27 Gennaio 2019

Quando il dna dei Backstreet Boys ritorna

Nick Carter, Howie Dorough, Brian Littrell, AJ McLean e Kevin Richardson tornano con un disco di inediti che riprende solo l'energia del passato. Il sound è attuale.

27 Gennaio 2019

Quando il dna dei Backstreet Boys ritorna

Nick Carter, Howie Dorough, Brian Littrell, AJ McLean e Kevin Richardson tornano con un disco di inediti che riprende solo l'energia del passato. Il sound è attuale.

27 Gennaio 2019

Quando il dna dei Backstreet Boys ritorna

Nick Carter, Howie Dorough, Brian Littrell, AJ McLean e Kevin Richardson tornano con un disco di inediti che riprende solo l'energia del passato. Il sound è attuale.

Il rutilante mondo della discografia internazionale si affida ai corsi e ricorsi, come si sa, e ora è arrivato il momento di riaccogliere i Backstreet Boys, una delle band più iconiche degli anni ’90. I cinque di Orlando, tutti verso i 50 anni, tornano in questi giorni nella formazione originaria con il nuovo album “DNA”, in uscita in versione fisica e digitale il 25 gennaio per RCA Records.

Dopo aver pubblicato brani diventati cult che tutti quanti conoscono come “I Want It That Way”, “As Long As You Love Me” e “Everybody (Backstreet’s back)”, il gruppo americano presenta nuovi pezzi che riprendono l’energia dei successi degli anni ’90 e primi 2000. Ma, tranquilli, il sound risulta aggiornato.

“Don’t Go Breaking My Heart”, il singolo pubblicato a maggio, “Chances” scritto da Ryan Tedder (leader dei OneRepublic) e da Shawn Mendes, singolo attualmente in radio, “No Place” e “Breathe” hanno anticipato l’uscita del nuovo lavoro. Nel disco ci sono anche pezzi scritti da Lauv (già con Charli XCX), Andy Grammer, Stuart Crichton (DNCE) e Mike Sabbath (J Balvin).

Le nuove New Love, Passionate e Is It Just Me sono delle autentiche concentrazioni di suoni di questi tempi che nulla hanno a che fare con la nostalgia. In alcuni passaggi, il funky suonato è una bella sorpresa per il mood sempre danzereccio del loro mondo musicale.

«Ciò che amiamo di più di questo disco» – spiega Kevin Richardson – «è il fatto che abbiamo fatto convergere tutte le nostre influenze e stili musicali in un lavoro coeso. Queste canzoni sono un’ottima rappresentazione di noi stessi come individui e come parte del gruppo. È il nostro DNA. Siamo davvero orgogliosi di questo progetto».

 

«Il nostro gruppo si è formato 26 anni fa – racconta Howie D – e abbiamo passato tanti alti e bassi durante la nostra carriera. Ma dalle nostre singole esperienze abbiamo capito che la cosa più importante era fare ciò che fosse meglio per il gruppo».

 

Forti di un’esperienza di grande successo come i concerti allo Zappos Theater di Las Vegas (iniziata nel marzo del 2017, la residency “Backstreet Boys: Larger than Life” terminerà il 27 aprile 2019),  l’11 maggio il gruppo darà il via al “DNA World Tour” e il 15 maggio saranno in concerto al Mediolanum Forum di Milano. «Las Vegas è stato un capitolo grandioso della nostra carriera e le prossime date saranno una grande festa per tutti», ha dichiarato Brian. «Ma è ora di tornare a far visita ai nostri fan nel mondo!».

Durante il tour la band si esibirà in Europa e Nord America, con concerti alla O2 Arena di Londra, all’Accor’Hotels Arena di Parigi e alla Mercedes Benz-Arena di Berlino.

 

«Il nostro cammino prosegue e c’è ancora tanto da fare», commenta Brian Littrell. «Ci accingiamo a vivere un nuovo capitolo che ancora non è stato scritto e tutto ciò è entusiasmante».

I Backstreet Boys sono Nick Carter, Howie Dorough, Brian Littrell, AJ McLean e Kevin Richardson.

Read in:

Picture of admin

admin

Siamo una testata giornalistica di lifestyle maschile e femminile. Ci rivolgiamo a persone interessate alle novità anche di lusso, non solo di prodotto ma anche di tendenza e lifestyle. La nostra mission: celebrare l’ambizione puntando all’eleganza dei potenziali lettori “Millennial” (età 18-34).
Ti potrebbe interessare:

I wallpapers di Adriana Glaviano

Adriana Glaviano è palermitana di nascita, ma ha frequentato a Milano l’Accademia di Brera. Illustratrice e grafica all’inizio della sua

Tanti modi per portare lo zaino

La borsa FREITAG è stata progettata nel 1993 da due studenti, per poi essere usata principalmente  da altri studenti. Oggi

Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Vuoi farne parte? Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e tanti contenuti esclusivi. Registrati subito e accedi ai contenuti “Privè”