Magazine - Fine Living People
23/01/2020 - A Milano torna 4Ecom, l’evento di riferimento del mondo eCommerce
Leisure

Leisure - 18/06/2018

Nathalie Djurberg e Hans Berg al Moderna Museet di Stoccolma

I video di denuncia in slow motion hanno conquistato le gallerie. E ora arrivano nei musei, in Svezia e al Mart di Rovereto da ottobre 2018.

Sarà l’estate della loro consacrazione, quella dei film d’animazione strampalati e sognanti. Parliamo del duo artistico svedese composto da Nathalie Djurberg e Hans Berg che espongono per la prima volta in un museo famoso, che è il Moderna Museet di Stoccolma.

Si tratta di una mostra con film in movimento e installazioni spaziali insieme a un pezzo VR completamente nuovo. La mostra descrive un viaggio interiore, un tentativo di rendere l’esistenza più comprensibile in un flusso di impulsi e impressioni.

Nathalie Djurberg e Hans Berg creano mondi animati da oggetti, musica e immagini in movimento – realtà oniriche in cui immergersi. Le loro favole raccontate con gioia mescolano l’umorismo all’oscurità, sospendendo ogni legge morale di gravità. I loro pezzi da camera intensi mettono in scena frammenti di ricordi repressi tra innocenza e vergogna, o febbrili sogni ad occhi aperti di giochi di ruolo e desideri.

Appassionano perché abbattono verità accettate sulla supremazia dell’uomo nella natura e sulla nostra abituale comprensione del ricordo, del tempo e dello spazio. Al contempo, nelle opere c’è una burlesca critica sociale che – a volte letteralmente – spoglia gli uomini del potere, date le gerarchie e le norme sociali.

Nathalie Djurberg (1978) e Hans Berg (1978) lavorano a Berlino. Negli ultimi dieci anni sono stati protagonisti della scena artistica internazionale e le loro opere sono state esposte alla Biennale di Venezia, al New Museum di New York e al 21st Century Minsheng Art Museum, a Shanghai.

Un catalogo è pubblicato in concomitanza con la mostra in collaborazione con Hatje Cantz, con nuovi saggi di Lena Essling, curatrice di Moderna Museet; Massimiliano Gioni, direttore artistico di The New Museum, New York; Patricia MacCormack, teorico del cinema, Cambridge; e David Toop, musicista e scrittore, Londra.

La mostra è prodotta da Moderna Museet in collaborazione con MART – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto nell’autunno 2018 e Schirn Kunsthalle Frankfurt nella primavera 2019. Dal 6 ottobre al Mart di Rovereto.



Society - 12/03/2018

Alla scoperta del Molise con Alessandro Borghese

C'è un modo di dire che ironizza addirittura sulla sua esistenza, ma il Molise c'è e sarà, almeno [...]

Travel - 16/10/2019

Vacanze negli edifici storici con il Landmark Trust

Il Landmark Trust è un'organizzazione benefica britannica per la conservazione degli edifici, fonda [...]

Leisure - 13/11/2019

Gianna Nannini, la prima volta nello stadio a Firenze per “La Differenza”

Difficile immaginarsi che il nuovo disco di Gianna Nannini, "La Differenza" sia nato piano, voce e c [...]

Top