Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 19/06/2020

Pride Month, la moda, l’arte e la tavola a tema rainbow

La calza arcobaleno e gli aperitivi digitali. Soprattutto Milano, ma la mania si allarga a tutta Italia.

La moda si è attrezzata da tempo. Ma quest’anno per il primo Pride Month in modalità post-Covid, la fantasia si è scatenata. Potete fare il wine tasting con radio personality di spicco come Fabio Marelli, impegnato in tutte le iniziative rainbow da sempre, e addirittura gustare pizza e Tiramisù a tema.

Eastpak produce borse che ispirano le persone a muoversi fin dal 1952. Da azienda produttrice di zaini e sacche militari di manifattura artigianale per l’esercito americano a marchio di lifestyle leader per tutti coloro che vivono e lavorano in città. Per il Pride Month del 2020 ancora più colori su zaini e springer.

LA MODA – La moda Eastpak si unisce al pugile campione del mondo Nicola Adams in una metaforica lotta per l’uguaglianza e per celebrare il diritto di ogni individuo di essere libero da stereotipi e amare incondizionatamente. Nicola Adams è diventato il primo pugile femminile in un contesto sportivo dominato dagli uomini. Come membro ispiratore della comunità LGBTQ, Nicola ha dimostrato al mondo che “a prescindere dalla tua sessualità, colore o genere se lavori duro e rimani concentrato sui tuoi obiettivi, puoi ottenere tutto ciò che vuoi”.

La storia di Nicola parte dalla cittadina di Leeds, in Inghilterra nella quale ha iniziato ad affrontare sfide personali e professinali, prima fra tutte quella di dichiararsi bisessuale e realizzare il sogno di ogni atleta fino ad essere stata nominata dal ‘The Independent’ nel 2012 la persona LGBTQ più influente in Gran Bretagna. Anche quest’anno, in seguito al successo della collezione Pride della scorsa stagione, Eastpak decide di mostrare ancora una volta i suoi colori e di farlo attraverso una raccolta benefica di fondi per ILGA, associazione internazionale Lesbian, Gay, Bisexual, Trans e Intersex. Una parte dei ricavi della nuova Collezione Rainbow di zaini e mini bag sarà donata a ILGA per finanziare le organizzazioni per i diritti LGBTQ e per educare il mondo sull’uguaglianza e il rispetto di tutti. I classici design di zaino, marsupio e borsa a tracolla di Eastpak prendono vita in due colorazioni esplosive: la stampa Rainbow Color tie-dye e la colorazione monocromatica Rainbow Dark con nuance color arcobaleno. Ogni stampa multicolore varia leggermente nel suo motivo, rendendo ogni accessorio unico nel suo genere.

La collezione Levi’s PRIDE rappresenta la massimizzazione dell’espressione personale. Comprende una gamma di t-shirt con la scritta «Use Your Voice» e con il nuovo Levi’s Serif logo. Oltre alle Trucker Jackets in denim in indigo stonewashed o tie-dye. Altri pezzi includono un crop top con il logo Levi’s® Serif rainbow, una Trucker Jacket trasparente iridescente con rivestimento olografico arcobaleno e persino un paio di chaps Pride in denim stonewash.

Inoltre per il 2020, Levi’s® Pride collabora con Self Evident Truths, un progetto fotografico di iO Tillett Wright che documenta 10.000 persone che si identificano come qualcosa di diverso dall’eteronormativa.

 

 

LOVE IS LOVE – Massimo Perna.

MOSTRA – Una ‘mostra evento’ online per raccontare l’amore e l’identità “rainbow” con l’arte: partirà il 20 giugno, sino al 20 settembre 2020, la collettiva “Pride by your side”, organizzata dal gallerista Francesco Maria Boni. Orgoglio, identità, unicità e sessualità: diciannove artisti internazionali, a confronto per raccontare l’amore e il mondo LGBTQI+, tra pittura e fotografia, street art e illustrazione. Tra gli artisti in mostra, Gonzalo Orquin, Massimo Perna, Alessia Babrow, Grigorii Pavlychev e Paolo Pilotti. Circa cento le opere “esposte”. I ricavati della galleria saranno devoluti a due associazioni LGBT italiane.

L’iniziativa ARTSPACE è nello spazio che la galleria online FMB Art Gallery di Francesco Maria Boni (www.fmbartgallery.com) dedica agli eventi speciali. L’evento sarà online per tutta la stagione estiva, come un ipotetico Onda Pride, e si potrà arricchire di eventuali e ulteriori tasselli artistici. La chiamata per gli artisti sarà infatti aperta fino al 31 luglio: la galleria continuerà quindi a valutare nuovi artisti internazionali per tutta la durata della call, presentandone col tempo di nuovi. I ricavati della galleria per questo evento saranno devoluti a due associazioni LGBT italiane: Casa Famiglia Refuge LGBT e Plus – Persone LGBT+ sieropositive.

Calling for a new Renaissance -Gonzalo Orquin.

