29 Marzo 2022

Mentre c’era il Covid, il Medioriente bruciava. Le foto di Mathieu Pernot

Fino al 19 giugno 2022 a Parigi presso la Fondation Henri-Cartier-Bresson le testimonianze di un anno

29 Marzo 2022

Mentre c’era il Covid, il Medioriente bruciava. Le foto di Mathieu Pernot

Fino al 19 giugno 2022 a Parigi presso la Fondation Henri-Cartier-Bresson le testimonianze di un anno

29 Marzo 2022

Mentre c’era il Covid, il Medioriente bruciava. Le foto di Mathieu Pernot

Fino al 19 giugno 2022 a Parigi presso la Fondation Henri-Cartier-Bresson le testimonianze di un anno

Dal 2020 l’Occidente, e non solo, è alle prese con la pandemia del secolo. Ma in un’altra martoriata parte del mondo, il Medioriente, la diaspora dei profughi di guerra continuava. Mahieu Pernot, vincitore dell’HCB Award 2019, ora presenta La ruine de sa demeure alla Fondation HCB di Parigi incentrando la scelta del suo lavoro proprio su questi fatti tragici.

In mostra, e in un pregevole libro, si ripercorre un viaggio fotografico attraverso il Libano, Siria e Iraq. Il punto di partenza è un viaggio del nonno dell’artista, realizzato nel 1926, che delinea un itinerario da Beirut a Mosul, tra le rovine di civiltà millenarie in Medio Oriente e quelle delle tragedie da storia recente. Con un approccio quasi documentaristico, Pernot propone un’opera dialettica giustapponendo grandi narrazioni storiche a quelle della storia della sua famiglia. Pernot ha iniziato il progetto a settembre 2019 a Beirut, dove avevano i suoi nonni e suo padre visse a partire dal 1925 e fino alla partenza di quest’ultimo Francia nel 1958. Attraverso le sue ricerche, sul suo primo viaggio ha scoperto il suo appartamento di famiglia. Tornando nella capitale dopo l’esplosione nell’agosto 2020 l’edificio era diventato inaccessibile e rischiava il collasso. L’artista così si trovò di fronte e intimamente legato alla fragile storia del Libano. Dal Libano all’Iraq, l’artista è testimone continuo a scene di desolazione, lontano dalla famiglia o dal viaggio del nonno quasi un secolo prima di lui.

Lo splendore dell’archeologia nei siti come Baalbek, in Libano, “traccia irrevocabile di civiltà” (Hala Kodmani) e nelle pianure di Ninive in Iraq, resiste accanto a città devastate da disastri e guerre recenti, come a Homs, Aleppo o Mosul. Da questo doppio contrasto permanente tra l’innocenza delle foto degli album di famiglia e la violenza dei paesaggi di oggi, tra rovine di una storia di 3.000 anni e di quelle recenti conflitti armati, arriva una riflessione su questa parte del mondo, culla della civiltà che ora sembra rappresentare la sua tragica fine.

Nonostante i tanti ostacoli legati alla pandemia e difficile accesso ad alcune zone di conflitto, Pernot è riuscito ad estendere i limiti di i viaggi di suo nonno forgiando il proprio percorso ad Aleppo e Mosul, in quello che l’artista chiamava “un viaggio nelle rovine della storia”.

In mostra una sessantina di stampe di Mathieu Pernot, il suo album fotografico del nonno, fotografie dai suoi archivi di famiglia, così come le foto trovate nelle case distrutte di Mosul.

La curatrice della mostra è Agnès Sire.

Mathieu Pernot, nato nel 1970 a Fréjus, Francia, vive e lavora a Parigi. Durante la sua permanenza all’École Nationale Supérieure de la Photographie, Pernot ha incontrato le famiglie Tsigane ad Arles, tra le quali i Gorgan, una famiglia con cui ha lavorato ininterrottamente da allora in poi. Negli anni 2000 ha iniziato varie serie sui temi del collegamento, dell’urbanistica e migrazione. Il suo lavoro con Philippe Artières sugli archivi dell’ospedale psichiatrico Bon Saveur di Picauville (Manche) gli ha vinto il Prix Nadar nel 2013. Nel 2014 ha ricevuto il Prix Niépce, e lo stesso anno a cui il Jeu de Paume ha dedicato una mostra lui intitolata La Traversée, che mostra 20 anni di fotografia.

Fondation Henri-Cartier-Bresson

MATHIEU PERNOT
LA RUINE DE SA DEMEURE

FINO al 19 giugno 2022

79 rue des Archives – 75003 Paris
01 40 61 50 50
henricartierbresson.org

Read in:

English English Italian Italian
Ti potrebbe interessare:

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Vuoi saperne di più?