Magazine - Fine Living People
Leisure

Leisure - 07/09/2021

Ricerca antropologica in ceramica, il lavoro di Rosanna Bianchi Piccoli

La mostra a carattere antropologico a cura di Anty Pansera presso ISIA Faenza fino all'8 ottobre 2021.

Nei rinnovati antichi spazi dell’ISIA di Faenza è stata inaugurata la mostra Rosanna Bianchi Piccoli. Ricerca etno-socio-antropologica 1957–1963, curata da Anty Pansera, promossa dall’Associazione DcomeDesign e organizzata con ISIA Faenza e con il patrocinio di Comune di Faenza e Amici della Ceramica e del MIC di Faenza

L’evento espositivo è un omaggio alla ceramista Rosanna Bianchi Piccoli (Milano, 1929) che, dalla fine degli anni Cinquanta, si è dedicata al design ceramico con passione e spirito innovativo. Tra il 1957 e il 1963, inizia per l’E.N.A.P.I (l’Ente Nazionale Artigianato e Piccole Industrie) un progetto pilota dal taglio etno/socio/antropologico sulla grammatica ceramica del passato che la porta da Milano alle Marche, dall’Abbruzzo alla Sicilia, e le permette di incontrare i “mastri artigiani”, come il milanese Romeo Daccò, Zizi Tritapepe di Lanciano, Litterio Iachetta di Collesano nelle Madonie, i Fabiani di Fratte Rosa, cocciai dal 1730. L’esposizione all’ISIA di Faenza è composta da 33 pezzi risultato di questa esperienza, alcuni dei quali prodotti appositamente in occasione della mostra a partire dal progetto originale: oggetti d’uso comune senza tempo, insieme antichi e moderni, contraddistinti da un’intensa ricchezza formale, che la ceramista aveva appreso nelle antiche botteghe dei maestri e che aveva imparato felicemente a reinterpretare.

L’artista alla fine degli anni Cinquanta viaggiò a da Milano alle Marche, dall’Abruzzo alla Sicilia, per incontrare i “mastri artigiani”, come il milanese Romeo Daccò, Zizi Tritapepe di Lanciano, Litterio Iachetta di Collesano nelle Madonie, i Fabiani di Fratte Rosa, cocciai dal 1730. Come scrive la curatrice Anty Pansera, past president dell’istituto faentino, nel catalogo della mostra: “Rosanna ha studiato a fondo i tratti, le caratteristiche, le specificità essenziali della tradizionale ceramica italiana, e così ha saputo rivisitarle/reinventarle dando loro nuove funzioni anche del decoro: progettando/mettendo in forma pezzi vitali, ever green, che continuano a saper suscitare suggestioni ed emozioni, rigenerando anche antichi colori. La sua padronanza della materia una valenza indiscutibile e indiscussa, ben visibile”.

Maria Concetta Cossa, direttore di ISIA Faenza, scrive nel suo testo in catalogo: “Rosanna si era fatta valere – cosa non facile per una donna che nell’immediato dopoguerra aveva scelto un mestiere storicamente maschile e addirittura confrontandosi con le botteghe più artigianali e inevitabilmente più arcaiche – lavorando come e meglio di un uomo, non temendo di “sporcarsi le mani”, di dormire nei retrobottega e di perseguire quel sogno utopistico di recuperare gli antichi saperi, le antiche manualità ormai spazzate via dall’avvento della civiltà industriale e del consumismo”.

Rosanna Bianchi Piccoli,Famiglia Pignatte, serie limitata e siglata, 1960-61. Fabiani Fratte Rosa per Il Sestante (MI). Foto: Marirosa Toscani Ballo. Foto di apertura servizio: Rosanna Bianchi Piccoli, Famiglia Terre, 1958. Bottega Popolare di Mastro Zizi Tritapepe, Lanciano. Foto: Marirosa Toscani Ballo.

I pezzi di Rosanna Bianchi Piccoli sono stati esposti in importanti musei internazionali quali Palais de Beaulieu – Museo Arti Decorative di Losanna, Louisiana Museum di Humlebek in Danimarca, Vitra Design Museum di Weil am Rhein in Germania, Norway Design Galleryn di Oslo, PAC, Padiglione dell’Arte Contemporanea – Milano, MIC Museo Internazionale della Ceramica in Faenza, Museu de Arte Brasilera di San Paolo e Design Museum della Triennale di Milano.



Luxury - 11/10/2016

Lufthansa Technik: Mercedes-Benz Style Aircraft è “un loft in un jet privato”

Durante il Monaco Yacht Show oltre alle imbarcazioni di lusso, quest’anno è stato presentato anch [...]

Society - 21/09/2016

Walter Scalzone, il tamburo italiano che entusiasma Dubai

Walter Scalzone è un nome noto a Dubai. Tra yacht di lusso e locali notturni da mille e una notte, [...]

Leisure - 05/06/2020

Gisella Cozzo, un’australiana a Milano che ritrova la musica

Chiunque abbia passato qualche giorno in Italia negli anni Novanta conosce la sua voce. Perché alme [...]

Top
Iscriviti alla newsletter e ai nostri contenuti speciali!

Con soli pochi step si entra in un mondo “privè” con alert sulle novità e sezioni extra che stiamo sviluppando. Obbiettivo: sorprendere i nostri lettori nel corso del 2021!