1 Aprile 2017

Due gallerie innovative di Parigi e Londra premiate al Miart 2017

Due progetti espositivi già trionfano nella Milano Art Week: sono della galleria inglese e della galleria parigina Pact. Ecco i motivi.

1 Aprile 2017

Due gallerie innovative di Parigi e Londra premiate al Miart 2017

Due progetti espositivi già trionfano nella Milano Art Week: sono della galleria inglese e della galleria parigina Pact. Ecco i motivi.

1 Aprile 2017

Due gallerie innovative di Parigi e Londra premiate al Miart 2017

Due progetti espositivi già trionfano nella Milano Art Week: sono della galleria inglese e della galleria parigina Pact. Ecco i motivi.

Alla 22esima edizione di Miart, la fiera d’arte che si pone come un’enorme mostra cosmopolita di tutte le innovazioni del settore dal mondo, ha già due vincitori.

Pact è la galleria emergente di questi due intraprendenti curatori.
Pact è la galleria emergente di questi due intraprendenti curatori.

La galleria Pact– con sede a Parigi – si aggiudica quest’anno il Premio BeART/emergent, il premio del valore di 4.000 euro destinato alla galleria della sezione emergent più meritevole per la promozione di giovani artisti. Il premio 2017 è in partnership con BeART, piattaforma di crowdfunding.

Pact, aperta nel Marais, il quartiere parigino degli artisti d’avanguardia attorno al Centre Pompidou, è l’acronimo di Pierre-Arnaud and Charlotte Trivini. Ci siamo soffermati sulla proposta della scultura di Amy Brener, tra l’archeologia e la fantascienza, e Pierre-Arnaud ci ha detto: “Questa è un’artista canadese su cui puntiamo molto. Ci mette molto tempo ad assemblare queste sculture, anche anni. Perché sono l’incontro del passato e del futuro, con dei materiali plastici che usano elementi naturali, come anche fiori e piante incollate a strutture che richiamano l’antico. Organizza oggetti, li sovrappone in elementi di architettura antica che riproduce con la resina. Fa pochi pezzi, è un sicuro investimento per chi la compra”.

E così dopo un giorno dalla nostra conversazione, Amy Brener ha vinto. Con il progetto che combina passato e futuro, che vedete in foto d’apertura, con calchi di frammenti architettonici e oggetti di uso quotidiano, come i suoi “scudi” che richiamano i tablet tecnologici. Il solo allestimento meriterebbe una visita.

Arte e danza assieme per il progetto della galleria Pact di Parigi.
Arte e danza assieme per il progetto della galleria Pact di Parigi.

L’altro artista di punta della parigina Pact è l’italo-venezuelano Manuel Scano Larrazàbal, nato a Padova nel 1981, da madre venezuelano e padre sardo. Negli anni 80 è cresciuto a Caracas per poi frequentare a Milano l’Accademia di Belle Arti di Brera. Il suo progetto si chiama “Pantomime”, una parola che rimanda al movimento corporeo e alla mimica allegorica. Si articola in mobili fatti di legno e fili di nylon con alle estremità delle penne che sembrano danzare su azione di ventilatori. L’idea della galleria è stata quella di far dialogare quest’opera con l’artista e coreografo francese Benjamin Bertrand, che recentemente aveva creato “Rafales” un duetto col ballerino Léonor Zurflüh, che riprende il tema dell’armonia di due corpi che ballano al vento.

Lucy Harvey e il progetto della galleria londinese Anthony Reynolds.
Lucy Harvey e il progetto della galleria londinese Anthony Reynolds.

Il Premio Herno destinato allo stand con il miglior progetto espositivo, pensato, allestito e curato in tutti i dettagli come una mostra, è andato invece alla Anthony Reynolds Gallery di Londra, con la mostra personale di Lucy Harvey. L’artista ha portato a Miart un estratto di 4 video e del suo progetto Guide To Life che va avanti dal 1997. La galleria, attiva dal 1985 in uno spazio ai confini della City, è stata premiata per l’ambizione, la qualità del concept dell’allestimento e la capacità di raccontare nello spazio di uno stand fieristico una pratica artistica complessa e profondamente legata all’esistenza dell’artista. Lucy Harvey dice della sua opera: “Ho iniziato a fare una serie di disegni astratti formato cartolina. Mi sono concentrata sulle sensazioni dei cicli dell’artista: l’esaltazione della creazione e la disperazione del nulla che viene dopo. Il lavoro sulla natura dell’arte è venuto fuori così, sovrapponendo i disegni alle parole. Tratta dell’eterno mistero della bellezza. Così l’ho intitolato The Answer To Everything”.

Read in:

Picture of Christian D'Antonio

Christian D'Antonio

Christian D’Antonio (Salerno,1974) è direttore responsabile della testata online di lifestyle thewaymagazine.it. Iscritto all’albo dei giornalisti professionisti dal 2004, ha scritto due libri sulla musica pop, partecipato come speaker a eventi e convegni su argomenti di tendenza e luxury. Ha creato con The Way Magazine e il supporto del team di FD Media Group format di incontri pubblici su innovazione e design per la Milano Digital Week e la Milano Design Week. Ha curato per diversi anni eventi pubblici durante la Milano Music Week. È attualmente ospite tv nei talk show di Damiano Gallo di Discovery Italia. Ha curato per il quartiere NoLo a Milano rassegne di moda, arte e spettacolo dal 2017. In qualità di giudice, ha presenziato alle manifestazioni Sannolo Milano, Positive Business Awards, Accademia pizza doc, Cooking is real, Positano fashion day, Milan Legal Week.
Ti potrebbe interessare:

Il sentimento oceanico diventa arte

presso l’Associazione TRAleVOLTE la mostra fotografica di Marco Rinaldi e Paola Setaro Atlantique. Frammenti di un sentimento oceanico, con testo

Il mito della Luna a Procida

Sull’isola di Procida (Napoli) ci si prepara alla rassegna di inclusione scolastica e culturale il “Mito della Luna”che si terrà presso

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”