L’EVENTO COME UN’ONDA PRIDE – Il progetto artistico intende allinearsi alle celebrazioni online della comunità LGBTQI+ previste per tutto il mese di giugno, che quest’anno a causa dell’emergenza sanitaria si svolgeranno soltanto virtualmente o con piccole ma significative iniziative, per non compromettere il distanziamento sociale richiesto. Il tema del progetto “Pride by your side” riguarda il mondo LGBT e punta a mettere in evidenza l’orgoglio della diversità di ogni singolo individuo che si manifesta nel rapporto intimo che abbiamo con noi stessi, ma anche con il mondo esterno con il quale ci relazioniamo. Agli artisti sono state date delle parole chiave sulle quali lavorare ed esprimersi: orgoglio, identità, unicità, sesso e sessualità. Queste interrogano non soltanto il nostro io più profondo, ma anche l’amore e il sesso come espressione del proprio essere.

Gloss of heroes – Paolo Pilotti

Split – Grigorii Pavlychev

 

GLI ARTISTI IN MOSTRA – Diciannove gli artisti in mostra, con “incursioni” provenienti dalla Spagna, Israele, Russia e Inghilterra. Circa cento le opere “esposte”, tra fotografia e pittura, street art e illustrazione. Ecco l’elenco completo, in ordine alfabetico: Alessia Babrow, Thomas Bires, Cinzia Carbonelli e Adriana Seganti, Lidia Cestari, Classic/Plastic Philosophy©️, Bianca Demo, Yasmine Elgamal, Yisrael Dror Hemed, Ernesto Notarantonio, Gonzalo Orquin, Stefano Pallara, Grigorii Pavlychev, Massimo Perna, Nadir Pecvik, Paolo Pilotti, Stefano Regondi, Francesco Ruspoli, Fabio Turri.

Albert Hofer, Andrea Ratti e il Mono di via Lecco a Milano, la nuova gay street della città.

VINO RAINBOW – Arriva quest’anno anche la Rainbow Edition dei WineTelling (19-28 giugno) promossa da Milano Wine Week in concomitanza con la Milano Pride Week, la settimana dell’orgoglio delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, queer, intersessuali e asessuali.

Si tratta di un ciclo di 6 “aperitivi digitali” speciali che saranno trasmessi da alcuni locali “LGBTQI* friendly” di Milano in live streaming sul profilo Instagram di Milano Wine Week con l’obiettivo di discutere di diversità e inclusione davanti a un buon calice di vino.

Al Q Club di NoLo, Milano, Carlo Mognaschi e Fabio Marelli.

WineTelling – Rainbow Edition (https://www.facebook.com/events/583648655887263/) è un progetto di Milano Wine Week prodotto da SG Company in collaborazione con Milano Pride e in media-partnership con Gay.it.

Per il Wine Telling online, tutte le conversazioni saranno accompagnate dalla degustazione di un vino, la cui tipologia sarà a scelta dei protagonisti, e abbinate a una playlist pubblicata sul canale ufficiale di Spotify “Milano Wine Week”. Uno strumento per approcciare le caratteristiche del vino in una modalità davvero non convenzionale. 

Questo il calendario completo degli appuntamenti in programma in diretta dal profilo IG Milano Wine Week:

 

Venerdì 19 Giugno | H.19:30

@Q Milano | Carlo Mognaschi (Owner & Dj Resident “Q Milano”) meets Fabio Marelli (Speaker “Discoradio” e scrittore)

 

Sabato 20 Giugno | H.19:30

@POP | Protopapa (Dj & Creative Director) meets Monica J. Romano (Attivista e scrittrice)

 

Domenica 21 Giugno | H.19:30 | In diretta dai profili IG Festival MIX e Milano Film Festival

@Piccolo Teatro | Alessandro Beretta (Direttore artistico “Milano Film Festival) meets Debora Guma (Co-direttrice artistica “Festival MIX”)

 

Giovedì 25 Giugno | H.19:30

@Rocket | Barbarella (Dj Resident “Rocket”) meets Frida Affer (Esperta di sessuologia e Owner “Wovo Store”)

 

Venerdì 26 Giugno | H.19:30

@Immorale | Manuel Menini (Dj Resident “La Boum”) meets Lina Galore (Drag performer)

 

Domenica 28 Giugno | H.19:30

@MONO | Andrea Ratti (Dj & Co-Founder “Club Domani / Plastic”) meets Albert Hofer

(Co -Founder “Le Cannibale”)



Leisure - 02/06/2019

Fausto Roma opening a Venezia

La Romberg Arte Contemporanea presenta un progetto espositivo studiato in esclusiva per la location [...]

Society - 08/04/2018

Cos’ha fatto l’artista spagnolo Eugenio Ampudia a Roma

Eugenio Ampudia è uno degli artisti digitali e inventivi più celebrati di Spagna, tanto che espone [...]

Design of desire - 31/03/2017

Per la Design Week Hyper Room sprigiona anche Idee Verticali

In occasione dell’attesissima Design Week milanese dal 4 al 9 Aprile si svolgeranno gli esclusivi [...]

Top