Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 09/12/2019

Pierre et Gilles, idoli degli idoli in una dimensione fantastica

La mostra celebrativa "Pierre et Gilles, la fabrique des idoles" fino al 23 febbraio 2020 al Musée de la musique - Cité de la musique a Parigi.

Pierre et Gilles, artisti di fama internazionale, hanno costruito un’iconografia straordinaria dal 1976 non solo con le loro fotografie, ma con il loro complesso immaginario. Il loro lavoro è stato riconosciuto da numerose mostre museali, tra cui una retrospettiva alla Maison Européenne de la Photographie nel 1996, Nuovo Museo di Arte Contemporanea di New York nel 2000, Shanghai Museum of Contemporary Art nel 2005 e Jeu de Paume a Parigi nel 2007. Nel 2017, la loro retrospettiva Clair-Obscur, al Musée d’Ixelles di Bruxelles e poi a Muma a Le Havre, ha riscosso un successo pubblico e di critica. Ora sono esposti alla Città della Musica di Parigi con la mostra dal titolo “La fabbrica degli idoli” fino al 23 febbraio 2020.

Avvalendosi di un’installazione musicale e visuale, l’esposizione esplora l’universo di Pierre e Gilles in un lungo percorso tra fotografie e ritratti di una miriade di icone della musica

Si incontrarono nel 1976 all’inaugurazione del negozio Kenzo a Place des Victoires. Da allora, hanno catturato lo splendore esuberante degli anni seguenti da Claude François al K-Pop del 2010, passando per Sylvie Vartan o Marc Almond. Specie con i cantanti cult Pierre e Gilles tracciano più di quarant’anni di esuberanze visive in una passeggiata tra un centinaio di foto, che Gilles scatta e Pierre dipinge ancora oggi.

Davanti al loro obiettivo si sono seduti Étienne Daho, Stromae, Sylvie Vartan, Nina Hagen, Claude François, Marilyn Manson, Lio e Madonna.

L’esposizione parigina è stata concepita con corredo di copertine, video e ritratti di celebri star del pop, spesso ispirate a immagini religiose. Puro, ma non pulito: lo scatto del duo non ha falsificazione, nessun photoshop. Ci vogliono giorni per sviluppare decorazioni elaborate, con oggetti reali. Naturalmente pensano a Bollywood, ma l’immaginazione è infinita. Sono riusciti, in 35 anni, a rimanere fedeli al loro aspetto, al loro decoro, senza copiare alcun contemporaneo. Il loro segreto: “Fotografiamo solo le persone che amiamo”. Partiti con Amanda Lear negli anni 70, non si sono più fermati.

Per anni, Pierre e Gilles hanno disegnato ritratti di artisti come Madonna, Kylie Minogue, Boy George. Forse qualche rimpianto, tra i rifiuti di Rita Mitsouko e Catherine Ringer, c’è: un progetto sfumato con Dalida (che si suicidò prima del loro appuntamento per un servizio) e Michael Jackson che aveva commissionato 70 ritratti per un libro, ma il duo riuscì a farne solo uno, che costò un mese di lavoro.



Design of desire - 02/07/2018

“Pittori di cinema” fenomeno (dimenticato) tutto italiano

Non era insolito trovare nella provincia italiana capannelli di persone ad ammirare l'ultimo manifes [...]

Society - 11/11/2016

Tricarico e l’arte: “Mi aiuta a mettere in ordine le cose”

Francesco Tricarico mi accoglie nel cortile di Fabbrica Eos a Milano, la galleria di Giancarlo Pedra [...]

Leisure - 07/03/2017

Al Tefaf di Maastricht 7mila anni di storia dell’arte

TEFAF (The European Fine Art Fair) ritorna a Maastricht in Olanda con l'edizione 2017 che è la tren [...]

Top