Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 17/03/2019

Ogni desiderio al Book Pride…diventa un libro

I dieci anni della Neo Edizioni e lo speciale ricordo di Andrea Pinketts. Tanti eventi e incontri di riviste letterarie.

BOOK PRIDE, con la direzione dello scrittore Giorgio Vasta, porta a Milano circa 200 editori e quest’anno è in scena alla Fabbrica del Vapore in questi giorni con 250 eventi. Fra le importanti novità della quinta edizione, la collaborazione con due significativi eventi concomitanti: il festival Libri Come (Auditorium Parco della Musica di Roma, 14-17 marzo) e Digital Week (Milano, luoghi vari, 13-17 marzo), con i quali si sono definiti ospiti comuni e programmi condivisi.

Angelo Calvisi “Genesi 3.0” per Neo Edizioni.

DIECI ANNI DI NEO  EDIZIONI – La Neo Edizioni nasce nel 2008, con sede a Castel di Sangro (AQ), nel cuore del crinale appenninico, alle porte del Parco Nazionale d’Abruzzo e Molise. Un luogo di resistenza per fare letteratura e un palco privilegiato come quello del Book Pride sul quale la casa editrice ha sempre scommesso.

Quest’anno due libri di punta per la Neo. GENESI 3.0 di Angelo Calvisi, con un bosco ai margini del mondo e, ai margini del bosco, un ragazzo e un uomo. Il ragazzo si chiama Simon, l’uomo è il Polacco. Vivono liberi e in attesa, perché un giorno il Polacco farà ritorno nella Capitale per compiere una misteriosa missione urbanistico/militare. Nella grande città, la vita di Simon diventa un incubo di lavoro inutile, burocrazia tumorale e sanità alienata. Il risveglio arriverà all’improvviso, sull’orlo di un riscatto mai immaginato.

La gente non esiste, il nuovo libro di Paolo Zardi, narra di coinquilini di un condominio che si cercano come fossero l’ultimo avamposto di un’umanità che scompare. Una ragazzina è certa che il mondo stia finendo, e vede nel fratellino paraplegico la risposta a ogni sua paura. Un padre nasconde alla figlia il lavoro che fa – l’editore – spacciandosi per un attore porno. Attraversa questi racconti una grazia diffusa, laica, talvolta ironica. Una presenza inafferrabile ma necessaria per fissare dritto negli occhi un tempo sempre più liquido.

 

OGNI DESIDERIO – tema di BOOK PRIDE 2019

Il tema scelto per il 2019 è OGNI DESIDERIO. Se il desiderio è il legame che connette chi scrive a chi legge, allora ogni editore è il ponte di corda – mobile, duttile – che mette in relazione lo sguardo di un autore con lo sguardo di quell’altro particolarissimo autore che è il lettore. Ogni editore indipendente fabbrica legami, inventa desideri, dunque avventure.

BOOK PRIDE vuole esplorare i modi diversi e spesso inaspettati nei quali il desiderio si manifesta. E vuole farlo evidenziando da subito – a partire dalla scelta dell’aggettivo indefinito ogni – che il desiderio non è uno, dato e univoco, certo e controllabile, bensì plurale, brulicante, contraddittorio e conflittuale. Il desiderio, se profondamente vissuto, tanto costruisce quanto disfa: genera, disorienta, rivela. Desiderare è dunque una tensione a modificare gli scenari, addirittura a immaginarne di nuovi, tanto a livello individuale quanto collettivo.

L’immagine-simbolo di OGNI DESIDERIO è stata creata dall’artista Nicola Magrin. Il suo lavoro, realizzato ad acquerello, riporta alle molte suggestioni della parola desiderare: una donna, un cielo stellato, un senso di mancanza e insieme di attesa.

 

Professori di desiderio – Dodici lezioni d’autore, in collaborazione con Fondazione Treccani Cultura, ognuna focalizzata su un personaggio letterario, maestro a sua volta nell’arte del desiderio: Violetta Bellocchio e il desiderio di Jane Eyre, dal romanzo di Charlotte Brontë; Giorgio Fontana e il desiderio dell’agrimensore K., da Il Castello di Franz Kafka; Fabio Geda e il desiderio di Asher Lev, da Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok; Nicola Lagioia e il desiderio dei personaggi di Truman Capote, in A sangue freddo e in Preghiere esaudite, ovvero quando le persone reali diventano personaggi di romanzi di non fiction; Marco Malvaldi e il desiderio di Barney da La versione di Barney di Mordecai Richler e quello di Winston, il protagonista di 1984 di George Orwell; Antonio Moresco e Tiziano Scarpa e il desiderio di Don Chisciotte e Sancho Panza, dal capolavoro di Cervantes; Francesco Pacifico e il desiderio di Mrs Dalloway, dal romanzo di Virginia Woolf; Valeria Parrella e il desiderio di Antigone, dalla tragedia di Sofocle; Elena Stancanelli e il desiderio dell’Iguana e del puma Alonso, da due tra i romanzi più belli di Anna Maria Ortese; Chiara Valerio e il desiderio di Kurtz, da Cuore di tenebra di Joseph Conrad; Simona Vinci e il desiderio dei personaggi delle fiabe dei Fratelli Grimm.

