colleghi illustri come per esempio Bono Vox, il frontman degli U2.

Nel film “Pavarotti”, il grande legame con Lady D, alleata di operazioni benefiche, e il sodalizio tra Big Luciano e Carreras e Domingo, conosciuti come i “Tre Tenori”.

Ogni fase della vita di Luciano Pavarotti è stata analizzata nel semplice tentativo, riuscito del resto, di far emergere non solo aspetti che non si conoscevano ma anche di improntare il discorso narrativo di tutto il documentario sulla sua straordinaria forza e della sua filosofia di vita su come affrontare le avversità. Questo elemento è ben sottolineato grazie anche dal ricordo dell’ultima compagna di Pavarotti, Nicoletta Mantovani, molte volte colpita da diversi problemi fisici molto gravi.

L’incredibile sorriso, il cibo e la sua voglia di stare in mezzo alla gente e la sua ambizione più grande: quella di portare l’opera alle masse. Missione davvero riuscita. Non solo per i suoi successi personali, ma soprattutto a partire dal 1990. Quando si svolse il primo storico concerto, il 7 luglio del 1990, dei ‘Tre Tenori’. Per poi mescolare l’opera con la musica contemporanea mediante quegl’irripetibili appuntamenti del ‘Pavarotti & Friends’.

 

Testo e foto a cura di Vincenzo Pepe – inviato a Roma /The Way Magazine

SINOSSI -La Coppa del Mondo del 1990 in Italia è stata l’occasione in cui l’opera ha conquistato il grande pubblico: in quell’occasione, sul palco di Roma, Pavarotti si è unito ai colleghi tenori Placido Domingo e José Carreras, esibendosi per un pubblico mondiale di 1,4 miliardi di persone. La loro potente interpretazione di “Nessun Dorma” vive ancora oggi come uno dei brani musicali più conosciuti al mondo: una performance con cui Pavarotti ha coronato definitivamente il suo sogno di portare l’opera nelle case del grande pubblico. 

 

Ron Howard ha scelto un approccio intimo per raccontare la storia di Pavarotti: si è spinto oltre l’iconica figura pubblica per rivelare l’uomo. Grazie alla partnership con Decca Records e all’accesso esclusivo agli archivi di famiglia e al vasto materiale musicale ripreso dal vivo, il documentario evento fa emergere la storia personale dell’artista: dalle sue umili origini nel Nord Italia fino allo status di superstar mondiale. Attraverso le immagini e alla musica di PAVAROTTI, gli spettatori viaggeranno in tutto il mondo in compagnia del tenore. Lo conosceranno come marito e padre, filantropo instancabile e soprattutto artista sensibile, che ha avuto una relazione complessa con il suo talento e con un successo senza precedenti.

 

Dai creatori del blockbuster mondiale The Beatles: Eight Days a Week, PAVAROTTI di Ron Howard è prodotto da Polygram Entertainment, Imagine Entertainment e White Horse Pictures con Diamond Docs e in collaborazione con TIMVISION e WILDSIDE. I produttori esecutivi italiani sono Lorenzo Gangarossa, Mario Gianani e Lorenzo Mieli. Il documentario sarà nei cinema italiani solo per tre giorni, il 28, 29 e 30 ottobre, distribuito da Nexo Digital.

 



Fashion - 22/02/2017

Milano Moda Donna 2017 parte con un tributo ad Angelo Marani

Si chiama Quotazioni del Cuore l'ultima collezione donna curata da Angelo Marani, lo stilista im [...]

Vip House - 20/11/2017

Adriana Volpe, regina dei fatti…suoi!

La regina de "I Fatti Vostri" in realtà è molto gelosa dei fatti suoi. Adriana Volpe ama, infatti, [...]

Fashion - 30/09/2017

Antonella HC, quando la moda è Unforgettable

Che vi piaccia o meno farvi notare, una cosa è certa: la moda serve anche a lasciare un segno, megl [...]

Top