 

Sempre in collaborazione con Fondazione Treccani Cultura e con il patrocinio dell’Istituto della Enciclopedia Italiana, in programma anche un incontro che prende spunto dalla recente pubblicazione della Treccani del codice Bodley 646, che contiene gli Astronomicon libri di Basinio da Parma, il primo poema astronomico dell’Umanesimo italiano, con Amedeo Balbi e Matteo De Giuli, e una lectio magistralis di Carlo Ossola sull’Europa.

 

Stelle polari – Ciclo di conversazioni e interviste in cui i protagonisti raccontano il legame che hanno con l’oggetto del loro desiderio, la loro “stella polare”: Paolo Cognetti e Chandra Livia Candiani esploreranno il desiderio di silenzio; Federico Fiumani si concentrerà sul desiderio del nulla, nell’incontro Affinità e divergenze, 35 anni dopo, tra Siberia e noi; Giuseppe Genna racconterà il desiderio italiano con Marco Damilano; Dori Ghezzi interverrà in un incontro, che a vent’anni dalla scomparsa di De André, si intitola All’incanto dei desideri; Paolo Giordano racconta il desiderare quello che non c’è, prendendo spunto dall’intervento della giovane attivista svedese Greta Thunberg, che ha riportato con forza l’attenzione sul cambiamento climatico, e riflette quindi sulla sorte delle utopie, sul sentimento antiscientifico che sta braccando l’Italia e l’Europa; Christian Raimo parlerà del desiderio di uguaglianza a partire dall’articolo 3 della Costituzione; l’astrofisica Sandra Savaglio racconterà il nesso tra desiderio e cielo stellato; Patrizia Valduga e Pietro Barbetta si concentreranno invece sul legame tra desiderio erotico, mancanza e poesia; Walter Siti si interrogherà sulla transizione dal desiderio al bisogno.

 

Fra gli omaggi e gli incontri tematici, Quodlibet ripubblica un pamphlet di Giancarlo De Carlo a 100 anni dalla nascita, in vista di una mostra a lui dedicata alla Triennale di Milano. Sur organizza una presentazione “danzata” con Violetta Bellocchio e i ballerini dell’associazione culturale Tangomorphosi di Non si uccidono così anche i cavalli di Horace McCoy. Voland presenta la versione integrale di Nel primo cerchio di Aleksandr Solženicyn con Denise Silvestri e Anna Zafesova. Casagrande ricorda il grande scrittore outsider Friedrich Glauser con Paola Del Zoppo ed Edgardo Franzosini, La Nuova Frontiera celebra Mercé Rodoreda con Elena Stancanelli e Viola Di Grado, mentre Hoepli presenta Woodstock. I tre giorni che hanno cambiato il mondo di Mike Evans e Paul Kingsbury, a 50 anni dall’evento musicale più importante di sempre, una pietra miliare che ha definito una generazione, con Ezio Guaitamacchi, Fabio Treves e Luca Valtorta.

 

A cura di BOOK PRIDE, Primo Levi e il desiderio dell’umano, che celebra il centenario della nascita di Primo Levi, con Marco Belpoliti, Mario Barenghi e Demetrio Paolin e Desiderio di realtà. Come e perché la non-fiction, con i critici Gianluigi Simonetti e Lorenzo Marchese.

 

BOOK ART – Kunstverein Milano cura la sezione dedicata all’art publishing, proponendo una selezione di artisti che utilizzano l’editoria come parte integrante della loro pratica: oltre venti personalità che dagli anni Settanta a oggi usano la carta stampata per diffondere conoscenza e produrre nuove forme di immaginazione.

 

SPAZIO RIVISTE – Torna il focus sulle riviste indipendenti, con una selezione di magazine a cura di Edicola 518 e un programma di incontri e laboratori con le più note riviste letterarie italiane.

 

BOOK PRIDE OFF – Ricco anche il programma OFF, in locali e librerie della città. Tra i circa venti appuntamenti, uno speciale ricordo di Andrea Pinketts, scomparso lo scorso 20 dicembre, a cura di Alessandro Beretta (Circolo Ex Combattenti); Ogni festa è un desiderio (libreria Verso), una festa e un incontro con gli editori indipendenti sui loro desideri esauditi; Un altro porno è possibile, una serata di discussioni, proiezioni e letture sulla pornografia e i suoi mutamenti (a cura di BOOK PRIDE con PoP- Piece of Pie). E ancora reading, feste, serate di musica e parole.



Society - 03/12/2018

Topolino ha 90 anni, celebrato a New York, Roma e Desenzano

Tra eroi e supereroi celebrati che tornano e ripescano nel proprio mito nella speranza di mantenerlo [...]

Leisure - 14/12/2018

C’è danza a Milano con NAO Festival

Qeekend di danza e arti coreografiche a Milano. Si sta per chiudere la lunga kermesse del NAO Perfor [...]

Leisure - 09/10/2019

Le visioni vertiginose di Fabio Giampietro

“Scraping the Surface, attraverso la tela” di Fabio Giampietro che parte alla Fabbrica Eos Galle [...]

Top